Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 25 gennaio 2021 - Aggiornato alle 13:30
Live
  • 13:14 | Il Chelsea esonera Lampard, al suo posto in arrivo Touchel
  • 12:52 | Napoli, Gattuso rischia. Sullo sfondo c’è Benitez
  • 12:49 | I 40 anni di Alicia Keys
  • 12:29 | La playlist di TIMMUSIC con le hit più famose di Alicia Keys
  • 11:06 | Il possibile scambio tra Dzeko e Bernardeschi
  • 11:00 | Armadio a muro, la soluzione ideale per spazi piccoli
  • 10:52 | La lotta-salvezza dopo il girone d’andata
  • 10:40 | La rielezione di Rebelo de Sousa in Portogallo
  • 10:15 | Recovery Plan, la Commissione europea chiede le riforme
  • 10:00 | Regeni ucciso cinque anni fa, Mattarella: autorità egiziane rispondano
  • 10:00 | Operazione Risorgimento Digitale TIM: Cybersecurity, ERP e Datacenter
  • 10:00 | Il ritorno delle sette sorelle
  • 09:50 | Giga illimitati in regalo ogni mese con TIM UNICA
  • 09:45 | Chi sono gli Extraliscio, in gara al Festival con "Bianca Luce Nera"
  • 09:00 | Chi torna in classe oggi, 25 gennaio
  • 07:04 | “The First Lady”, la serie dedicata alle donne della Casa Bianca
  • 06:11 | Parma-Sampdoria 0-2, risolvono Yoshida e Keita Balde
  • 06:00 | I titoli dei giornali di lunedì 25 gennaio
  • 00:32 | Basket, Serie A: risultati, tabellini e classifica dopo la 17ª giornata
  • 00:01 | Basket, Serie A: la Dinamo Sassari espugna Trieste 82-103
Come funzionano i permessi per allattamento Allattare - Credit: iStock
MAMME 24 novembre 2020

Come funzionano i permessi per allattamento

di Luciana Zompì

Un tuo diritto

Spesso il rientro a lavoro per una mamma che ha avuto un bambino da poco non è semplice, c’è da organizzarsi con il piccolo, l’allattamento, gli orari.

 

Di fatto però non è certo impossibile conciliare i due aspetti, allattamento e lavoro, basta un po’ di organizzazione e soprattutto la consapevolezza che allattare è un diritto, pertanto fatelo valere con fierezza.

Come fare domanda

Le madri lavoratrici possono usufruire dei permessi per allattamento, che sono regolamentati in modo differente in base al fatto che siano madri lavoratrici dipendenti a tempo determinato e indeterminato.

 

Per l’allattamento sono previsti due periodi di riposo di un’ora fino al compimento di un anno di vita del proprio figlio (di mezz’ora se la madre fruisce dell’asilo nido o di altra struttura nelle vicinanze al luogo lavorativo).

 

Nel caso del parto gemellare i riposi sono raddoppiati, così come in caso di adozione le tempistiche sono le stesse e raddoppiano in caso di adozione di due bambini.

 

I permessi per l’allattamento per una mamma lavoratrice part time danno diritto a due riposi di un’ora ciascuno se impegnata più di sei ore al giorno,  un solo riposo se impegnata meno di sei ore al giorno.

Nel caso del parto gemellare i riposi sono raddoppiati. Anche in caso di adozione le tempistiche sono le stess.

 

Anche il papà lavoratore può richiedere il riposo per allattamento giornaliero in alternativa alla madre lavoratrice dipendente, a tempo determinato o indeterminato, che non se ne avvalga per espressa rinuncia o perché appartenente a una delle categorie non aventi diritto ai riposi.

 

La mamma deve presentare la domanda al proprio datore di lavoro, a eccezione delle lavoratrici aventi diritto al pagamento diretto dell’INPS. I padri lavoratori devono presentare la domanda sia al proprio datore di lavoro che alla sede INPS di appartenenza per via telematica.   

I più visti

Leggi tutto su Donna