TimGate
header.weather.state

Oggi 10 agosto 2022 - Aggiornato alle 22:44

 /    /    /  Thor: Love and Thunder, con Thor 4 arriva anche Mighty Thor!
Thor: Love and Thunder, con Thor 4 arriva anche Mighty Thor!

- Credit: Marvel Studios

CINEMA29 giugno 2022

Thor: Love and Thunder, con Thor 4 arriva anche Mighty Thor!

di Domenico Misciagna

Per tutti gli appassionati della saga Thor l'attesa è finita. A luglio esce il quarto capitolo, ecco tutto quello che c'è da sapere.

Il 6 luglio arriva al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo della saga del marveliano Thor, tassello della Fase 4 del Marvel Cinematic Universe. Chris Hemsworth torna a interpretare lo scanonato figlio di Odino, ma la sorpresa è rivedere Natalie Portman nei panni di Jane, diversa da come la ricordavamo: in questo episodio la compagna di Thor diventa infatti Mighty Thor, suo potente quanto insospettabile alter ego!

 

Il cast del film, diretto ancora una volta da Taika Waititi dopo il precedente Thor: Ragnarok, comprende inoltre Christian Bale nei panni di Gorr il Macellatore degli Dei (il cattivo di quest'avventura), Tessa Thompson come Valchiria e partecipazioni dei Guardiani della Galassia, col coinvolgimento di Chris Pratt, Karen Gillan e Sean Gunn.

In Thor: Love and Thunder, Thor (Chris Hemsworth) ha intrapreso un'avventura del tutto diversa dalle precedenti: la ricerca di una pace interiore che fino a questo momento gli è stata preclusa. Dovrà rimandare l'impresa, perché tutti gli dei sono a rischio: Gorr il Macellaio degli Dei, un violentissimo assassino intergalattico, sta per disintegrare la realtà come la conosciamo, oltre che tutto il suo mondo.

 

Per avere la meglio su di lui, Thor dovrà chiedere l'aiutro di Valchiria (Tessa Thompson), del buffo Korg (interpretato in performance capture dallo sesso regista del film, Taika Waititi) e soprattutto dalla sua ex Jane Foster (Natalie Portman): incredibilmente, quest'ultima non è solo in grado di brandire il martello magico di Thor, il Mjolnir, ma quando lo fa si trasforma nella possente Mighty Thor. Riusciranno i nostri eroi a fermare Gorr, capendo le ragioni della sua costante sete di vendetta?

 

Thor, dal fumetto al cinema 

La corsa cinematogafica di Thor, creato anzi rivisitato dalla fantasia di Stan Lee, Larry Lieber (testi) e Jack Kirby (disegni) nel lontano 1962, comincia nel 2011, col primo Thor diretto da Kenneth Branagh. Il pubblico viene introdotto al suo mondo e ai principali personaggi, come suo fratello Loki (Tom Hiddleston), suo padre Odino (Anthony Hopkins) e la donna terrestre della quale s'innamora, Jane (Natalie Portman).

 

Costato 150 milioni di dollari, il film ne incassa 450, tanti ma non ancora al livello dell'imminente mania Marvel Studios: la storia cambia dopo The Avengers del 2012 e il suo stratosferico responso al boxoffice, che rendono più solido il seguito Thor: The Dark World (2013) di Alan Taylor (645 milioni di dollari d'incasso per 170 di costo). Thor appare ancora in Age of Ultron prima di ricevere il suo terzo assolo, l'umoristico Thor: Ragnarok (2018), diretto come questo nuovo Thor: Love and Thunder da Taika Waititi.

 

Nonostante il tono grottesco di Ragnarok non sia stato gradito a tutti, ciò non ha impedito al film di portare a casa 854 milioni di dollari, su un budget di 180. Il raddoppio degli incassi dai suoi esordi è per Thor, così come per tutti i supereroi Marvel, la spia di un successo trasformatosi in fenomeno di costume.   

 

Thor: Love and Thunder, la metamorfosi di Natalie Portman

Nonostante i suoi 41 anni, Natalie Portman ha cominciato a recitare sul set a soli dodici anni per Leon di Luc Besson, al fianco di Jean Reno: ha quindi ben trent'anni di carriera, nella quale si è persino cimentata con la regia (nel 2015 con Sognare è vivere, dal romanzo "Una storia di amore e di tenebra" di Amos Oz). Decenni tra cinema hollywoodiano e indipendente sono stati per lei caratterizzati da un elemento comune: la consapevolezza di essere una persona piccola e poco imponente (1.60m).

 

Per la prima volta le è stato chiesto di essere "massiccia" in un film, una circostanza che non si aspettava potesse mai realizzarsi. Con autoironia l'attrice ha dichiarato a Variety: "Per Black Swan mi chiesero di essere la più piccola possibile. Qui mi hanno chiesto di essere la più grossa possibile. È una sfida stupefacente ed è uno stato mentale stupefacente per una donna.

 

Pensi: è proprio diverso muoversi per il mondo quando sei così, perché quando sei piccolo (e io anche cominciato a lavorare da ragazzina), un sacco di volte ti senti giovane, minuscola, la persona sulla quale si dà la pacca sulla testa. E mi presento sempre così per quel motivo!"

 

Thor: Love and Thunder, il ritorno di Christian Bale nel cinecomic

Christian Bale mancava dal mondo dei supereroi da dieci anni, da quel 2012 che lo vide nell'ultima volta nei panni di Bruce Wayne alias Batman in Il cavaliere oscuro - Il ritorno di Christopher Nolan. Non aveva mai considerato quei film tra i più riusciti della sua carriera, né era interessato a tornare nel mondo dei cinecomic, ma pare sia stato convinto da Taika Waititi e dalle sue idee ad aderire al progetto di Thor: Love and Thunder.

 

In conferenza stampa, Bale ha detto: "C'è sempre un piacere nel vestire i panni di un cattivo, è più facile da interpretare rispetto all'eroe. [...] I cattivi ci affascinano e Taika è riuscito a renderlo divertente e anche toccante nella storia. In un certo senso un po' capisci perché quest'uomo decida di comportarsi in questo modo terribile. È un un macellaio, ma puoi capire perché sia diventato così"

 

In collaborazione con Comingsoon.it