TimGate
header.weather.state

Oggi 25 settembre 2022 - Aggiornato alle 14:04

 /    /    /  Kurt Cobain dei Nirvana "rivive" nella playlist di TIMMUSIC
Kurt Cobain dei Nirvana "rivive" nella playlist di TIMMUSIC

La playlist di TIMMUSIC dedicata a Kurt Cobain dei Nirvana- Credit: TIM Press Office

MUSICA16 aprile 2020

Kurt Cobain dei Nirvana "rivive" nella playlist di TIMMUSIC

di Silvia Marchetti

20 canzoni per ricordare ;il frontman della band di Seattle scomparso nel 1994

Ci sono ancora tanti misteri che avvolgono la tragica morte di Kurt Cobain, voce dei Nirvana, una delle band più importanti della storia del rock mondiale. Il cantante fu trovato senza vita l'8 aprile 1994 nella serra della sua casa di Seattle. L’autopsia stabilì che il 27enne era morto tre giorni prima. Ad ucciderlo, un colpo d'arma da fuoco.

 

Il fucile Remington-M-11 con il quale, si presume, si sparò era poggiato sul suo petto, con la mano sinistra a impugnare la canna. Poco distante, una scatola di sigari contenente quantità ingenti di eroina. E poi quella lettera d'addio, indirizzata alla moglie Courtney Love e alla figlia. A chiudere il sipario sulla sua vita, ma di certo non sulla sua musica.

 

La morte di Kurt Cobain

Kurt Cobain è un simbolo degli anni '90, portavoce di un'intera generazione, uomo e artista dall'anima tormentata e dalla voce graffiante, che ha raccontato con il cuore e con la pancia il caos vissuto da tanti giovani. Kurt ha cantato storie vere, spesso crude e spogliate dall'ipocrisia, toccando temi come l'amore, l'odio, la fede, parlando anche di abusi, di eccessi e di feroce protesta contro le ingiustizie.

 

Per ricordarlo, TIMMUSIC ha creato una playlist con alcuni dei brani più importanti della sua carriera, dagli esordi con i Nirvana, fino all'ultimo grande album live con il quale si è voluto probabilmente congedare dalle scene, dal successo soffocante, lasciando tutti orfani del "poeta maledetto".

 

>>> ATTIVA TIMMUSIC

 

>>> ASCOLTA LA PLAYLIST DEDICATA A KURT COBAIN E I NIRVANA

 

La playlist di TIMMUSIC

Dal 1987 al 1994, i Nirvana hanno pubblicato tre album in studio, diversi dischi live, tra cui il mitico MTV Unplugged, e sei raccolte. Tra i brani più importanti del repertorio del gruppo grunge, del quale ha fatto parte anche Dave Grohl, attuale frontman dei Foo Fighters, vi sono pietre miliari del rock come Smells Like Teen Spirits (da Nevermind) ribattezzata "l'inno dei ragazzi apatici della Generazione X" e che in realtà si ispira alla storia di una ragazza che aveva vandalizzato il muro di un centro religioso, per protestare contro il gruppo che andava dicendo alle donne incinte che sarebbero andate all’Inferno se avessero abortito.

 

Da Nevermind a In Utero

E sempre dall'album Nevermind, sono tratte anche hit come Lithium (il cui testo parla di un uomo che, dopo la morte della fidanzata, si rivolge alla religione come ultima risorsa per mantenersi vivo ed evitare di suicidarsi), In bloom (sull’adolescenza e sulla confusione sessuale) e Come as you are (brano che descrive il comportamento ambiguo delle persone, ma il cui testo è ancora oggi al centro di numerose analisi e ipotesi).

 

Nella speciale playlist di TIMMUSIC dedicata ai Nirvana e al suo leader, non mancano Heart-Shaped Box, Dumb e Rape me (da In Utero del 1993), tre pezzi strepitosi contenuti in un concept album sulla vita e sulla morte, come si evince anche dalla copertina frontale (nata da un'idea di Kurt Cobain) e che raffigura un corpo femminile con ali d'angelo e feti.

 

Unplugged in New York

Si tratta del primo album "postumo" dei Nirvana, pubblicato il 1 novembre 1994, qualche mese dopo la morte di Kurt Cobain. Il disco, premiato con un Grammy, altro non è che la registrazione del concerto acustico tenutosi il 18 novembre 1993 per la celebre serie Unplugged di MTV.

 

Da questo progetto live, TIMMUSIC ha deciso di estrapolare alcune tracce come About a Girl, Pennyroyal Tea e The Man Who Sold the World. Quest'ultima è una cover del capolavoro di David Bowie del 1970. Non mancano All apologies e Jesus Don't Want Me for a Sunbeam, altra cover del pezzo indie pop dei Vaselines, a dimostrazione di quanto il talento dell'indimenticabile Kurt sia stato unico e senza confini.

 

LEGGI ANCHE: Il cardigan di Kurt Cobain (mai lavato) venduto a 300mila euro