Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
    • Ricette
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 17 giugno 2021 - Aggiornato alle 18:32
Live
  • 14:06 | Defibrillatore cardiaco per Eriksen: ritorno in campo lontano
  • 21:35 | È partita la sperimentazione del nuovo servizio satellitare di TIM
  • 18:50 | "La mia felicità" è il nuovo singolo di Fabio Rovazzi ed Eros Ramazzotti
  • 18:09 | Frasi stato Whatsapp: idee per frasi belle da mettere
  • 17:30 | Draghi ha firmato il decreto sul Green Pass
  • 16:41 | Cosa prevede il Decreto Legge Riaperture
  • 15:28 | Hamilton analizza i problemi della Mercedes
  • 15:16 | La politica internazionale dopo l'incontro tra Biden e Putin
  • 15:10 | Francia, mascherine non più obbligatorie quando si sta all’aperto
  • 14:47 | Rafa Nadal non giocherà né Wimbledon né le Olimpiadi
  • 14:47 | Lisa Kudrow oggi, che fine ha fatto la protagonista di Friends
  • 14:42 | Chi è Ryan Prevedel, una delle star di Tik Tok
  • 14:34 | Podcast e green: 5 podcast italiani che parlano di sostenibilità
  • 14:31 | Russia, Navalny è tornato alla colonia penale di Pokrov
  • 14:23 | Quali sono le città italiane in cui si respira meglio?
  • 14:17 | Il principe Harry è un padre perfetto
  • 14:15 | Età gatti: come calcolarla e come calcolarla in anni umani
  • 14:10 | Musica matrimonio: i generi più amati
  • 14:04 | Registe donne più famose al mondo
  • 13:03 | “Dune” in anteprima mondiale alla Mostra di Venezia
Bambini e emozioni: come gestire la tristezza Bambino triste - Credit: iStock
BAMBINI 13 marzo 2021

Bambini e emozioni: come gestire la tristezza

di Luciana Zompì

Manuale di sopravvivenza per genitori

Lo sappiamo che state sperando che i vostri bimbi non siano mai tristi e, certo, ve lo auguriamo, ma fate conto che la gestione delle emozioni è una tappa obbligata della fase evolutiva e verrà il momento in cui dovrete fronteggiarla e sapere come gestirla al meglio, serenamente e a modo, per il bene del vostro piccolo.

 

Bambini ed emozioni è un tema che sta molto a cuore ai genitori, che si chiedono spesso come gestire la tristezza, incanalarla nel migliore dei modi per far sì che questa non si stratifichi provocando chiusure e malesseri.

La tristezza nei bambini

Una cosa è indispensabile chiarire quando si tratta di affrontare questo tema, ossia che come dicono gli esperti al pari delle altre emozioni anche la tristezza nei bambini non può essere minimamente estirpata, ma merita di essere vissuta e mai compressa.

 

Ricordate che tirare fuori ogni minimo sconforto è liberatorio sia per i grandi che per i piccoli, e reprimerlo non aiuterebbe di certo ad eliminarlo.

Il punto è che noi genitori non possiamo, per quanto vorremmo fortemente, evitare che un bambino soffra, non possiamo pensare di proteggerli da ogni frustrazione, ma quel che dobbiamo e possiamo fare è dotarli degli strumenti giusti per gestire ogni emozione.

 

Come, vi starete chiedendo? Educandoli nel migliore dei modi.

L’educazione emotiva

Qualsiasi emozione si debba vivere o si stia vivendo necessita di una profonda educazione, indispensabile perché si abbiano gli strumenti per far sì che un bambino possa sentirsi accolto, compreso e sostenuto.

 

Come si educano le emozioni? Si comincia sin dalla nascita, dando vita a un lavoro quotidiano, da tarare giornalmente in base anche ai caratteri dei piccoli, alla loro sensibilità e personalità.

 

Le risposte emotive dei bambini insegnano anche ai genitori stessi come comportarsi, e questi dovranno tenere conto che man mano che si cresce entreranno in gioco nell’educazione anche altre figure, da quelle familiari ai docenti sino agli educatori, che rappresenteranno un forte sostegno e un aiuto nello sviluppo dei modelli riferimento.

 

La tristezza, come le altre emozioni, necessiterà di un grande lavoro, dovrà essere accolta, si dovrà verbalizzare e attribuirle un nome perché il piccolo possa metabolizzarla e superarla, incentivando anche il pianto come strumento liberatorio,da non colpevolizzare mai con frasi tipo “non piangere perché fai piangere anche me”.

 

Il bambino deve sentirsi libero di esprimere al meglio la sua sofferenza, senza che li si generino altri sensi di colpa inutili.

I più visti

Leggi tutto su Donna