TimGate
header.weather.state

Oggi 08 agosto 2022 - Aggiornato alle 23:07

 /    /    /  Kefir: proprietà e benefici
Kefir: proprietà e benefici

BENESSERE05 settembre 2018

Kefir: proprietà e benefici

Conoscete il kefir? Ecco tutte le sue proprietà e i benefici

Il Kefir nasce nel Caucaso che si conferma essere il luogo in cui la gente vive a lungo senza mai soffrire di gravi malattie e che non ha mai avuto problemi intestinali.

Secondo il premio Nobel Metchnikov, biologo russo, questo avviene grazie al Kefir, un alimento ricco di acido lattico. Ma che cos’ è il Kefir? Si tratta di latte fermentato che può essere preparato anche in casa.

Il gusto del Kefir è leggermente acido ma piacevole, può essere preparato con il latte fresco e i grani di Kefir ma può essere preparato anche con acqua zuccherata. È consigliato per il nostro organismo perché oltre a contenere fermenti, che aiutano tanto l’intestino, contiene al suo interno calcio, magnesio, fosforo e zinco.

Inoltre, è ricco di vitamine del gruppo B e vitamina K che regolano il sistema renale. Può essere bevuto anche da chi è intollerante al lattosio perché non ne contiene.

Il Kefir d’acqua è leggermente alcolico e gasato e si ottiene con la fermentazione dei grani di Kefir. L’ingrediente principale è lo zucchero, poi si possono aggiungere altri ingredienti a piacere come frutta fresca, secca o erbe aromatiche che cambiano notevolmente il gusto del Kefir.

Per preparare il Kefir d’acqua bisogna avere i grani di Kefir di latte. Per alcuni giorni si devono far fermentare i grani in acqua e zucchero, permettendo così lo “scolorimento” dei grani che dovranno essere completamente trasparenti.

Ingredienti e materiale occorrente:

  • 1 vaso di vetro da 1 litro con tappo
  • 1 litro d’acqua
  • da 3 a 6 cucchiai di fermenti di Kefir
  • da 2 a 6 cucchiai di zucchero
  • 1 limone biologico o non trattato
  • 2 fichi secchi o prugne non trattati
  • un colino

Riempite il vaso di vetro con l’acqua, aggiungete i fermenti del Kefir, i fichi o le prugne secche, il limone tagliato a metà e lo zucchero. Mescolate per bene, appoggiate il tappo senza chiuderlo in quanto durante la fermentazione viene prodotta anidride carbonica. Lasciare fermentare per due giorni a temperatura ambiente, possibilmente al buio.

Il Kefir fermentato 24 ore ha effetto lassativo mentre quello fermentato oltre 48 ore ha un effetto astringente perché più acido. Rimescolate gli ingredienti durante le prime 24 ore.

Quando la fermentazione è finita spremete il limone, eliminate la frutta secca, e in una bottiglia filtrate la bevanda col colino e conservatela in frigo. Consumate la bevanda fresca entro un giorno, perché è di facile contaminazione.

Una volta lavati accuratamente vaso e grani, questi possono essere riutilizzati per riprodurlo nuovamente ma dopo 6 mesi bisogna sostituire il tutto per evitare degenerazioni e mutazioni batteriche, in quanto si rischiano problemi di contaminazione.

Il Kefir di latte si ottiene portando a fermentazione il latte con l’aggiunta dei grani di Kefir.

Ingredienti e materiale occorrente:

  • grani di Kefir circa 25 gr.
  • latte fresco pastorizzato o UHT
  • 1 barattolo di vetro con tappo
  • un colino
  • un cucchiaio di legno o plastica

Porre i grani di Kefir in un barattolo di vetro, aggiungere per ogni cucchiaio di grani di Kefir (25 gr.) 250 ml. di latte che può essere vaccino, di capra o di asina, di soia o di riso. Mescolare leggermente con il cucchiaio. Il procedimento è lo stesso per il Kefir d’acqua, quindi lasciate il barattolo a temperatura ambiente. Nelle prossime 24 ore i grani di Kefir fermenteranno latte e lo separeranno dal siero. Mescolate delicatamente il Kefir ogni 12 ore. Trascorse 24 ore o più sarà pronto.