Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 23 settembre 2021 - Aggiornato alle 18:11
News
  • 18:30 | Le foto di Robert Doisneau esposte a Rovigo
  • 16:38 | Rincaro bollette, le mosse del governo per ridurre l’impatto
  • 15:00 | Draghi: il governo non aumenterà le tasse, momento per dare non prendere
  • 14:30 | Vaccini, perché le prime dosi sono aumentate nell’ultima settimana
  • 14:29 | A Tokyo una libreria dedicata allo scrittore Haruki Murakami
  • 14:26 | Come sarà il clima nelle città italiane alla fine di questo secolo
  • 12:45 | Ad Art Basel 2021 artisti e opere di alto livello
  • 11:48 | Gli Usa hanno autorizzato la terza dose per gli over 65
  • 11:45 | Il Milan vince e riaggancia l’Inter
  • 11:40 | La prima vittoria in campionato per la Juventus
  • 10:12 | 7 cose da fare e da vedere a Ivrea
  • 09:40 | Nuova power unit per Leclerc, partirà ultimo in Russia
  • 06:30 | Elezioni federali in Germania: le cose da sapere
  • 06:05 | Il green pass in parlamento e le altre notizie sulle prime pagine
  • 06:01 | Basket, Scola a Varese non sarà solo il nuovo amministratore delegato
  • 03:23 | Green pass obbligatorio sul luogo di lavoro: le cose da sapere
  • 19:50 | MotoGP 2021, Zarco operato al braccio destro: ci sarà ad Austin
  • 19:25 | SBK 2021, programma e orari del GP di Spagna a Jerez
  • 19:00 | Covid, 3.970 nuovi casi con l'1,4% di positività
  • 18:25 | Assemblea generale dell’Onu, preoccupati per il futuro del mondo
Artrite reumatoide: come riconoscerla, sintomi e cure - Credit: Pexels
SALUTE 9 giugno 2020

Artrite reumatoide: come riconoscerla, sintomi e cure

di Barbara Vaglio

Una malattia sistemica che crea molti disagi fino a causare disabilità

Ecco come affrontare l’artrite reumatoide, diagnosticarla per tempo e conviverci limitandone il peggioramento.
 

L’artrite reumatoide colpisce principalmente le piccole articolazioni, mani e piedi, ma può interessare vari distretti dell’organismo per questo è definita “malattia sistemica”.

Scopriamo come si manifesta, quali sono le cause, come effettuare una diagnosi e come convivere con il problema riducendone l’impatto.

Sintomi

L’artrite reumatoide si manifesta con l’infiammazione del tessuto sinoviale che riveste le articolazioni coinvolte, ciò comporta dolore cronico (articolazioni dolenti, gonfie, calde e arrossate, possibile rigidità mattutina prolungata), erosioni ossee, distruzione della cartilagine e perdita, più o meno ampia, dell’integrità articolare.

 

La malattia ha una progressione variabile, può presentarsi in forma lieve o subclinica con remissione spontanea (circa 10%) oppure può avere una rapida progressione (10-15%).  L’artrite reumatoide si manifesta in modo simmetrico, ciò vuol dire che colpisce contemporaneamente le stesse articolazioni in entrambi i lati del corpo.
Le prime articolazioni interessate sono mani, piedi e polsi ma possono essere colpite anche le grandi articolazioni come spalle, ginocchia, gomiti.

 

La malattia può presentarsi a qualsiasi età ma è più comune tra i 40 e i 70 anni.

I primi sintomi compaiono, di solito, tra i 35 e i 45 anni.

Cause

Non ci sono cause chiare circa la manifestazione dell’artrite reumatoide, si pensa che vi sia una predisposizione genetica: un parente di primo grado di un soggetto affetto da artrite reumatoide ha una probabilità tra 3 e 10 volte maggiore di sviluppare la stessa malattia rispetto alla popolazione generale.

Sono considerati agenti scatenanti o peggiorativi: il fumo, eventuali traumi, infezioni, fattori ormonali, obesità, tutti questi fattori stimolano un’anomala attivazione del sistema immunitario e possono contribuire allo sviluppo della malattia.  

Esami da fare

Quando si ha il sospetto che il paziente sia affetto da artrite reumatoide, il medico farà effettuare innanzitutto gli esami del sangue per ricercare i segnali del processo infiammatorio in atto. Verranno osservati, in particolare, il coefficiente di sedimentazione, la presenza di anticorpi (fattore reumatico RF, peptide citrullinato anticiclico (anti-CCP)).
In alcuni casi sarà necessario il prelevamento di un piccolo campione di liquido articolare da analizzare per escludere la presenza di altre patologie.

Infine, gli esami radiologici periodici permetteranno il monitoraggio della malattia e il suo eventuale avanzamento.


Va precisato che, nel caso di questa malattia, è molto importante effettuare una diagnosi precoce. Il periodo iniziale di malattia che solitamente corrisponde ai primi 3 mesi dalla comparsa dei sintomi, è particolarmente sensibile all’azione dei farmaci anti-reumatici, questi possono contribuire a modificare il decorso della malattia. Ci sono, quindi, maggiori possibilità di remissione e migliori risultati clinici.


Cure
L’artrite reumatoide prevede uno specifico trattamento farmacologico tramite l’uso dei cosiddetti DMARDs (Disease Modifying Antirheumatic Drugs), ossia farmaci in grado di modificare l'andamento della malattia.
Per questo tipo di malattia non va dimenticata la funzione del cortisone che, con la sua azione anti infiammatoria, è di grande aiuto nella cura di questi pazienti. Il reumatologo potrebbe consigliare l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e di oppiodi per la gestione del dolore.
 

Oltre alle cure farmacologiche, esistono una serie di attenzioni che il paziente può adottare per tenere sotto controllo la malattia. La dieta mediterranea, per esempio, è particolarmente consigliata (sembra abbia un ruolo protettivo nei confronti della malattia), è raccomandato il consumo di pesce, oli vegetali e verdura per le loro proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e protettive del sistema cardiovascolare.

Il Center for Disease Control and Prevention  ha condiviso alcune azioni chiave per affrontare meglio la malattia:

praticare un’attività fisica moderata (almeno 30 minuti o suddividendo il tempo in mini sessioni da 10 minuti ciascuna con la frequenza di cinque giorni a settimana). Fare movimento contribuisce a ridurre la percezione del dolore, a mantenere una buona funzionalità articolare e ritarda la comparsa di disabilità;

conservare il peso forma: la prevalenza di artrite reumatoide aumenta con l’incremento del peso;

la diagnosi precoce, come già anticipato, insieme a un appropriato trattamento è fondamentale nelle fasi iniziali della malattia;

proteggere le articolazioni per prevenire traumi articolari e il rischio di malattia.

 

I più visti

Leggi tutto su Donna