TimGate
header.weather.state

Oggi 14 agosto 2022 - Aggiornato alle 05:00

 /    /    /  damiano fabio dinnocenzo accordo agenzia usa wme
I registi Damiano e Fabio D’Innocenzo sbarcano negli USA

- Credit: Simone Comi / IPA / Fotogramma

CINEMA15 gennaio 2022

I registi Damiano e Fabio D’Innocenzo sbarcano negli USA

di Giovanni Teolis

Siglato un accordo con l’importante agenzia WME. Nel 2023 primo film in lingua inglese

Nei giorni in cui esce nei cinema America Latina, terza loro pellicola in carriera, i registi Damiano e Fabio D’Innocenzo hanno firmato un contratto con l’americana WME, una delle talent and media agencies più importanti al mondo. A confermare l’accordo trovato lo stesso Fabio D’Innocenzo con un post su Instagram:

Il giorno in cui ‘America Latina’ esce nelle sale italiane diventa ufficiale questo ennesimo sogno: Mike Simpson, storico agente di Quentin Tarantino, Bong Joon-ho, Tim Burton e tanti altri maestri della settima arte, ha scelto di diventare il nostro agente americano, assieme allo straordinario team della William Morris @wme. Il nostro quarto film sarà un film americano. Grazie al cinema, sempre fratello.

 

Secondo le prime anticipazioni il prossimo film di Damiano e Fabio D’Innocenzo sarà per la prima volta in lingua inglese e sarà una commedia allegorica, cupa e poetica, capace di esaminare il ruolo della famiglia nella società contemporanea. Le riprese del film saranno negli Stati Uniti e l’inizio della produzione è prevista per l'estate del 2023.


Damiano e Fabio D'Innocenzo, saliti alla ribalta con i bellissimi e intensi La terra dell’abbastanza e Favolacce, film quest'ultimo con cui hanno anche vinto un Orso d'Argento al Festival di Berlino nel 2020, sono adesso al lavoro su Dostoevskij, una serie poliziesca prodotta e distribuita da Sky Studios di cui hanno scritto anche la sceneggiatura. Una serie che è stata presentata come un viaggio nel male e nella sua necessità.


America Latina, l'horror-thriller arrivato nei cinema, dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Venezia del 2021, racconta la storia di Massimo (Elio Germano), il titolare di uno studio dentistico che ha ottenuto tutto ciò che poteva desiderare: una villa in un ambiente tranquillo e una famiglia che ama. Poi, l'imprevisto irrompe in questa imperturbabile e tranquilla primavera: in un giorno come un altro Massimo scende in cantina e l'assurdo prende possesso della sua vita.