Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 26 ottobre 2020 - Aggiornato alle 23:27
Live
  • 23:27 | Le cinque varianti di coronavirus trovate in Italia
  • 23:09 | Covid, Francia: "In realtà siamo a 100mila casi al giorno"
  • 23:09 | Il pareggio tra Milan e Roma (3-3)
  • 22:58 | Milan-Roma 3-3, gol e spettacolo a San Siro
  • 20:21 | Conte: 'Shakthar forte, non si vince a Madrid per caso'
  • 20:15 | TIM Super WiFi: fibra sicura e WiFi certificato
  • 19:56 | Conte spinge i suoi: “Ora Lukaku e Lautaro devono vincere”
  • 19:39 | Chi è 24kGoldn, star della hit "Mood"
  • 19:18 | Juventus vs Barcellona pure sul mercato: piace Gravenberch
  • 19:14 | Le novità dell’app per dispositivi mobili di Youtube
  • 18:56 | “Per un pugno di dollari” diventa una serie tv
  • 18:53 | MotoGP 2020, le pagelle del GP del Teruel ad Aragon
  • 18:22 | Donnarumma: 'Sto bene, chi lotta contro il virus non molli'
  • 18:19 | Su WhatsApp ora si possono silenziare le chat “per sempre”
  • 18:15 | Ryan Reynolds vota per la prima volta negli USA
  • 17:55 | Grande Fratello Vip, tre nuovi ingressi nella Casa
  • 17:45 | Pesto alla genovese
  • 17:30 | Covid-19, Italia: diminuiscono i contagi (ma anche i test)
  • 16:22 | Bonucci, escluse lesioni ma la Champions è a rischio
  • 16:15 | Stati Uniti, come si elegge il presidente
Parental control e le app per controllare i figli Parental control - Credit: iStock
MAMME 24 settembre 2020

Parental control e le app per controllare i figli

di Luciana Zompì

Suggerimenti per una gestione corretta dei dispositivi smart

Quando si parla di figli, una corretta gestione dei dispositivi elettronici diventa fondamentale per i genitori, che possono così limitare il tempo di utilizzo per favorire l’interazione e la socializzazione anche all’interno del nucleo familiare, oltre a controllare che non li usino in modo poco appropriato.

Sempre più tecnologici e sempre più social, i bambini e i ragazzi hanno bisogno di alcuni filtri, da qui la necessità del parental control, un sistema che consente ai genitori di monitorare o bloccare totalmente l’accesso ad alcune attività, oltre a poter impostare un limite per il tempo di utilizzo di tv, smartphone, tablet e pc

Le varie app

Tra le app per il parental control c’è FamilyTime, efficace al 100%, che consente di sapere sempre dove si trovano i ragazzi e gestire il tempo che passano davanti allo smartphone, oltre a bloccare qualsiasi app con un tocco.

Tra le funzioni più smart dell’app, quella di impostare l’Ora dei compiti, che blocca l’attività durante il momento dedicato allo studio e la funzione Sogni d’Oro, che assicura che non siano a letto a giocare con smartphone e affini piuttosto che dormire.

 

Tra le altre app ci sono: MobileFence, Kids Place, Spazio Bambini, Trova i miei Amici, tutte funzionali e utili per una gestione ottimale del tempo e un uso più consapevole della tecnologia da parte dei propri figli.

Una premessa fondamentale: queste app possono essere disinstallate dai ragazzi, per cui occorre impostare i permessi da admin sullo smartphone e consentire le modifiche solo da remoto (da pc) e impostate anche una password che i ragazzi non possono scoprire, meglio complessa anche per evitare hackeraggi.

Leggi tutto su Donna