TimGate
header.weather.state

Oggi 13 agosto 2022 - Aggiornato alle 00:01

 /    /    /  Come spiegare l'orologio ai bambini
Come spiegare l'orologio ai bambini

Bambino che legge l'orologio- Credit: iStock

BAMBINI19 febbraio 2021

Come spiegare l'orologio ai bambini

di Luciana Zompì

Trucchi e modalità collaudate

Il concetto di tempo per i bambini sino a una certa età è assolutamente relativo. Non esiste ieri, oggi, domani, non esiste un orario ben definito e le loro giornate sono scandite da rituali e abitudini dettate in famiglia.

 

Arriva un momento però, che coincide in genere con l’avvio alla scuola primaria, attorno ai 6 anni, in cui è necessario insegnare ai piccoli l’orologio e la sua lettura, ecco quindi qualche trucco e modalità su come spiegare l’orologio ai bambini.

Esempi pratici

Per avviare i bambini alla lettura dell’orologio e a farla loro come insegnamento occorre ovviamente accertarsi che conoscano i numeri e sappiano leggere, sarebbe poi più facile approcciarli al tema con esempi pratici, disegni e cartonati colorati, in cui chiarire i concetti base: lancetta lunga, che indica le ore, lancetta corta quella dei minuti e la questione dei secondi, che contribuisce a spostarle.

 

Potete trovare e ricorrere a diversi tutorial online, presenti sia su Pinterest come immagini sia su YouTube, sotto forma di video che favoriscono l’apprendimento in modo ludico e divertente.

 

Una domanda che spesso i genitori si trovano a fronteggiare quando si trovano a spiegare l’orologio ai bambini è quella del perché le ore segnate sui quadranti degli orologi siano solo 12 se il giorno è composto da 24.

 

Dovrete dunque partire dalla spiegazione precisa, ossia dal fatto che in un solo giorno le lancette compiono due giri completi, indicando due volte gli stessi orari, riferiti però a porzioni del giorno differenti (notte e giorno).

Un insegnamento fondamentale

Quello dell’orologio è uno dei primi piccoli scogli da far superare ai nostri bambini, che inizialmente potrebbero avere un po’ di dubbi, talvolta reticenze a entrare nel meccanismo, ma lo faranno poi con più facilità se gli si insegna con pazienza e fiducia, incoraggiandoli di continuo.

 

Un insegnamento fondamentale per renderli autonomi anche sul concetto di tempo, connesso nel quotidiano alle loro giornate, scandite da impegni e attività legate proprio alle varie fasce orarie del giorno.

 

Ricordate di armarvi di pazienza, di non avere fretta e di procedere per gradi, partendo dai concetti base e aiutandovi con orologi analogici e non digitali, che li confonderebbero soltanto, andando a intralciare il processo di apprendimento.