Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 25 gennaio 2021 - Aggiornato alle 14:32
Live
  • 14:12 | Manutenzione caldaia, perché è importante farla
  • 14:02 | Quanti felini esistono in natura?
  • 13:52 | Procida, Capitale italiana della Cultura del 2022
  • 13:44 | Samurai Age, che cos'è?
  • 13:34 | Chi è l'attore più pagato al mondo
  • 13:30 | Digitalizzati tre capolavori di Caravaggio
  • 13:14 | Il Chelsea esonera Lampard, al suo posto in arrivo Touchel
  • 12:52 | Napoli, Gattuso rischia. Sullo sfondo c’è Benitez
  • 12:49 | I 40 anni di Alicia Keys
  • 12:29 | La playlist di TIMMUSIC con le hit più famose di Alicia Keys
  • 11:06 | Il possibile scambio tra Dzeko e Bernardeschi
  • 11:00 | Armadio a muro, la soluzione ideale per spazi piccoli
  • 10:52 | La lotta-salvezza dopo il girone d’andata
  • 10:40 | La rielezione di Rebelo de Sousa in Portogallo
  • 10:15 | Recovery Plan, la Commissione europea chiede le riforme
  • 10:00 | Regeni ucciso cinque anni fa, Mattarella: autorità egiziane rispondano
  • 10:00 | Operazione Risorgimento Digitale TIM: Cybersecurity, ERP e Datacenter
  • 10:00 | Il ritorno delle sette sorelle
  • 09:50 | Giga illimitati in regalo ogni mese con TIM UNICA
  • 09:45 | Chi sono gli Extraliscio, in gara al Festival con "Bianca Luce Nera"
Playlist TIMMUSIC contro AIDS 20 canzoni simbolo della lotta all'AIDS - Credit: TIM
GIORNATA MONDIALE CONTRO L'AIDS 1 dicembre 2020

"Music against AIDS", la speciale playlist di TIMMUSIC

di Silvia Marchetti

I brani di Prince, Lou Reed, Queen, U2, Elton John, Springsteen, George Michael, Cyndi Lauper e...

Il 1 dicembre si celebra la Giornata Internazionale contro l’AIDS, per ricordare le vittime della malattia e coloro che, attraverso l'impegno scientifico e sociale, hanno ottenuto importanti vittorie, come l’aumento dell’accesso alle cure e ai servizi di prevenzione.

Anche la musica ha sempre dato il proprio contributo, attraverso l'impegno di tanti artisti che negli anni hanno scritto brani importanti sul tema e raccolto fondi grazie ad eventi live e iniziative benefiche. TIMMUSIC ha creato una speciale playlist che raccoglie 20 brani simbolo della lotta all'AIDS. Eccola. 

 

>>>SCOPRI TIMMUSIC!

 

>>>ASCOLTA MUSIC AGAINST AIDS!

 

Music against AIDS, la playlist di TIMMUSIC, parte con uno dei brani più emozionanti e potenti dell'intero repertorio di Prince: si tratta di Sign O’ the Times, dall'omonimo disco del 1987. La titletrack è un crudo compendio delle disgrazie umane e un capolavoro di minimalismo in salsa drum machine. Parla dell’incapacità degli uomini di imparare qualcosa dai propri errori e dell’estrema fragilità di fronte alle intemperie della vita come la morte, la droga e l’AIDS, ostacoli che però possono essere almeno in parte superati grazie all’amore, che resta l’unica ancora di salvezza.

 

Nel 1995 George Michael dedicò l'intensa Jesus To A Child al compagno Anselmo Feleppa, scomparso due anni prima a causa di una emorragia cerebrale legata all’AIDS, e sempre in quegli anni Bruce Springsteen scrisse Streets Of Philadelphia, colonna sonora del film Philadeplhia che parla della lotta di un avvocato gay e sieropositivo per non perdere il posto di lavoro. La ballad del Boss è una toccante passeggiata in giro per la città, con dei vestiti che non stanno più addosso (fisicamente e metaforicamente).

 

Nella speciale playlist di TIMMUSIC dedicata al World Aids Day ci sono anche i Queen, con la memorabile Somebody To Love, scritta nel 1976 e inserita nel quinto album della band di Freddie Mercury, A Day at the Races. Il testo, che si culla sulle magiche note di un piano, scava nell'anima e si interroga sul ruolo di Dio in una vita senza amore. Nel 1991, Mercury morì per una broncopolmonite aggravata proprio dalla malattia del secolo: l’AIDS. Pochi mesi dopo, l'amico George Michael salì sul palco del concertone-tributo dedicato al frontman dei Queen, regalando una versione da brividi di Somebody To Love

 

Lou Reed è noto per la sua abitudine di raccontare gli aspetti più esaltanti della vita di New York. Uno dei suoi eventi più celebrati è infatti la parata di Halloween. Nel 1989 l’artista scelse però questa occasione per raccontare la perdita di molte persone omosessuali al Greenwich Village, tra cui un suo amico, senza il quale festeggiare Halloween non sarà più lo stesso. Ecco come è nata la celebre Halloween Parade

 

Nel 1990 i mitici Pet Shop Boys dedicarono Being Boring a un caro amico morto proprio a causa dell’AIDS negli anni '80, mentre gli U2 di Bono Vox donarono la loro One a una campagna di beneficenza per la ricerca conto la malattia: per il suo emozionante testo venne utilizzata per le colonne sonore di alcuni spot volti a promuovere i diritti umani e a sostenere svariate cause sociali. 

 

C'è anche The last song, nella quale Elton John racconta la storia di un padre che viene a conoscenza dell’omosessualità del figlio al momento della sua morte per AIDS. E facendo un salto indietro nel tempo, esattamente nel 1982, ritroviamo The Cold Song di Klaus Nomi, celebre artista tedesco scomparso nel 1983. Il video legato al brano mostra l’ultima performance di Klaus, prima della sua morte. Verso la fine del 1982, Klaus decise infatti di recarsi in Europa, per la Eberhard Schoener’s Classic Rock Night a Monaco. Scelse di cantare il Cold Genius tratto King Arthur di Henry Purcell. Fu la sua uscita di scena, per far calare il sipario sulla musica e sulla sua vita. 

 

Sono tante anche le artiste femminili che hanno dato il proprio contributo attraverso brani che raccontano storie di sofferenza, ma mai di resa: è il caso delle TLC sulle note di Waterfalls (nei primi anni Novanta le tre artiste lanciarono un’invettiva contro la promiscuità che favoriva la diffusione dell’AIDS, il video della hit vinse un MTV Award) e Janet Jackson con Together Again (un omaggio dedicato a tutti i suoi amici morti a causa di questa terribile malattia). 

 

E ancora: Cyndi Lauper con Boy Blue (ispirata alla ninna nanna Little Boy Blue, per ricordare un amico sieropositivo) e Neneh Cherry con I’ve Got You Under My Skin (uno dei classici d’amore di Frank Sinatra diventata un grido rap contro la diffusione dell’HIV, contenuto nella compilation benefica Red Hot & Blue).

 

Di recente, anche Sia ci ha regalato un brano emozionante nato con l'intento di sensibilizzare le persone sul tema: Free Me è una potente ballata su pianoforte, che vanta un rollercoaster di note vocali favolose e che sostiene la campagna #endHIV. Tutti i proventi della canzone dell'artista australiana sono destinati a finanziare la ricerca medica e scientifica per trovare una cura per l’HIV. 

I più visti

Leggi tutto su Intrattenimento