Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 06 marzo 2021 - Aggiornato alle 11:48
Live
  • 11:00 | Colla di pesce fatta in casa, la ricetta
  • 10:43 | Google rilascerà una nuova versione di Chrome ogni quattro settimane
  • 10:20 | Basket, Serie A 2020/2021: il programma della ventunesima giornata
  • 10:00 | Budino ai semi di chia
  • 09:38 | TIM e Caritas insieme per l’ambiente e per il sociale
  • 06:00 | Rassegna stampa: il Papa in Iraq, le misure anti-Covid in Italia
  • 23:55 | Le pagelle della quarta serata di Sanremo 2021
  • 23:50 | Fallo di mano: ecco come cambia la regola
  • 23:33 | Di cosa parla il film che ha vinto il Festival di Berlino
  • 21:57 | Eurolega: Olimpia Milano corsara a Kaunas, Zalgiris piegato 64-69
  • 20:16 | 20 giga al mese più streaming illimitato su 50 milioni di canzoni
  • 18:30 | "La coppia quasi perfetta", la serie Netflix dedicata all'anima gemella
  • 18:30 | Covid, in Italia altri 24mila positivi
  • 18:23 | Il Museo del Novecento si rinnova con opere inedite
  • 17:51 | Covid, la situazione in Italia continua a peggiorare
  • 17:34 | Covid, cosa cambia per le zone in "arancione scuro"
  • 17:17 | Covid, così la variante brasiliana reinfetta i guariti
  • 16:16 | A Venezia una retrospettiva del fotografo Mario De Biasi
  • 16:15 | Martina Attanasio, biografia della giovane attrice
  • 16:08 | Chiara Nasti: altezza, età e fidanzato della influencer
Contrazioni, come riconoscerle e quando andare in ospedale Il momento conclusivo della gravidanza che preannuncia il parto imminente - Credit: iStock
MAMME 3 novembre 2019

Contrazioni, come riconoscerle e quando andare in ospedale

di Melissa Viri

Tuto quello che c'è da sapere sulle contrazioni e soprattutto su come riconoscerle per evitare di spaventarsi.

Quando si parla di contrazioni in gravidanza la mente corre subito a scenari dolorosi della parte finale della gestazione.

In realtà le contrazioni accompagnano questo periodo lungo tutto l'arco della sua durata, con intensità, modalità ed effetti diversi.

Le contrazioni uterine sono i classici piccoli spasmi involontari, che vedono l'indurirsi del ventre per pochi istanti e poi il rilassarsi quasi immediato. Possono avvenire in maniera del tutto naturale e indolore vicino al periodo in cui normalmente si sarebbe dovuto avere il ciclo mestruale o nel secondo trimestre per via dell'ingrossamento dell'utero, i movimenti del bimbo o l'eventuale stanchezza della donna.

Le contrazioni di Braxton Hicks

Un altro tipo di contrazioni solitamente molto positive sono quelle di Braxton Hicks e anche in questo caso si differenziano dalle contrazioni che avvengono in prossimità del parto, perché non crescono di intensità e svaniscono da sole dopo poche decine di minuti o qualche ora. Sono positive perché aiutano a preparare la cervice uterina dilatandola, una sorta di prova generale delle contrazioni da travaglio. Possono verificarsi durante l'attività fisica (per questo è sempre consigliata se fatta in maniera adeguata), durano circa 30 o 60 secondi e possono essere alleviate con un bagno caldo.

Le contrazioni da parto

Le vere e proprie contrazioni che anticipano il parto sono quelle a cui bisogna prestare maggior attenzione, in quanto aiutano a capire quando effettivamente si è pronte a recarsi in ospedale e quando no. La comparsa di queste contrazioni in prossimità del parto infatti non deve portare immediatamente ad una corsa in ospedale, perché l'attesa del momento giusto potrebbe essere anche di ore o addirittura giorni.

Le contrazioni preparatorie al parto iniziano in maniera irregolare e la loro funzione è contribuire alla rimozione del tappo mucoso, una sostanza biancastra e densa che viene espulsa ore o anche giorni prima del parto vero e proprio.

Il momento di recarsi in ospedale

Il travaglio effettivo inizia quando le contrazioni si fanno dolorose, regolari e continue, ossia quando non svaniscono in breve tempo. La durata è di 40 secondi o poco più, ad intervalli inizialmente di circa 10 minuti.

In questa fase è finalmente possibile recarsi in ospedale. Le contrazioni tenderanno ad aumentare di intensità e frequenza lungo tutto il travaglio, e per aiutare ad alleviare il dolore viene spesso praticata una semplice doccia calda ed è consigliabile muoversi.

I più visti

Leggi tutto su Donna