TimGate
header.weather.state

Oggi 04 ottobre 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  Cos e la toxoplasmosi
Cos'è la toxoplasmosi

Gravidanza e cibo- Credit: iStock

MAMME27 novembre 2020

Cos'è la toxoplasmosi

di Luciana Zompì

Tutto quello che c’è da sapere

La toxoplasmosi è un’infezione da parassita, il Toxoplasma gondii, un microrganismo che può infettare moltissimi animali e può trasmettersi da un animale all’altro attraverso l’alimentazione con carne infetta, contagiando anche l’uomo.

 

Diventa particolarmente pericolosa in gravidanza, poichè può essere trasmessa al feto provocandone anche la morte, tanto che in attesa di appurare la presenza o meno di anticorpi contro il toxoplasma la gestante dovrà usare maggiori accortezze igieniche.

Attenzione in gravidanza

Una donna in gravidanza se contrae la toxo potrà trasmettere l’infezione al feto, con rischio di aborto spontaneo, ritardo nella crescita o nascita pretermine, se, al contrario, è stata contratta prima della gravidanza, la donna ha sviluppato un’immunità permanente, restando al riparo da eventuali recidive, e potrà vivere i nove mesi in totale tranquillità.

 

Il contagio avviene soprattutto tramite ingestione diretta del parassita, che attecchisce su carni crude infette, o anche su quelle poco cotte, ma anche su vegetali non lavati accuratamente e ancora contaminati, oppure tramite contatto diretto con le feci dell’animale che si è rivelato infetto.

 

Qualora il toxotest rilevi l’assenza di anticorpi, per prevenire l’infezione in gravidanza occorre acquisire alcune misure di prevenzione, come ad esempio evitare tutti i tipi di insaccati crudi, come salami, salsicce, speck, lonze, prosciutto crudo, bresaola e capocollo, ma anche uova crude.

 

Verdure da consumare crude, come le insalate, i pomodori, i finocchi e altri andranno lavati accuratamente, meglio se dopo averli tenuti a bagno a lungo in acqua e bicarbonato, risciacquandoli con cura sotto abbondante acqua corrente.

 

Se si hanno gatti la lettiera andrà lavata avendo cura di indossare guanti monouso, oppure meglio ancora sarebbe delegare la pulizia a qualcun altro, ma in caso non si potesse ricordate di lavare sempre molto bene le mani dopo l’operazione.

 

Inoltre, badate bene a tenere i gatti lontani dalla cucina e da tutti i luoghi in cui si conservano i cibi.