Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 07 dicembre 2021 - Aggiornato alle 15:08
News
  • 15:00 | L'università italiana ha ancora pochi iscritti e pochi laureati
  • 13:05 | Per Brusaferro l'epidemia è in espansione in Italia
  • 12:30 | Patrick Zaki sarà scarcerato ma non è stato assolto
  • 12:18 | Covid: la situazione peggiora in Calabria e Lombardia
  • 12:03 | La prossima pandemia potrebbe essere peggiore di questa
  • 11:28 | ATP CUP: Italia sorteggiata con Russia, Austria e Australia
  • 11:07 | La Roma su Tolisso per il centrocampo
  • 10:55 | La situazione nella parte destra della classifica
  • 10:41 | Sulle terze dosi abbiamo accelerato ma siamo in ritardo
  • 10:21 | Vaccino obbligatorio per i dipendenti privati di New York
  • 10:08 | Il Milan sogna l’impresa contro il Liverpool
  • 10:00 | Il mercato dei libri festeggia un buon anno di vendite
  • 09:53 | Costacurta spinge il Milan verso l’impresa Champions
  • 09:15 | Cresce la tensione tra Verstappen ed Hamilton
  • 07:27 | L’Inter a caccia del primo posto nel girone di Champions
  • 22:53 | Cagliari-Torino 1-1, il Toro scappa, i sardi lo agguantano
  • 21:22 | Serie A, Empoli-Udinese 3-1, toscani a segno in rimonta
  • 20:52 | I tesori di Pompei: la Casa degli Amorini Dorati
  • 18:24 | Gli infortuni di Correa e Leao
  • 17:00 | Covid, i dati del 6 dicembre: tasso di positività al 3,1%
“Grizfolk” è il nuovo disco omonimo della band americana, l’intervista Grizfolk - Credit: Tuttorock
MUSICA 27 settembre 2021

“Grizfolk” è il nuovo disco omonimo della band americana, l’intervista

di Giovanna Ghiglione

Ascolta subito il nuovo disco dei Grizfolk su TIMMUSIC e leggi qui l’intervista!

Si intitola “Grizfolk” il nuovo album omonimo della band americana/svedese.

Ecco l’intervista a cura di Maurizio Donini di Tuttorock.

> > > Ascolta subito “Grizfolk” su TIMMUSIC!

Ciao e piacere di conoscervi. Siete una band per metà americana e metà svedese, mi viene subito da chiedervi quali gruppi ascoltavate da giovani.

Grazie per averci! Veniamo tutti da background musicali abbastanza diversi… Fredrik ha ascoltato artisti svedesi come Gyllene Tider, e poi molto rock classico, Van Halen etc. Adam è cresciuto nel sud americano ascoltando un sacco di musica americana e country: Tom Petty, Willie Nelson, ecc. Sebastian ha ascoltato molto hip hop e Bill ha studiato batteria jazz per la maggior parte della sua infanzia. 

> > > Segui i Grizfolk su TIMMUSIC!

Come è nato il nome della band, Grizfolk?

Quando abbiamo iniziato come band, Adam aveva una barba enorme che ci ricordava il personaggio Grizzly Adams, quindi come soprannome abbiamo iniziato a chiamarlo Griz Adams. Il progetto poi ha preso anche quel nome, finché non ci abbiamo pensato un po’ di più e volevamo qualcosa di più originale. Il “folk” in Grizfolk si riferisce alle persone, in particolare alla nostra comunità di fan e a noi. Siamo grizfolk, i nostri fan sono grizfolk, siamo tutti grizfolk in questo viaggio musicale insieme. 

Come è nato questo ultimo album? Quali difficoltà ha comportato lavorare durante la pandemia?

Abbiamo iniziato questo disco affittando una casa a Joshua Tree, in California, dove avevamo installato tutti i nostri strumenti e abbiamo anche dormito lì. Abbiamo scritto musica ed esplorato il deserto giorno e notte. Se non hai familiarità con Joshua Tree, è una città nel mezzo del deserto a circa 2 ore a est di Los Angeles, ed è veramente unica. C’è un sacco di storia musicale lì, e un certo tipo di magia che non può essere spiegata, ma ne siamo sempre stati attratti. Dopo aver scritto una manciata di canzoni là fuori, siamo tornati a Santa Monica e abbiamo registrato metà dell’album con Rich Costey, fino all’arrivo della pandemia, in quel momento tutto si è spento. A quel punto, ci abbiamo lavorato da remoto… tutti noi in luoghi diversi inviandoci file avanti e indietro l’un l’altro, trascorrendo molto tempo sullo zoom parlando della musica, facendola a distanza. 

Disco bellissimo, la scelta di non dare un titolo diverso all’album, Grizfolk, a cosa è dovuto?

A molte ragioni, riteniamo che questo album sia la migliore rappresentazione di chi siamo come band. Il nostro primo album conteneva molti sintetizzatori ed elementi elettronici, mentre il nostro secondo album era molto organico e crudo, e ora questo sembra che abbiamo trovato il giusto equilibrio. Stavamo anche cercando di immaginare il nome della band come un genere musicale a sé stante, che tutte queste canzoni riflettono. 

All’ascolto si passa da momenti pop ad altri proprio folk-rock, come è organizzato il vostro processo creativo? Avere ruoli e compiti diversi?

Siamo tutti cantautori, produttori e polistrumentisti. di conseguenza, chiunque di noi potrebbe iniziare una canzone e proporla, e a quel punto chiunque sia più ispirato può portarla avanti, a volte quell’impulso verrà scambiato avanti e indietro tra di noi diverse volte prima di potere dire che è una canzone finita. Siamo tutti affascinati dal processo di ispirazione e cerchiamo di non perdere mai il momento d’ispirazione quando arriva. Nel nostro spettacolo dal vivo, Adam canta e suona la chitarra, Fred suona la chitarra elettrica, Bill suona la batteria e Seb suona i tasti. Ma in studio, condividiamo tutti gli strumenti e scambiamo ruoli un poco. 

Con i vostri testi cosa avete voluto trasmettere? Mi ha colpito Be my Yoko.

Continua a leggere l’intervista su Tuttorock > > > 

I più visti

Leggi tutto su Intrattenimento