Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 15 maggio 2021 - Aggiornato alle 02:00
Live
  • 23:10 | Per la Giornata delle Api su TIMGAMES i clienti TIM giocano gratis a Bee Simulator
  • 00:49 | Il regista di "Parasite" dirigerà un lungometraggio animato
  • 00:02 | Basket, playoff Serie A: la Virtus soffre ma batte Treviso 88-83 in gara 2
  • 00:01 | Basket, playoff Serie A: Brindisi demolisce Trieste 86-54 in gara 2
  • 21:55 | Basket, playoff Serie A: l’Olimpia Milano piega Trento 93-79 in gara 2
  • 20:34 | Basket, playoff Serie A: Venezia ribalta Sassari e vince 83-78 gara 2
  • 18:40 | Giro d’Italia, Caleb Ewan fa il bis: sua la settima tappa
  • 18:23 | Italia: stop alla quarantena per chi arriva dall’Ue
  • 18:20 | Israele continua il bombardamento di Gaza
  • 18:16 | Le canzoni del disco di debutto di Sangiovanni (e una sorpresa)
  • 18:00 | Covid, in Italia altri 182 morti
  • 18:00 | Cindy Crawford: 55 anni di pura bellezza
  • 16:56 | MotoGP 2021, Francia: Zarco svetta nelle libere del venerdì a Le Mans
  • 16:55 | I protagonisti di "Supermercati che Passione", i video che spopolano su YouTube
  • 16:30 | Crollo delle nascite in Italia: 'Non ci sono i presupposti per fare figli'
  • 16:15 | Si è dimesso il segretario che accusò Meghan Markle di bullismo
  • 16:15 | Cena per famiglie: idee e menu per una serata insieme
  • 16:11 | "Electric", la nuova canzone di Katy Perry è un omaggio ai Pokémon
  • 15:36 | Dardust, ecco le date del tour "Storm and Drugs Live"
  • 15:35 | Vaccini anti-Covid: il nuovo record della Germania
Bauli in piazza a Roma Alcuni dei manifestanti a Roma - Credit: Daniele Mignardi Promopressagency
MUSICA, CINEMA E TEATRO 19 aprile 2021

Cos'è "Bauli in piazza" e chi sono gli artisti che hanno aderito

di Silvia Marchetti

Dopo Milano, anche Roma è stata invasa dai lavoratori dello spettacolo in crisi

Dopo il Duomo di Milano, anche Piazza del Popolo a Roma è stata invasa da un esercito di bauli, l’oggetto-simbolo dei lavoratori dietro le quinte, che manifestano per essere riconosciuti e ascoltati dal governo italiano.

Sabato 17 aprile si è svolta la seconda manifestazione nazionale del settore dello spettacolo e degli eventi duramente colpiti dalla crisi innescata dalla pandemia di Covid-19. Al loro fianco, c'erano anche decine di cantanti e attori famosi. 

 

Il senso della manifestazione

L'iniziativa, promossa e organizzata dall’APS "Bauli In Piazza", con oltre 1000 bauli schierati ai piedi del Pincio e 1500 lavoratori, si è svolta in modo pacifico e ordinato, nel rispetto del distanziamento e delle norme anti-Covid.

 

Al centro della protesta il numero “419”: tante le giornate trascorse dal 9 marzo 2020 al 17 aprile 2021, con il fermo delle attività produttive e culturali che vedono impiegati i lavoratori del settore, a causa delle restrizioni per la pandemia. Il numero 419 è stato rappresentato con un grande allestimento realizzato con 246 bauli e lo stesso numero ha scandito a livello visivo e sonoro l’intero flashmob ideato da Bauli In Piazza.

 

Obiettivi della manifestazione: 1) immediata istituzione di un fondo da erogare in soluzioni mensili a tutte le lavoratrici e i lavoratori dello spettacolo ed eventi, sia discontinui che partite iva, che coprano il periodo gennaio-dicembre 2021, per garantire una soglia minima di continuità di reddito; 2) immediato sostegno economico per le imprese della filiera basato sul fatturato annuo legato a spettacolo ed eventi; 3) immediata calendarizzazione di un tavolo interministeriale che, su parametri prestabiliti, imposti i modelli graduali di ripartenza del settore, per dare una visione prospettica e agibilità imprenditoriale; 4) immediata calendarizzazione di un tavolo interministeriale che affronti la riforma del settore con particolare riferimento alla previdenza e all’assistenza delle lavoratrici e dei lavoratori.

