Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 05 marzo 2021 - Aggiornato alle 17:06
Live
  • 16:16 | A Venezia una retrospettiva del fotografo Mario De Biasi
  • 16:15 | Martina Attanasio, biografia della giovane attrice
  • 16:08 | Chiara Nasti: altezza, età e fidanzato della influencer
  • 16:01 | Mercato dei Pc in crescita anche nel primo trimestre del 2021
  • 15:54 | Sanremo 2021: i look della terza serata
  • 15:45 | Sanremo 2021, i 5 momenti più belli della serata cover
  • 15:40 | Lady Gaga e Al Pacino sul lago di Como
  • 15:26 | Sanremo 2021: i beauty look della terza serata
  • 15:02 | Ecco come cambierà la grafica del calendario di Microsoft Outlook
  • 15:00 | Torta cedro e cioccolato
  • 14:45 | Bucato sostenibile: ecco cosa usare
  • 14:40 | Capsule del caffè? Riciclarle è possibile
  • 14:15 | Frasi da dedicare ai figli, le più belle
  • 14:09 | Tre influencer di moda da seguire su Tik Tok
  • 14:04 | Sanremo 2021, la scaletta e gli ospiti della quarta serata
  • 13:39 | Un Pil verde per salvare l’ambiente
  • 13:20 | Nomination migliore attrice protagonista, Sag Awards 2021
  • 12:45 | Il futuro della scuola passa dalla digitalizzazione e dalla banda larga
  • 12:13 | L’infortunio a Jordan Veretout
  • 12:07 | Sedie ergonomiche, quali scegliere
Metodo Stark o cesareo dolce, di cosa si tratta Poco prima del parto - Credit: iStock
MAMME 20 gennaio 2021

Metodo Stark o cesareo dolce, di cosa si tratta

di Luciana Zompì

Una tecnica chirurgica

Una mamma in attesa in procinto del parto si appresta in genere a documentarsi sui vari possibili scenari che potrebbero prospettarsi.

 

Posto che ovviamente il parto naturale è la via “fisiologica” e quella che tutte si augurano di perseguire, ci possono essere alcuni casi in cui il cesareo è l’unica soluzione possibile, vuoi per cesarei pregressi che lo rendono necessario, vuoi per situazioni particolari in cui ricorrere all’intervento è consigliato, se non obbligatorio.

 

Tra i vari parti cesarei si parla spesso di cesareo dolce, o non invasivo, il Metodo Stark appunto, scopriamo insieme in cosa consiste.

Il cesareo dolce

Il Metodo Stark è una tecnica chirurgica che va incontro alla partoriente, cercando di ridurre al minimo il trauma dell’intervento, una variante del taglio cesareo normale che prevede di limitare il taglio dei tessuti della mamma con tempi di ripresa decisamente più contenuti.

 

Come si effettua? Il chirurgo in sala operatoria effettua un taglio all’incirca due centimetri sopra il pube della donna, procedendo con l’apertura di addome e utero con l’azione lieve delle dita, in questo modo i tessuti si lacerano meno e richiedono un numero inferiore di punti di sutura. 

La cicatrizzazione

Il Metodo Stark è una tecnica ideata da un ginecologo israeliano, Michael Stark da cui prende il nome, inizialmente pensata per essere utilizzata in situazioni in cui le condizioni sanitarie erano labili e precarie, la metodologia è poi stata perfezionata e introdotta in tutti gli ospedali, nonostante necessiti di grande esperienza da parte del chirurgo che la effettua.

 

La cicatrizzazione per la mamma dovrebbe essere più facile e dolce, meno invasiva visto che viene suturata con punti a base di fili di seta e peritoneo e muscoli dell’addome non vengono ricuciti, ma cicatrizzeranno in modo indipendente.

I più visti

Leggi tutto su Donna