Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 03 dicembre 2021 - Aggiornato alle 13:00
News
  • 12:35 | L'aumento dell'occupazione ha riguardato solo gli uomini
  • 12:12 | Per i bambini non ci sarà obbligo vaccinale né Green Pass
  • 11:57 | Migranti, cos'ha detto Draghi sul coinvolgimento dell'Eu
  • 11:52 | Il calcio femminile è lo sport che cresce più al mondo
  • 11:48 | In Arabia il primo match point per Verstappen
  • 11:45 | Economia italiana, la forza di traino dell'industria
  • 11:39 | Wrestling, l’italiano Aichner per l’NXT Tag Team Champion
  • 10:12 | Lavoro, la ripresa è precaria
  • 09:45 | Le dimissioni del cancelliere austriaco Schallenberg
  • 09:29 | Tutti i nomi per sostituire Kjaer
  • 09:16 | Merkel lascia aprendo all’obbligo vaccinale
  • 09:16 | SBK 2022, Razgatlioglu continuerà a correre col numero 54
  • 09:01 | Il pazzo pareggio tra Lazio e Udinese (4-4)
  • 07:00 | I vaccini e i lockdown in Europa e le altre notizie sulle prime pagine
  • 02:04 | Lazio-Udinese 4-4: Acerbi illude i capitolini, Arslan pari al 99'
  • 23:52 | Rafa Nadal rassegnato: “Sarà Djokovic il primatista di Slam vinti”
  • 21:03 | Torino-Empoli 2-2: Romagnoli e La Mantia rimontano i granata
  • 17:48 | Economia, la ripresa forte dell'Italia
  • 17:30 | La classifica delle città più vivibili
  • 17:11 | Kjaer, coinvolti i legamenti: necessario l'intervento
“Gibbone” è il secondo album degli I Hate My Village, l’intervista I Hate My Village - Credit: Tuttorock
MUSICA 25 ottobre 2021

“Gibbone” è il secondo album degli I Hate My Village, l’intervista

di Giovanna Ghiglione

Ascolta subito il nuovo disco su TIMMUSIC e leggi qui l’intervista ad Adriano Viterbini!

Si intitola “Gibbone” ed è il secondo album degli I Hate My Village, supergruppo musicale formatosi nel 2018 dall'incontro di Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion) e Fabio Rondanini (Calibro 35, Afterhours).

Ecco l’intervista ad Adriano Viterbini a cura di Maurizio Donini di Tuttorock.

> > > Ascolta “Gibbone” su TIMMUSIC!

Ciao! Venite da quattro trascorsi musicali diversi, cosa vi ha portato alla creazione di questa band?

Piacere nostro! La band nasce da me e Fabio, che nel 2015 cominciammo a fare sessioni di improvvisazione in garage. Per esplorare la nostra passione comune, la sonorità africana. La prima applicazione del nostro incontro potete ascoltarla nel brano “Tubi innocenti”, nel mio secondo lavoro da solista (prodotto da Marco Fasolo, nel quale canta anche Alberto in un brano). Dopo questo episodio continuammo ad accumulare musica e interazione con un nuovo linguaggio molto personale, che decidemmo di evolvere provando dopo qualche anno (2018) a registrarlo per bene. Nacque così, il nostro primo lavoro, al quale seguì un tour pazzesco, che ci impressionò per potenza emotiva e ci incoraggiò a proseguire, come fosse un nuovo passo verso la nostra esplorazione ed esperienza musicale. Seguirono un EP di bonus track non inserite nella prima versione del primo album ed ore il “GIBBONE” EP. 

> > > Segui e ascolta gli I Hate My Village su TIMMUSIC!

IHMV doveva essere, a quanto si sa, un progetto spot, invece prosegue la sua fortunata storia, è stata la pandemia a portarvi alla decisione di un nuovo album? Andrete avanti con questo progetto in parallelo ai vostri?

I Hate My Village è un luogo dove riporre le nostre speranze e dove poter sperimentare senza paura, il nostro paesaggio dove poterci immergere o dove poter volare. Le cose nascono un poco per caso (come dovrebbe essere sempre) e ci lasciamo guidare da noi stessi. Non c’è progettualità, ma solo voglia di suonare e sorprenderci. Il nuovo ep è stato registrato facendo un esperimento col mio registratore a cassetta mesi prima dell’inizio della pandemia. Riascoltando quella session ci siamo subito accorti del fascino di quelle registrazioni, ed abbiamo immediatamente pensato potesse essere stato interessante pubblicare un lavoro così lo-fi. 

Il nome di I HATE MY VILLAGE come è nato e che significato gli avete voluto dare?

Il nome si rivela da sé dopo un viaggio su internet, alla ricerca di locandine di film horror e fantascienza. Succede che mi imbatto in questo film (I Hate My Village), dalla locandina disegnata in modo grezzo ed approssimativo, allo stesso tempo impattante, tanto che immediatamente fantastico su qualcosa di musicale. Scrivo a Fabio e gli propongo il nome, anche lui salta dalla sedia… Difatti sulla copertina del nostro primo album (ma anche su Gibbone), Scarful, l’artista che ha disegnato per noi le cover di questi due lavori, una parte si rifà a quel tipo di locandine africane dal tratto molto crudo e scoordinato. 

Chi ha avuto l’idea di chiamare Gibbone il disco?

Il titolo è venuto a me. Gibbone è un modo di dire usato nel nostro furgone (da Fabio) per definire quello stato d’animo in cui ci si trova quando dopo ore ed ore di autostrada ci si sente costretti nello stesso luogo, con un incontenibile voglia di uscire dalla gabbia. Ripensando a quegli episodi del tour, ho trovato ironico e liberatorio proporre gibbone come titolo:  è musica in direzione all’estremo opposto di quelle che fanno gli altri, siamo liberi  senza alcuna strategia, sperimentando e ci divertiamo, cercando di portare l’ascolto su un piano diverso immersivo, eccitate, cinetico. 

Quattro tracce che, personalmente, ho trovato diverse, ognuna con una sua personalità ben specifica e delineata. Dall’ambient, con un delizioso canto, di Yellowblack, ai suoni tribali di Gibbone, alla lucidità di Ami e l’aggressività di Hard Disk Surprize, rispecchiano le vostre diverse visioni musicali?

Yellowblack è l’unica traccia registrata in studio e finita a casa, la prima dell’ep, come un ponte tra il primo album e questo su registratore a cassette. In Gibbone, probabilmente, c’è l’influenza dei nostri ascolti, elettronica, ambient, l’amore per le ripetizioni, ed il fascino per la distorsione armonica e la compressione che distrugge tutto. Tutto coniugato nel nostro linguaggio, che di fondo è un grande errore di pronuncia; la nostra versione di alcune melodie e ritmiche africane è sgrammaticata, non vuole imitare niente. 

Disco a 3 e tour a 4 con Alberto Ferrari in aggiunta, cosa cambia? Ha partecipato anche lui al processo creativo?

Continua a leggere l’intervista su Tuttorock > > >

I più visti

Leggi tutto su Intrattenimento