TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 10:00

 /    /    /  Giochi per fratelli per sviluppare la comunicazione
Giochi per fratelli per sviluppare la comunicazione

Fratelli che giocano in casa- Credit: iStock

BAMBINI07 febbraio 2021

Giochi per fratelli per sviluppare la comunicazione

di Luciana Zompì

Una piccola guida per stimolare i bambini ;

Il rapporto tra fratelli e sorelle è un rapporto imprescindibile, fatto di amore sincero e spassionato, forte e insostituibile, costellato ovviamente di piccole scaramucce, fisiologiche incomprensioni, un legame preda di normali gelosie.

 

Avere un fratello o una sorella significa avere un punto di riferimento per la vita, ed è importante che questo rapporto sia coltivato e rinsaldato, anche tramite giochi per fratelli e sorelle per sviluppare la comunicazione.

Il ruolo centrale della comunicazione

La comunicazione nella vita è importantissima, facilita le cose, aiuta ad accorciare le distanze, lavora sull’empatia e l’ascolto, a patto che destinatario e mittente riescano a comunicare in modo adeguato.

 

Anche tra fratelli e sorelle vale la stessa regola, lo sviluppo della comunicazione attraverso il gioco può aiutare a consolidare il rapporto e ad aumentare la fiducia, vediamo insieme qualche trucchetto e qualche idea per farli interagire e, al tempo stesso, divertire.

 

Il gioco mosca cieca è un ottimo esempio che rende l’idea di ottimizzazione della comunicazione, ma non solo: si crea un gruppo, o basta anche un duo, uno dei due benda gli occhi e l’altro impartisce una serie di comandi per guidarlo in una direzione, avendo cura che questi siano accurati per evitare alcuni ostacoli.

 

Il fatto che uno sia a occhi chiusi aiuta a creare fiducia, migliora l’ascolto e affina il senso del lavoro di squadra. Dall’altro lato, ovviamente, ci dovrà essere una comunicazione chiara, trasparente, quanto più possibile precisa,

Un, due, tre...disegna!

La comunicazione può essere sviluppata tramite giochi per fratelli e richiedere anche una certa manualità col disegno. Non sono di certo richieste doti da Michelangelo, perché lo scopo del gioco è quello di far sedere due persone di schiena, una delle due dovrà avere un oggetto in mano e descriverlo all’altro, quest’ultimo dovrà provare, sulla base delle indicazioni date, a disegnarlo.

 

Un gioco del genere rappresenta una sfida, ma necessita di uno sforzo creativo non indifferente per cercare di decifrare gli input comunicativi che vengono forniti.