TimGate
header.weather.state

Oggi 14 agosto 2022 - Aggiornato alle 10:35

 /    /    /  Perché Chanel N°5 è il profumo fiorito da scegliere in estate
Perché Chanel N°5 è il profumo fiorito da scegliere in estate

Spuzzare il profumo- Credit: iStock

MODA28 maggio 2020

Perché Chanel N°5 è il profumo fiorito da scegliere in estate

di Melissa Viri

Il profumo Chanel n°5 è una leggenda

Marylin Monroe, in una celebre frase, confessò di indossarne solo due gocce prima di andare a letto. Ma da dove nasce questa mitica storia? A Grasse, un paese del Sud della Francia.

Come è nato Chanel n°5

Chanel n°5 è un abbraccio floreale, è rosa di maggio, cioè, rosa centifolie. La sua essenza è dolce, mielata e leggermente speziata. Le sue origini sono antiche. Si narra, infatti, che il profumo sia nato nel 1921 nel laboratorio di Ernest Beaux a Grasse.

 

L’essenza creata per la maison di Gabrielle Chanel era molto più di un semplice profumo. Era la porta verso il mondo moderno e, ancora oggi, incanta i nasi di tutte le donne del mondo.

Perché Chanel n°5 è un profumo primaverile7estivo?

Ormai siamo nel pieno della primavera e, si sa, è ora di dare spazio a capi freschi e colorati ma anche a fragranze altrettanto fresche e floreali. Chanel n°5 è tutto questo. Perchè?

 

A Grasse, culla della profumeria francese del diciassettesimo secolo, come ogni primavera, inizia la raccolta della famosa rosa di maggio o detta anche rosa centifolia. Questo fiore, dal profumo così inebriante, è presente nel bouquet dell’opera di Chanel e, in passato, era possibile trovarla solo in questa città della Costa Azzurra.

La fragranza della rosa centifolia si unisce ad altri ottanta componenti tra cui la rosa gelsomino, ylang ylang, sandalo e molto altro ma, come si può capire, a spadroneggiare è proprio lei, la rosa di maggio.

La rosa Chanel

La rosa centifolia, ricca di petali, è l’anima di Chanel n°5. Si tratta di un fiore unico presente nel Sud della Francia. Questa fiorisce solo una volta in un anno e la sua raccolta avviene in modo metodico da secoli. Questa, infatti, si svolge ogni mattina di maggio perché di notte il fiore si schiude e i suoi profumi dolci e speziati, si diffondono per tutta la zona.

La raccolta deve svolgersi in sole tre settimane e con estrema cura. Ad occuparsene sono donne e ogni sua fase viene svolta con delicatezza ed estrema attenzione.

 

Dopo il raccolto queste vengono pesate e poi si passa all'estrazione. Questa operazione viene fatta utilizzando bagni di solvente portato a temperature alte. A questo punto l’odore diventa profumo che poi passa a "concreta" una cera da conservare gelosamente.

 

L’assoluta, invece, è lo step successivo alla concreta. La si realizza solo su richiesta del profumiere ed è un liquido prezioso. Basti pensare che un chilo di concreta produce solo 600 grammi di assoluta di rosa.

 

Ancora oggi Chanel richiede da Grasse le materie prime per comporre i suoi profumi e, proprio per questo, contribuisce a mantenere sostenibili le coltivazioni di rose di maggio. In accordo con la famiglia Mul, produttrice di rose da generazioni, a Chanel viene fornito anche il gelsomino, geranium rosat, tuberosa e iris pallida.