TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 06:00

 /    /    /  chi era taylor hawkins batterista foo fighters morto
Chi era Taylor Hawkins, batterista dei Foo Fighters morto a 50 anni

Taylor Hawkins- Credit: Supplied By LMK / Ipa-Agency.Net / Fotogramma

LUTTO26 marzo 2022

Chi era Taylor Hawkins, batterista dei Foo Fighters morto a 50 anni

di Silvia Marchetti

La notizia della scomparsa del musicista ha sconvolto il mondo del rock

Taylor Hawkins, uno dei più grandi batteristi della musica rock, è morto a soli 50 anni. Il co-fondatore dei Foo Fighters è stato trovato senza vita poco prima dell'inizio di un concerto a Bogotà. Non sono ancora note le cause del decesso, ma il dolore di Dave Grohl, dei colleghi e dei fan risuona forte su tutti i social e i giornali. Ricordiamo il musicista americano ripercorrendo le tappe della sua carriera. 

 

>>>ASCOLTA I FOO FIGHTERS SU TIMMUSIC

 

Taylor Hawkins, che lascia la moglie e tre figli, è stato trovato senza vita in una stanza d'albergo in Colombia, dove i Foo Fighters avrebbero dovuto suonare al Festival Estéreo Picnic, per poi proseguire il tour, domenica, al Lollapalooza Brasil. 

 

A darne l'annuncio, con un post su Twitter e Instagram, sono stati gli stessi compagni di band: "La famiglia dei Foo Fighters è distrutta per la tragica, prematura scomparsa del nostro amato Taylor Hawkins. Il suo spirito musicale e la sua risata contagiosa vivranno con noi per sempre. I nostri cuori vanno alla moglie, ai figli e alla famiglia, e chiediamo che la loro privacy sia trattata con il massimo rispetto in questo momento difficile in maniera immaginabile".

 

 

Per Dave Grohl, in particolare, si tratta di una vera e propria tragedia. Perde non solo un musicista dal talento cristallino, ma anche un caro amico, rivivendo l'incubo che lo segnò nel 1994, con la morte improvvisa di Kurt Cobain, voce e anima tormentata dei Nirvana. 

 

"Un fratello, il mio migliore amico, una persona per cui sarei pronto a morire - così Grohl descrive Hawkins nel suo ultimo libro - Il nostro legame è scattato immediatamente, al primo incontro. Ed è cresciuto ogni giorno: a ogni canzone, a ogni nota suonata insieme. Era destino che ci incontrassimo, e sono grato di averlo potuto incontrare".

 

Nato a Fort Worth, in Texas, nel 1972, Taylor Hawkins era cresciuto in California. Aveva esordito con una piccola band, Sylvia, poi come batterista del cantante canadese Sass Jordan. A metà degli anni Novanta suonava in tournée con Alanis Morrisette, fino alla chiamata di Dave Grohl, per cominciare la splendida avventura con i Foo Fighters nel 1997.

 

Con il gruppo rock aveva pubblicato nove album, uno più bello dell'altro, scalando le classifiche di tutto il mondo, vincendo premi internazionali e guadagnandosi una stella nella Rock and Roll Hall of Fame. Taylor era stato anche voce, chitarra e pianoforte per i Foo Fighters in varie registrazioni.

 

Nel 2006, il batterista aveva pubblicato un LP omonimo con il suo progetto parallelo, Taylor Hawkins and the Coattail Riders, e occasionalmente aveva anche suonato con una cover band dei Police chiamata The Cops. I Foo Fighters hanno celebrato il loro 25esimo anniversario l'anno scorso e di recente hanno prodotto "Studio 666", un film horror rock.

 

Sono già tanti gli omaggi e i messaggi social pubblicati da amici e colleghi. Ozzy Osbourne ha ricordato Taylor Hawkins come "una persona eccezionale e un musicista incredibile", mentre Billy Idol ha definito la notizia "tragica".

 

 

Paul Stanley dei Kiss è "senza parole e sconvolto"; Ringo Starr, batterista dei Beatles, ha inviato "amore e pace" alla famiglia di Hawkins e al resto della band. "Totalmente increduli alla notizia della morte di Taylor Hawkins", hanno scritto i Nickelback.