TimGate
header.weather.state

Oggi 07 luglio 2022 - Aggiornato alle 06:00

 /    /    /  "Play Music Stop War", un concerto per dire no alla guerra
"Play Music Stop War", un concerto per dire no alla guerra

Matteo Romano - Credit: About srl

A ROMA18 maggio 2022

"Play Music Stop War", un concerto per dire no alla guerra

di Silvia Marchetti

Il 21 maggio, con tanti artisti uniti per la pace in Ucraina

Sabato 21 maggio, alle ore 18, in Piazza del Popolo a Roma, si terrà "Play Music Stop War", un evento a ingresso libero per diffondere, con la musica, un forte messaggio volto a sostenere il lavoro umanitario e l’accoglienza ai profughi dall’Ucraina promosso dalla Comunità di Sant’Egidio. Ecco gli artisti che saliranno sul palco.

 

>>>ASCOLTA MATTEO ROMANO SU TIMMUSIC!


Il concerto si aprirà con i finalisti di un contest, giunto alla sua decima edizione, che con la loro arte contribuiscono a diffondere messaggi per la solidarietà e l’integrazione.

 

Dalle 19.30 si esibiranno artisti e band che uniranno la loro voce per chiedere la fine della guerra in Ucraina e di ogni guerra nella convinzione che l’unico futuro possibile ponga le sue fondamenta sulla pace. La musica ha una grande forza ed è stata decisiva in momenti difficili della storia. Oggi lo può essere ancora.

 

La line-up di "Play Music Stop War" è composta da nomi amatissimi dal pubblico, provenienti da scene musicali differenti, ma saldamente uniti per la stessa nobile causa. Sul palco: Anastasio, Niccolò Carnesi, cmqmartina, Comete, Ditonellapiaga, Fasma, Fellow, gIANMARIA, Marco Guazzone, Giulia Luzi, Angelina Mango, Motta, Orchestraccia e Matteo Romano e tante altre sorprese.

 

Il concerto sarà presentato da Carolina Di Domenico e Pier Ferrantini con la partecipazione di Giulia Luzi e Carolina Rey, mentre la Social Band di Stefano Cenci accompagnerà nelle loro performance gli artisti sul palco.

 

Durante la serata saranno raccolti fondi per sostenere gli aiuti che la Comunità di Sant’Egidio da Leopoli sta facendo pervenire in tutte le zone colpite dal conflitto in Ucraina e l’accoglienza ai profughi nei paesi limitrofi e in Italia.