TimGate
header.weather.state

Oggi 04 ottobre 2022 - Aggiornato alle 11:10

 /    /    /  Carenza di vitamine: come riconoscerla
Carenza di vitamine: come riconoscerla

Alimenti contenenti vitamina K- Credit: iStock

SALUTE14 marzo 2020

Carenza di vitamine: come riconoscerla

di Luciana Zompì

Ascoltare i segnali che il corpo ci invia è l’unica cosa da fare per preservarci al meglio

Sintomi e campanelli d’allarme

Siamo macchine perfette, fatte di carne, sangue, ossa. Perfetti. Eppure basta una piccola avaria per mandare in panne il sistema, facendoci crollare. Cosa fare quindi? Prestare attenzione e ascoltare i segnali che il corpo ci invia è l’unica cosa da fare per preservarci al meglio e non sottovalutare nulla, non trascurarsi.

 

Anche in presenza di carenze di vitamine è necessario accorgersi che qualcosa non va proprio grazie ai piccoli segnali che ci allertano e ci devono metttere in guardia.

Quali sintomi?

Molto spesso l’alimentazione da sola non basta a soddisfare del tutto il fabbisogno vitaminico di cui il corpo necessita ogni giorno, per i motivi più vari: non variamo nulla, mangiamo di fretta, spesso saltiamo pasti importanti per la fretta, ingurgitiamo cibi spazzatura, oppure siamo a dieta ferrea, sbilanciata e fai da te e i livelli di vitamine precipitano.

 

Tra i sintomi che evidenziano un calo e una carenza vitaminica c’è ad esempio la fessurazione della bocca, che tende a screpolarsi quando il corpo ha un deficit di vitamina B e B12, ma anche una carenza di zinco e ferro.

 

Anche le unghie che si sfogliano e divengono più fragili sono spie importanti, così come lo è una copiosa caduta dei capelli, che possono essere dovute a mancanza di zinco, così come la pelle secca, problemi a cicatrizzare, eruzioni, macchie cutanee ed ematomi frequenti.