TimGate
header.weather.state

Oggi 21 maggio 2022 - Aggiornato alle 17:08

 /    /    /  Arachidi, sono buoni e fanno anche bene
Arachidi, sono buoni e fanno anche bene

Arachidi- Credit: Pexels

SALUTE28 novembre 2019

Arachidi, sono buoni e fanno anche bene

di Barbara Vaglio

Vediamo, le quantità e il momento della giornata in cui fa bene consumarle

 

La frutta secca è spesso associata ai momenti di convivialità, consumata a fine pasto.
In particolare, con l’arrivo del Natale, noci e arachidi sono la chiusura dei luculliani incontri familiari.
Dedichiamo un approfondimento agli arachidi per saperne di più sulle proprietà nutritive.

Arachidi, leguminose gustose

Le arachidi (arachis hypogaea) sono classificabili come leguminose, sono estremamente versatile e impiegate per ottenere prodotti di largo consumo.
Tra gli usi più comuni certamente abbiamo la tostatura dei semi, venduti salati, neutri, caramellati o aromatizzati in diversi modi. Fungono da gustosi snack normalmente accompagnati all’aperitivo.

 

L’olio di semi di arachidi è considerato tra i migliori oli per frittura in quanto raggiunge un elevato punto di fumo, non ha un sapore troppo netto o invasivo ed ha un costo contenuto.
Non dimentichiamo, poi, il burro di arachidi, diffusissimo soprattutto negli Stati Uniti e nel mondo anglosassone. Esiste la forma cremosa e quella “crunchy” in cui è presente e avvertibile sotto i denti la granella di arachidi.
Ovviamente, va detto che il burro di arachidi è ricco di grassi idrogenati.

Le arachidi sono impiegate anche per arricchire il gusto di piatti e secondi, come verdure e carni; nella cucina asiatica le arachidi trovano largo impiego.

 

Ma quali sono i valori nutrizionali delle arachidi? Scopriamolo meglio!

Tabella nutrizionale

Prendendo ogni singolo alimento o quelli di largo consumo possiamo fare una stima dei valori nutrizionali:
Per 100 grammi di arachidi tostate abbiamo un apporto calorico di 594 kcal (carboidrati 25 g; proteine 17 g; grassi 51 g; colesterolo 0 mg; sodio 12 mg e nel caso siano salate 669 mg).
Per 100 grammi di burro di arachidi, l’apporto calorico ammonta a 612 kcal (carboidrati 12 g; proteine 25 g; grassi 57 g; colesterolo 0 mg; sodio 1 mg).

Rispetto all’apporto di nutrienti le arachidi forniscono una buona quantità di vitamine B ed E, di fibre, di magnesio, di potassio, di calcio, di fosforo, di manganese e zinco. Le arachidi contengono anche il coenzima Q10, un potente antiossidante che favorisce il metabolismo ed ha influssi positivi sull’efficienza fisica.

 

La loro componente nutrizionale è arricchita dall’elevato contenuto proteico e dal contenuto di grassi (prevalentemente monoinsaturi); va detto che l’assenza di colesterolo è un’altra caratteristica molto apprezzata.

Nella versione salata, il sale è un additivo, e quindi le arachidi risultano molto salate; ma nella versione naturale o tostata, le arachidi non contengono molto sale.

Il punto: le arachidi fanno bene?

Per molto tempo la frutta secca è stata additata per il suo elevato contenuto di grassi, in particolare le noccioline o arachidi sono state sempre considerate un alimento di basso pregio, complice il basso costo e l’assunto che queste appartenessero al cosiddetto “cibo spazzatura”.
Ma ovviamente e come tutte le cose, se consumate nella giusta misura e nei momenti della giornata più appropriati, le arachidi fanno bene.

 

Se ne consiglia una quantità media di 30 grammi al giorno, che varia a seconda del soggetto se questo sta seguendo o meno una dieta restrittiva.

 

Sul momento della giornata più adatto per consumarle sicuramente indicheremo la prima colazione e gli spuntini, potete eventualmente provarle anche a pranzo, in abbinamento con le insalate fredde oppure insieme allo yogurt.
Il loro apporto di proteine, grassi e fibre, rende le arachidi un alimento saziante e un ottimo spezza fame. Il loro contenuto nutrizionale, inoltre, è in grado di abbassare l’indice glicemico dei pasti. Una merenda perfetta? Una mela e un pugno di arachidi.

Quali scegliere?

Quando acquistate le arachidi come qualsiasi altro alimento, dovete leggere l’etichetta accertandovi che il prodotto abbia una provenienza certificata.

Rispetto alle varianti presenti in commercio, sarebbero da preferire le arachidi non salate, non zuccherate e prive di aromi chimici.