Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 06 aprile 2020 - Aggiornato alle 11:59
Gabriele Salvatores, un documentario sull’Italia in quarantena Gabriele Salvatores - Credit: Sonia Brandolone / IPA / Fotogramma.jpg
CINEMA 26 marzo 2020

Gabriele Salvatores, un documentario sull’Italia in quarantena

di Giovanni Teolis

Il progetto di memoria collettiva sfrutterà materiale video offerto dagli utenti

Il regista premio Oscar Gabriele Salvatores racconterà in un documentario l’Italia durante questi giorni di quarantena e di blocco totale delle attività.

Il nome del progetto è Viaggio in Italia e sfrutterà materiale per lo più proveniente dai social media. Nelle intenzioni del regista c’è quella di fornire un quadro in presa diretta di cosa e come gli italiani stiano vivendo questa drammatica situazione. Questo non è il primo documentario di Salvatores: nel 2014 realizzò, sempre sfruttando materiale video offertogli dagli utenti, Italia in un giorno.


Al fine di realizzare il documentario il regista ha lanciato una sorta di appello perché gli italiani forniscano video girati in casa in cui raccontano quello che stanno vivendo e così rendere effettivamente possibile la realizzazione di quello che vuole essere innanzitutto un progetto di "memoria collettiva". Tra i produttori del progetto anche Rai Cinema. L’amministratore delegato Paolo Del Brocco ha spiegato il senso dell’iniziativa: "Il servizio pubblico, sia televisivo che cinematografico, deve essere presente in un momento in cui il nostro Paese ha bisogno di sentirsi unito".


Il progetto ha subito avuto grande risonanza internazionale e intervistato dalla rivista statunitense Variety, il regista ha spiegato così il senso dell’iniziativa: 

È un documentario per la memoria, per mettere ordine in questa esperienza di vita in uno spazio ristretto. Una cosa a cui ho pensato è il paradosso di come i social media e la tecnologia in precedenza tendevano a favorire l'isolamento. E ora si stanno dimostrando utili nel riunire le persone e nell'aiutarci a comunicare. Un altro aspetto che mi interessa è questo risveglio della natura... in un momento in cui le normali attività dell'umanità sono messe in pausa. Immagini di acqua che torna pulita; animali che riappaiono. Non voglio sembrare troppo poetico... ma ho letto un articolo che descrive il virus come una sorta di hacker che è entrato nel nostro sistema per mostrarci quanto sia fragile il nostro mondo prima che possa crollare definitivamente... Non è l'unico punto di vista, né il più importante. Ma è interessante.

Leggi tutto su Intrattenimento