Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 18:15
News
  • 17:50 | Polemiche per la statua della Spigolatrice di Sarpi
  • 17:00 | Covid, i dati del 28 settembre: tasso di positività al 0,88%
  • 17:00 | Regno Unito, i perché della crisi della benzina
  • 16:39 | Tutti i Musei riapriranno al 100%
  • 16:24 | Gasperini punta lo Young Boys: “Non è decisiva”
  • 15:10 | Economia, la riforma del fisco insieme alla nota di revisione del Def
  • 14:38 | Cosa ha detto Greta Thunberg al Youth4Climate di Milano
  • 12:38 | Le reazioni opposte degli sport all’aumento della capienza degli impianti
  • 11:30 | Le regole per la ripartenza della stagione sciistica
  • 11:25 | Corea del Nord, un nuovo lancio di missili a corto raggio
  • 11:24 | L’Inter a casa di De Zerbi non deve sbagliare
  • 11:00 | Patrick Zaki a processo
  • 10:11 | Biden ha ricevuto la terza dose di vaccino
  • 09:26 | Il parere del Cts sulla capienza di stadi e cinema
  • 08:00 | Il ritorno del Milan in Champions a San Siro
  • 07:21 | MotoGP 2021, orari e programma del GP delle Americhe a Austin
  • 07:00 | Il via libera del Cts alla terza dose per gli over 80
  • 06:05 | Le nuove capienze per stadi e cinema e le altre notizie sulle prime pagine
  • 00:38 | Bologna, aria di rivoluzione: via Sabatini e MIhajlovic a rischio
  • 00:16 | SBK 2021, orari e programma del GP del Portogallo a Portimao
Chi è Viola Nocenzi, l’intervista alla cantante Viola Nocenzi - Credit: Tuttorock
MUSICA 24 febbraio 2021

Chi è Viola Nocenzi, l’intervista alla cantante

di Giovanna Ghiglione

Ascolta il suo primo album “Viola Nocenzi” su TIMMUSIC!

Viola Nocenzi è una cantante e musicista italiana.

Dopo anni immersa nella musica, decide di debuttare con il suo primo album, album che porta il suo nome e il suo cognome e che riesce a mettere in risalto le sue qualità canore e le sue capacità di compositrice e musicista. 

 

Ecco l’intervista a cura di Fabio Loffredo di Tuttorock.

> > > Ascolta su TIMMUSIC Viola Nocenzi!

Ciao Viola, come stai? 

Ciao Fabio, sto bene grazie! Sono in un momento molto concitato ed emozionante per l’uscita del mio primo album!

> > > Ascolta su TIMMUSIC tutti i brani di Viola Nocenzi!

Ed è proprio questa la mia prima domanda. Tu sei nel mondo della musica da tantissimi anni, sei figlia di Vittorio Nocenzi del Banco Del Mutuo Soccorso, perché hai pensato di aspettare tanto prima di debuttare tu come musicista?

Non c’è un motivo specifico, era pronta, era quello che volevo e quindi non vedevo il motivo per non farlo ora, prima non era ancora il momenti per me.

Come sono nati i vari brani e le ispirazioni che ti hanno portato alla scrittura dei brani?

Questi brani sono la carta assorbente di me, sono sette brani, tra l’altro il numero non è casuale, come sette vite, sette reincarnazioni, sette pozioni magiche, sette schegge della mia personalità e sono stati scelti su tanti brani che ho composto, quindi sono un concentrato ‘Urgentissimo’ per fare una citazione (titolo di un album del Banco Del Mutuo Soccorso del 1980, nda), di cui non potevo non comunicare e sono io, non ho cercato aspirazioni particolari, tranne che è la mia persona, ho tirato fuori la mia essenza e tutta la mia anima.

Raccontaci i brani, sono sette, spiegali musicalmente e testi.

