Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 07 marzo 2021 - Aggiornato alle 15:32
Live
  • 14:50 | Edie Falco sarà Hillary Clinton in “American Crime Story”
  • 14:44 | Perché i Maneskin hanno vinto Sanremo 2021
  • 14:33 | Lorenzo Pellegrini nel mirino del PSG
  • 14:19 | Juventus, se parte Cristiano Ronaldo arriva Icardi?
  • 13:06 | Covid, le condizioni per entrare in Sardegna
  • 13:00 | Una nuova immagine di Archie con mamma Meghan
  • 12:42 | Come evolvono nel corso della vita i rapporti di amicizia
  • 12:36 | App e siti per vendere e comprare second hand
  • 12:29 | Le leggi delle donne, ecco quali sono
  • 12:14 | Judgment arriverà su tutte le piattaforme il 23 aprile
  • 12:00 | Sanremo: I Maneskin vincono sul palco e sui social
  • 11:04 | Speranza: “La ripresa dei contagi causata dalle varianti”
  • 10:48 | Milan, si fermano anche Rebic e Theo Hernandez
  • 10:45 | A Milano la mostra sulle Signore dell’Arte
  • 10:41 | La vittoria della Juventus sulla Lazio (3-1)
  • 10:00 | Zabaione di parmigiano, la ricetta
  • 09:02 | Sanremo 2021: i beauty look dell’ultima serata
  • 08:36 | Sanremo 2021: i look dell’ultima serata
  • 08:02 | Su Twitter si potrà annullare la pubblicazione di un tweet: ecco come
  • 07:00 | Pancake classici, la video ricetta
Bambini e computer, qual è l'età giusta? Mamma al pc con figlia - Credit: Pexels
MAMME 15 gennaio 2021

Bambini e computer, qual è l'età giusta?

di Luciana Zompì

Un po’ di chiarezza

Quando si tratta di affrontare tematiche legate ai bambini i dubbi che assalgono sono sempre frequenti e quasi per tutti gli stessi, se parliamo poi di bambini e computer e di quale sia l’età giusta per cominciare la situazione si fa ancora più delicata e controversa.

 

Vediamo qual è lo scenario e quale il parere degli esperti in questo caso.

La tecnologia

Siamo tutti reduci da un anno complesso, che ci ha messo di fronte a un uso coatto della tecnologia, anche tutti quelli che l’hanno per scelta sempre messa all’angolo sono stati costretti a fare i conti con connessioni e dispositivi tecnologici tra didattica a distanza e smart working, con un coinvolgimento anche dei piccoli utenti. 

 

Inutile negare che i bambini di oggi siano ormai una generazione molto digital, avvezza a smartphone, tablet e laptop molto più di noi e il più delle volte tendente a un uso spropositato e a un vero abuso, per cui siamo di fronte a una realtà concreta che necessita solo una supervisione consapevole.

I dati

Secondo alcune ricerche negli USA il 50% dei bambini tra i 5 e i 9 anni è online quotidianamente, una porzione anche di età inferiore gioca tramite videogame e dispositivi mobili e l’utilizzo di smartphone è largamente diffuso, con un conseguente abbassamento dell’età.

 

In Italia lo scenario è lo stesso e per i pediatri l’esposizione agli schermi in età inferiore ai 5 anni è sempre deleteria per i piccoli e per la loro crescita, perché provoca un isolamento, seppur temporaneo, dei bambini e una diminuzione delle loro interazioni sociali.

 

In realtà quel che bisognerebbe fare preso atto di questa situazione è quello di cambiare approccio, sia con i bambini in età scolare che in quelli più piccoli, cercando di regolarizzarne l’utilizzo e di far capire loro il potere delle nuove tecnologie e di ciò che utilizzano, cercando di puntare sul valore costruttivo che queste ultime hanno. 

 

La cosa importante non è evitare che i bambini interagiscano o sfruttino le nuove tecnologie, ma piuttosto insegnare loro a farne un uso risoluto, utile e attento, in modo da evitare di sviluppare cattive dipendenze, regolarizzandone il tempo e scandendolo tramite anche un timer impostato, che può essere un’ottima soluzione per identificare fine e inizio dell’utilizzo.

I più visti

Leggi tutto su Donna