TimGate
header.weather.state

Oggi 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 08:15

 /    /    /  Il corto italiano “Il barbiere complottista” trionfa a Cannes
Il corto italiano “Il barbiere complottista” trionfa a Cannes

SUCCESSO28 maggio 2022

Il corto italiano “Il barbiere complottista” trionfa a Cannes

di Tommaso Passera

Il lavoro del regista Valerio Ferrara ha vinto la 25esima edizione de La Cinef

In attesa di conoscere i film vincitori dell’ultima edizione, l’Italia può comunque festeggiare per un successo al Festival di Cannes 2022. Il barbiere complottista dell’italiano Valerio Ferrara ha infatti vinto la 25esima edizione de La Cinef, il concorso dedicato ai cortometraggi, Il corto racconta la storia di uno sfortunato barbiere che per ricevere le attenzioni e l’affetto dei propri cari, finisce per contagiare con il morbo del complottismo un intero quartiere.


"Siete pazzi! Tutti voi! Oh, mio Dio", ha esclamato il regista Ferrara, una volta salito sul palco per la cerimonia di premiazione. "La commedia è sempre vista come qualcosa di poco serio. Ma la prima cosa che ho detto alla mia squadra, che è tutta qui, è che lo è davvero. In Italia abbiamo una lunga tradizione di commedie serie. È un onore vincere, e vincere con una commedia".


Sempre Ferrara a proposito del suo lavoro aveva detto: “Ho deciso di raccontare la storia di un uomo comune caduto nel vortice delle teorie del complotto. Attraverso due giorni e una notte nella vita di un barbiere di un quartiere popolare di Roma, ho provato a mostrare quanto queste teorie siano contagiose e quanto le persone siano contagiabili. Il barbiere complottista è un piccolo racconto metropolitano, la storia di un uomo e delle sue ossessioni”.


"La commedia, come genere, è sottovalutata nei festival. Eppure, avendo fatto io stesso delle commedie, so che è il più difficile. È un genere spietato: o si ride o non si ride. Abbiamo riso tutti spontaneamente", ha detto l'attrice canadese Monia Chokri, membro della giuria. commentando la vittoria del lavoro di Valerio Ferrara.


Quest'anno, nella sezione La Cinef sono stati selezionati 13 cortometraggi in live-action e tre di animazione tra i 1.528 titoli presentati dalle scuole di cinema di tutto il mondo. Anche Il barbiere complottista proviene dal Centro Sperimentale di Cinematografia. Come hanno osservato poi gli organizzatori, "i cortometraggi, realizzati da sei uomini e dieci donne provenienti dai quattro continenti, riflettono la diversità della formazione cinematografica nel mondo".