TimGate
header.weather.state

Oggi 03 ottobre 2022 - Aggiornato alle 10:33

 /    /    /  Diventare genitori da giovani: vantaggi e svantaggi
Diventare genitori da giovani: vantaggi e svantaggi

Genitori giovani col proprio bimbo- Credit: iStock

MAMME24 dicembre 2019

Diventare genitori da giovani: vantaggi e svantaggi

di Melissa Viri

Quali sono i vantaggi e gli "svantaggi" (se così possiamo chiamarli) ;di essere genitori da giovani?

 

Essere genitori è una missione complicata a qualsiasi età, soprattutto perché richiede sacrificio, senso di responsabilità e una maturità tale da garantire ai propri figli un futuro da vivere all'insegna della buona educazione, della consapevolezza dei propri mezzi e del proprio essere.

A fare da madre o da padre all'interno di una famiglia non esiste un'età precisa: tutti possono diventare padre o madre di un bambino in età giovane o in una fase più matura, al di là di tutto ciò che ne consegue.

 

Figli da giovani, i rapporti, gli approcci e l'importanza della spigliatezza

Secondo alcuni studi, i genitori giovani sono meno ansiosi rispetto a chi per scelta o meno ha dei figli in età avanzata. Questo perché al di sopra dei 35-40 anni comincia a maturare all'interno di ogni individuo una coscienza critica diversa di quanto possa avvenire ad un'età più vicina alla giovinezza.

Tuttavia, un padre o una madre che si trovano a sperimentare un rapporto genitori-figli in giovane età hanno l'obbligo morale di affrontare il rapporto con la prole in maniera serena, cercando di approcciarsi alle problematiche dei figli in modo pacifico, tranquillo e responsabile.

Ed ecco che il vantaggio principale del quale si può beneficiare avendo un figlio molto presto risulta essere quello legato ad una maggiore spigliatezza. Un giovane padre o una giovane madre possono dimostrare maggiore serenità al cospetto di un figlio che nasce.

 

Ripercussioni

Una ripercussione che comporta il semplice fatto di avere dei figli da giovani viene dato da alcune circostanze della vita, le quali non sempre possono dipendere da chi svolge un ruolo attivo all'interno del rapporto padre-figlio/a o madre-figlio/a.

Da giovani si è costantemente presi da 1000 cose della quotidianità e questo può portare ad una normale delegazione delle principali funzioni genitoriali ai rispettivi nonni, zii ed altre figure parentali.

Secondo il parere degli esperti ciò potrebbe rivelarsi deleterio per chiunque si appresti a sperimentare la vita, in quanto la probabilità che un figlio possa subire un rallentamento della crescita, della coscienza critica e della maturazione di un senso di responsabilità adatto ad affrontare la vita diventa molto alta.

I figli, infine, sono il frutto dell'amore di due persone, costituiscono un atto che richiede costante responsabilità ed il loro futuro va sempre passato al setaccio.