Sei testi su sette sono stati scritti da Alessio Pracanica che è uno scrittore con cui collaboro da tantissimi anni, mentre le musiche sono state scritte da me. Partiamo da “Viola”, anzi l’album porta il mio nome perché non credo molto nelle parafrasi in genere, quindi penso che la vera essenza, il mio nome e il mio cognome rappresenta quello che volevo comunicare con questo album, la mia storia personale e tutto quello che sono, sia come identità che come appartenenza ad un contesto familiare.

 

“Viola” è una canzone speciale perché si riallaccia a contesti che sono molto legati anche ai colori, al cielo che è viola, a degli odori come quello del caffè, a delle immersioni immaginarie, come un piccolo racconto, un romanzo, uno scorcio che magari non ha spazio tempo in cui due persone possono incontrarsi e possono pensarsi, ma che poi si incontrano, si pensano e si amano all’interno di uno scenario ben preciso ed è un brano che amo molto e ha un arrangiamento importante. 

 

Non posso non parlare degli arrangiamenti con molto amore perchè sono stati curati da mi zio Gianni Nocenzi così come la produzione artistica, in collaborazione con Lo Zoo Di Berlino, quindi con orchestrazioni importanti un po’ in tutti i brani che hanno avuto questa magia di essere stati tradotti tramite gli arrangiamenti e a tutta la confezione sonora, alla cura delle frequenze acustiche, con un’esaltazione di quello che io avevo scritto e questa è una cosa molto magica perchè non succede spesso, magari io sono una cantautrice, scrivo al pianoforte e mi è successo spesso di aver consegnato lavori a degli arrangiatori che hanno però snaturato il brano o semplicemente interpretato parzialmente, mentre in questo caso specifico posso veramente dire che tutto il lavoro della produzione artistica ha veramente esaltato tutto quello che era a livello embrionale e questo è un filo presente in tutti o brani. Continuo non con l’esatta scaletta ma con il cuore.

 

C’è “Lettera Da Marte” che è il singolo che ha lanciato l’album e che ha una genesi molto particolare, ha visto la scrittura del testo fatta in un momento precedente ma nel giro di un po’ di anni da parte di Alessio e dopo anni che vede me come protagonista seduta al pianoforte con l’urgenza di voler scrivere una canzone per poter comunicare e il voler tirare fuori quello che provavo e poi come per magia nella costruzione del brano, quindi della strofa, dell’inciso e del bridge e sia a livello di metrica, le parole sono entrate sinuosamente e la canzone è nata così, è un brano che dal mio punto di vista ha un impatto forte proprio per questa genesi così magica. C’è poi “Entanglement” che è anche tra i miei preferiti…

Ed è l’unico con il titolo in inglese…

Sì, il titolo si ispira alla ricerca, una scoperta incredibile alla quale si nota che due particelle uguali ma mandate in due parti completamente opposte nella galassia continuano a restare interdipendenti l’una dall’altra. Ed è una cosa che sia ad Alessio che a me ha molto colpito, quindi è un brano che prende come spunto la storia di due persone che si amano profondamente ma che si comportano, all’interno di un contesto che non possono realmente amarsi, a parla di questo legame fortissimo che si ha tra le anime e che magari non si possono realmente incontrare come quelle particelle della ricerca della fisica quantistica e che rimangono comunque collegate e se una sta male o se una ha un determinato movimento, l’altro lo sente dall’altra parte della galassia e si comporta in modo speculare di conseguenza. Questa è una cosa in cui io credo tantissimo, infatti il tema delle affinità elettive è presente anche in “Lettera Da Marte”, perché credo moltissimo che le possibilità telepatiche dell’incontro di anime anche senza il bisogno di contestualizzarle all’interno di una realtà concreta.

Hai detto che questa è solo una piccola parte dei brani che hai scritto, quindi presumo che nel 2021 stai già pensando di tornare con un nuovo album

Continua a leggere l’intervista su Tuttorock > > >

I più visti

Leggi tutto su Intrattenimento