TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 11:07

 /    /    /  Anette Olzon Strong album
“Strong” è l’ultimo album di Anette Olzon, l’intervista

Anette Olzon- Credit: Tuttorock

MUSICA10 gennaio 2022

“Strong” è l’ultimo album di Anette Olzon, l’intervista

di Giovanna Ghiglione

Ascolta subito il disco dell’ex cantante dei Nightwish su TIMMUSIC e leggi qui l’intervista!

Si intitola “Strong” ed è l’ultimo album della cantante svedese Anette Olzon. Ecco l’intervista all’ex cantante dei Nightwish a cura di Fabio Loffredo di Tuttorock.

> > > Ascolta ora “Strong” su TIMMUSIC!

Ciao Anette, come stai? Nuovo album, descrivilo, com’è stato il processo compositivo delle canzoni?

Ciao! Va tutto bene e spero anche tu. Il mio album è un album metal con canzoni più veloci e più dure che mai.

Le canzoni sono state scritte durante la pandemia?

Sì, le ho scritte durante la primavera del 2020 quando la pandemia era al suo apice.

I testi sono influenzati da questo periodo difficile che stiamo vivendo?

No, non tutto l’album ma “Strong” che ho scritto sulla pandemia e anche “Sad” è una ninna nanna è una canzone che ho scritto per mio padre che purtroppo è morto a causa del covid in quel momento.

Perché il titolo “Strong”?

Quando ho scritto “Strong” è stata subito la mia traccia preferita e lo è tuttora e la parola STRONG sembra davvero il nome giusto per l’album. Da quando ho pubblicato l’album quest’anno, quando ho compiuto 50 anni, mi sento davvero più forte che mai e ho sentito che tutti abbiamo bisogno di essere forti quando guardiamo il mondo di oggi.

Da dove nasce la tua passione per il canto? So che hai studiato al conservatorio, suoni l’oboe, hai partecipato a vari musical!

Credo di aver sempre amato cantare, lo faccio da quando avevo solo pochi anni, mi disse mia madre. Ho cantato tutto il tempo e mi è sempre piaciuto cantare. Quando tornavo a casa da scuola cantavo le mie piccole canzoni inventate e poi tornavo a casa e cantavo musical e altri album per imparare. Tutta la mia famiglia suonava strumenti e mia madre è una cantante e faceva parte di gruppi durante la mia infanzia, quindi ce l’ho sempre con me.

Qual è il tuo musical preferito?

Difficile scegliere tra Dufvemåla’s Chess e Kristina, ma entrambi sono realizzati dai miei guru della musica Benny e Björn degli ABBA, che sono la mia band preferita di tutti i tempi e questi musical sono semplicemente i migliori che abbia mai ascoltato.

Nel tuo nuovo album c’è Magnus Karlsson, come è iniziata questa collaborazione?

Ci siamo incontrati mentre cantavo in Allen/Olzon e poi negli Hearthealer e ho constatato quanto fosse bravo sia come autore che come chitarrista, quindi ho subito detto alla mia etichetta che volevo scrivere con lui. Sapevo che sarebbe stato perfetto per aiutarmi a far suonare la musica come volevo e ci siamo divertiti a fare questo album ed entrambi vogliamo già iniziare con il prossimo.

“Parasite” è dedicato a qualcuno in particolare?

Continua a leggere l’intervista su Tuttorock > > >