TimGate
header.weather.state

Oggi 16 agosto 2022 - Aggiornato alle 23:04

 /    /    /  Biberon e microonde, rischi e cautele
Biberon e microonde, rischi e cautele

Biberon e microonde- Credit: iStock

MAMME06 marzo 2021

Biberon e microonde, rischi e cautele

di Luciana Zompì

Tutte le informazioni al riguardo

Quando si parla di neonati e allattamento, spesso ci si scontra con la questione allattamento artificiale, che necessita di un biberon.

 

La maggior parte delle mamme utilizza un microonde per scaldare in modo veloce il latte, senza aspettare i tempi di pentolini pieni d’acqua che bolle leggermente perché il latte arrivi a temperatura, ma la domanda che più spesso ci si pone è: è possibile scalare il biberon nel microonde in piena sicurezza?

Un po’ di chiarezza

La produzione di oggetti e prodotti destinati alla prima infanzia è sottoposta a continue attenzioni e restrizioni: dal 2009, ad esempio, sostanze come il Bisfenolo A, utilizzato precedentemente per i biberon, sono state inserite nell'elenco delle sostanze vietate nei prodotti cosmetici (Regolamento (CE) 1223/2009); dal 2011 il suo uso è vietato per la fabbricazione di biberon di policarbonato per lattanti (Regolamento (UE) 321/2011).

 

Il bisfenolo A, dunque, è stato bandito dalla produzione industriale di biberon poichè il suo utilizzo rilascia piccole quantità di composto, andando a contaminare cibi e liquidi che possono diventare vettori dell’elemento nel corpo.

 

I biberon disponibili sul mercato, oggi, quindi sono sicuri e privi di sostanze che potrebbero risultare nocive per i neonati e il microonde non deve essere assolutamente demonizzato.

Il sistema del microonde

L’idea che microonde e liquidi per lattanti possano essere una pratica rischiosa è in realtà un concetto superato e che non ha fondamento: le microonde dell’elettrodomestico, infatti, scaldano il latte portandolo alla temperatura desiderata, ma senza modificarne e intaccarne la composizione chimica e senza andare a liberare composti che potrebbero risultare nocivi.

 

Il calore si sviluppa all’interno dell’alimento posto a scaldare e non viene trasferito per conduzione alle pareti del contenitore, come ad esempio può essere il biberon.

 

Una volta posto il latte a scaldare, senza ghiere nè tettarelle, l’unica accortezza che si dovrà avere oltre a quella ovviamente di inserire la bottiglia in un microonde pulito, è quella di controllare la temperatura del latte prima di offrirlo al neonato, per evitare che sia troppo bollente.