TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 12:19

 /    /    /  Madonna ha deciso di non vendere il suo catalogo musicale
Madonna ha deciso di non vendere il suo catalogo musicale

Madonna- Credit: Dennis Van Tine Geisler / Fotogramma

IL MOTIVO04 agosto 2022

Madonna ha deciso di non vendere il suo catalogo musicale

di Silvia Marchetti

Una scelta diversa da quella di Springsteen, Sting, Dylan e altre star

La popstar mondiale Madonna non ha intenzione di vendere il proprio catalogo musicale, nonostante le siano state proposte, negli anni, cifre da capogiro. Una mossa che la distingue da quanto fatto di recente da tanti illustri colleghi. Ecco perchè Miss Ciccone ha preso questa decisione.

 

>>>ASCOLTA MADONNA SU TIMMUSIC!

 

Durante un'intervista rilasciata alla rivista Variety, Madonna ha spiegato il motivo per cui ha sempre rifiutato le proposte di acquisto del suo intero catalogo: ''Perché sono le mie canzoni''. Per poi rilanciare: ''Sto cercando modi interessanti e divertenti per ripubblicare il mio catalogo e presentare la mia musica a una nuova generazione''.

 

Con l'accordo firmato nel 2021 con Warner Records, Madame X gode oggi di maggiore libertà e può supervisionare e curare le ristampe, le uscite speciali e tutto ciò che ruota attorno alla sua musica. 

 

Insomma, quella di Madonna è una strada che va in una direzione ben diversa, se non opposta, rispetto a quella intrapresa da tante altre star della musica mondiale, come Bruce Springsteen, Bob Dylan, Sting, Justin Timberlake, solo per citarne alcune. Artisti che hanno ceduto i diritti delle loro canzoni per cifre milionarie.

 

Qualche esempio? Il Boss ha venduto i nastri e i diritti di pubblicazione dei suoi dischi alla Sony Music, firmando un accordo del valore di 500 milioni di dollari. Il poeta del rock, invece, ha ceduto tutta la sua musica registrata sempre alla Sony per circa 200 milioni di dollari. Justin Timberlake ha guadagnato oltre 100 milioni di dollari consegnando il suo intero catalogo musicale a Hipgnosis. Universal, infine, ha messo le mani sui brani di Sting, un affare da 300 milioni di dollari.