Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 10 maggio 2021 - Aggiornato alle 01:00
Live
  • 07:27 | Basket, Serie A 2020/2021: il programma della trentesima giornata
  • 07:22 | Google Play Store: in arrivo le etichette sulla privacy per le app
  • 23:44 | Burgos concede il bis e vince la BCL 2021, Pinar steso 59-64 in finale
  • 23:18 | Il Milan demolisce la Juve nella sfida Champions
  • 20:29 | Come provare gratis la rete 5G per 3 mesi
  • 19:59 | I migliori scooter elettrici: guida alla scelta
  • 17:59 | Capolavoro Mercedes a Barcellona, vince ancora Hamilton
  • 17:45 | Covid, in Italia altri 139 morti
  • 17:42 | Giro d'Italia 2021, la seconda tappa al belga Tim Merlier
  • 17:05 | “Una donna promettere”, arriva al cinema un film da Oscar
  • 16:57 | Courteney Cox alza l’attesa per lo speciale “Friends”
  • 16:51 | “How I met your Father” sarà un vero e proprio spinoff
  • 16:35 | Torna il Ravenna Festival, ecco il programma della 32esima edizione
  • 16:26 | Tutto su "All I Know So Far", il nuovo singolo di P!nk
  • 16:15 | Meghan Markle torna in tv
  • 15:29 | Le esplosioni in un liceo di Kabul
  • 15:28 | "Exuvia", il nuovo album di Caparezza è su TIMMUSIC
  • 15:15 | Cristina Chiabotto è diventata mamma
  • 15:12 | "Mala Suerte" di Marco Carta è in esclusiva solo su TIMMUSIC
  • 15:03 | L’accordo europeo per 1,8 miliardi di dosi Pfizer
Chi è Marco Gallorini, l’intervista al cantante Marco Gallorini - Credit: Tuttorock
MUSICA 29 marzo 2021

Chi è Marco Gallorini, l’intervista al cantante

di Giovanna Ghiglione

Ascolta subito su TIMMUSIC il singolo “Io e Te” e leggi qui l’intervista al cantante!

Marco Gallorini è un giovane artista uscito da poco con l’ultimo singolo intitolato “Io e Te”.

Ecco l’intervista a cura di Maurizio Donini di Tuttorock.

> > > Ascolta su TIMMUSIC i brani di Marco Gallorini!

Ciao Marco. Vuoi iniziare a raccontarci come ti sei avvicinato alla musica e quali sono stati i tuoi primi ascolti?

Ciao Maurizio! Sono sempre stato circondato dalla musica, diciamo che si è avvicinata prima lei, in casa avevo due chitarre di mio padre e diversi vinili e musicassette, c’era un po’ di tutto ma principalmente cantautorato italiano, Battisti, Dalla, Bennato, Vasco, erano quelli che ascoltavo maggiormente, a 16 anni ho imbracciato la chitarra per la prima volta e non mi ci sono più staccato.

Hai suonato i generi più duri e rock, ora sei arrivato al folk cantautorale italiano parlando di amore, come è avvenuto questo viaggio musicale?

Hardrock e thrash metal sono stati a lungo il mio ascolto principale, le prime band tra amici erano molto costruttive, ho imparato a suonare e stare sul palco e c’era uno scambio di ascolti costante che mi ha permesso di conoscere stili diversi. Il cantautorato e il rock italiano come Ivan Graziani, Litfiba, Ministri, Timoria, ecc. sono sempre stati una costante e ciò che mi ha influenzato più di tutto. Nell’EP Arbitrio Libero VOL. 1 e nell’album Scelte ho provato a mixare quelli che sono tutti i miei ascolti.

 

La musica è un percorso che si fa sempre in compagnia, in una canzone ci finiscono i gusti di tutti i compagni di viaggio, in quest’ultimo lavoro è stato fondamentale il supporto di Samuel Venzaghi e la produzione di Massimo Palmirotta, che mi ha spinto ad utilizzare sonorità meno incazzate e a buttarla sul cantautorato. Parlare d’amore non è stata una scelta, nei testi ci finiscono molti dei miei pensieri in modo naturale, è un tema troppo ampio che affronto in più canzoni ma sempre con sfumature diverse. Non parlo mai direttamente d’amore, ma di tutte le sue conseguenze e le emozioni che lo circondano. Folk cantautorale? Non credo di esserci ancora arrivato, mi sento sempre rock.

Come ci si sente a cantare di amore in tempo di Covid? Non pensi che l’esperienza abbia tirato fuori il peggio dalle persone? Forse l’amore potrebbe essere una spinta positiva?

È come se cantassi di qualunque altra emozione, alla fine il covid quelle non se le prende. Penso che le persone abbiano avuto solo più tempo e uno strumento come i social per poter manifestare a tutto il mondo la propria cattiveria, alcuni fanno quasi tenerezza, alcuni li troviamo in parlamento. L’amore è sempre stata la soluzione ma troppo complessa per essere capita completamente. Sicuro meglio spinti dall’amore che dalla paura.

Mi ha colpito l’incipit sui navajos, sai che in Italia sono famosi per i fumetti di Tex Willer, la tua idea ha per caso preso il via dalle strisce di Bonelli?

È un’associazione a cui non avevo pensato. Anche se mi è capitato di leggerli, il tutto parte dal libro “Luoghi di culto e culti del luogo” che parla di rituali e delle credenze dei nativi americani. Sono rimasto colpito dalla storia dei Navajo e quando ho scritto il testo di Io e te mi sono tornati in mente.

Come è stata l’esperienza di SanremoRock?

È stata una bella esperienza, ha dato la possibilità a me e alla band di realizzare uno dei sogni nel cassetto che avevamo, quello di calcare l’Ariston. Sono stati giorni di musica, agitazione e voglia di suonare. Si giocava all-in, avevi una canzone e una manciata di minuti per fare del tuo meglio, il tabellone sul palco te lo ricordava tutto il tempo; è passato tutto in un istante, tempo di rendermene conto e stavo lasciando il teatro.

Chiederlo pare un azzardo a oggi, ma progetti futuri? A parte le sabbie mobili dei live, un disco? Il tuo rapporto con gli streaming com’è? Hanno ancora senso oggi dopo quasi un anno?

Continua a leggere l’intervista su Tuttorock > > >

I più visti

Leggi tutto su Intrattenimento