 

Bauli in Piazza

“La giornata di sabato ce la porteremo nel cuore, ci farà compagnia nei mesi a venire. La componente emotiva é stata enorme, rivedere gli amici e i colleghi 'riabbracciarsi', dopo mesi di incertezze, disgregazione, buio, é uno dei significati più profondi di questo sabato 17 aprile - dichiara Maurizio Cappellini, del Direttivo Bauli In Piazza - L’attenzione mediatica che abbiamo intorno, cresciuta anche grazie al sostegno degli artisti che hanno partecipato, e quelli che ci hanno appoggiato, non deve spegnersi, deve servire a traghettare tutto il nostro settore verso una nuova era. Questa é l’ultima occasione".

 

Il messaggio di Renato Zero

Poco prima dell’inizio del flashmob, un fuori-programma: a sorpresa è arrivato anche Renato Zero, che ha chiesto il microfono per rivolgere un messaggio di sostegno ai partecipanti: "Sono qui con voi per dimostrare che non abbiamo paura di salire su quel palco. La musica ha sempre guarito i cuori di tutti. Abbiamo fatto un lavoro come quello dei medici, perché la musica fa bene. E d'altronde anche la cultura è un modo intelligente ed efficace per crescere queste generazioni e farle diventare più consapevoli. Questi governi guardino di più al nostro destino, all'impegno che ci assumiamo nei confronti del popolo, degli altri, della gente: le persone hanno bisogno anche delle canzoni per andare avanti".

 

Gli artisti presenti a Roma

Insieme ai lavoratori dello spettacolo, tanti i personaggi provenienti dal mondo della musica, del cinema e del teatro che, grazie alle relazioni costruite in anni di tour e alla sinergia tra l’APS Bauli In Piazza, La Musica Che Gira e Unita, hanno partecipato alla manifestazione di Roma: Alberto Bebo Guidetti, Alessandra Amoroso, Andrea Bosca, Carlotta Natoli, Barbara Begala, Brunori, Chiara Tomarelli, Daniele Silvestri, Diodato, Elena Arvigo, Emma Marrone, Fabio Rondanini, Fabrizia Sacchi, Fiorella Mannoia, Flavio Insinna, Francesca De Martini, Francesco Bolo Rossini, Galeffi, Giorgia Cardaci, Giorgio Marchesi.

 

E ancora: Giulia Michelini, Giuliano Sangiorgi, Irene Ferri, Jacopo Olmo Antinori, Laura Nardi, Liliana Massari, Lucia Mascino, Manuel Agnelli, Manuela Mandracchia, Marco Bonini, Margherita Vicario, Max Gazzè, Michele Riondino, Mirkoeilcane, Renato Zero, Rodrigo D'Erasmo, Roy Paci, Sabina Guzzanti, Piotta, Roberto Zibetti, Saturnino, Virginio. Oltre a coloro presenti in piazza e al sostegno arrivato da tanti artisti sui social, sono stati di grande supporto anche Gianna Nannini, Luciano Ligabue e Piero Pelù che hanno firmato la linea di t-shirt BIG4BIP, patrocinata da Warner Chappell Music Italiana e dal Managing Director Roberto Razzini (presente alla manifestazione), il cui ricavato sarà destinato alle attività dell’associazione.

 

Il video per il governo

Alla manifestazione romana hanno aderito oltre 50 realtà, ospitate anche nel Media Corner moderato da Maura Gancitano ed Andrea Colamedici di Tlon, la scuola permanente di filosofia e immaginazione con cui Bauli In Piazza collabora. Le dichiarazioni raccolte andranno a comporre un video documento che verrà recapitato alle Istituzioni, una vera e propria sintesi delle voci che hanno composto la piazza, ognuna con la sua specificità.

 

La manifestazione si inserisce in una campagna di comunicazione internazionale promossa dalla rete We Make Events, nata in Inghilterra, oggi adottata in tutto il mondo e sostenuta da artisti come Mick Jagger e Dave Grohl, per dare voce e visibilità al settore, sia a livello governativo che sensibilizzando l’opinione pubblica.

I più visti

Leggi tutto su Intrattenimento