TimGate
header.weather.state

Oggi 05 agosto 2022 - Aggiornato alle 15:12

 /    /    /  Nomi femminili strani ma belli
Nomi femminili strani ma belli

Nomi femminili - Credit: iStock

MAMME17 aprile 2021

Nomi femminili strani ma belli

di Luciana Zompì

Qualche proposta.

Siete in dolce attesa e avete da pochissimo saputo il sesso del bimbo o bimba che verrà. Sarà una femminuccia ed è scattato, come è ovvio che sia, il totonome.

Avete già qualche proposta, una preferenza, ma volete comunque aprirvi ad altre alternative, alla ricerca di nomi femminili strani, ma belli, che identifichino la vostra piccola dandole già una identità ben precisa. Che ne dite di sbirciare allora tra le nostre proposte?

 

Rari ma semplici

Nomen omen, come dice la locuzione latina conosciutissima, ossia il nome è un presagio, è già un segno del destino e, oltre a diventare quello che andrà a identificare una persona, è appunto uno scrigno che racchiude tantissime sfaccettature, dal carattere alle inclinazioni, spesso confermandole, spesso rivelandosi l’opposto in perenne conflitto con gli intenti iniziali.

Eppure andare alla ricerca di nomi femminili strani ma belli può essere un modo per cercare di rafforzare il fatto che la propria bambina sarà esattamente come ci si immagina, riponendo nel nome che si sceglie un augurio, una promessa.
Tra i nomi femminili strani ma belli c’è Libera, il femminile di un più usato, seppur ancora poco abusato, Libero. Un augurio tra i più belli da fare alle proprie piccole, perché crescendo siano semplicemente se stesse, senza vincoli o catene a legarle a nessuno, che siano persone o luoghi.


Anche Leda è un nome femminile strano, poco inflazionato, dalla derivazione controversa ma con un significato che potrebbe essere beneaugurante, “veste leggera”, così come potrebbe essere bellissimo dare il nome di Elsa a una bimba.

 

Alternative

Lea, Luce, Celeste, Tea, Zelda, Zoe, anche questa rosa di nomi non solo non è comune, ma non è neanche tra le mode a cui sono soggetti spesso i nomi delle bambine in base ai periodi. Che ne dite, ancora, di Ermione, Berenice e Carmen? Non sono comunissimi, hanno una bellissima musicalità e bei significati, così come sono molto belli anche quelli che propongono immagini di fiori, da Iris a Dalia, più ricercati rispetto ai classici Margherita, Viola, Erica, sempre più usati.

Semplici, corti, facili da pronunciare, questi potrebbero essere delle alternative da appuntare su un’agenda e da passare in rassegna con i vostri compagni e la famiglia, anche se, ricordatevi che in fatto di scelta del nome dovrete sempre essere voi, come coppia, ad avere l’ultima parola, senza lasciarvi influenzare da nessuno.

Soprattutto se sentite che quello scelto è quello che davvero vi convince più di tutti.