Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 04 dicembre 2021 - Aggiornato alle 05:00
News
  • 00:15 | Per l'Aifa il 91% dei bambini non sviluppa sintomi
  • 23:24 | Eurolega: Milano cade anche a Berlino, vince l’Alba 81-76
  • 21:29 | Ancora nessuno è morto a causa della variante Omicron
  • 18:51 | Spalletti e la squalifica: 'Faccio fatica ad accettarla'
  • 18:28 | Covid, monitoraggio Iss: Rt in calo ma incidenza in aumento
  • 18:01 | Inflazione, un semplice punto della situazione
  • 17:52 | Sinner diventa un fumetto: si racconterà in un manuale illustrato
  • 17:00 | Covid, i dati del 3 dicembre: tasso di positività al 2,9%
  • 15:57 | Pioli: 'Vicini a Kjaer, se serve interverremo sul mercato'
  • 15:53 | A Milano la mostra sul sogno del Grand Tour d’Italia
  • 15:20 | La Fiorentina molto vicina a Ikoné
  • 14:58 | I tesori di Pompei: la casa di Decimo Ottavio Quartione
  • 14:44 | Inzaghi: 'A Roma serve una gara da vera Inter'
  • 12:35 | In Italia l'aumento dell'occupazione ha riguardato solo gli uomini
  • 12:12 | Per i bambini non ci sarà obbligo vaccinale né Green Pass
  • 11:57 | Migranti, cos'ha detto Draghi sul coinvolgimento dell'Eu
  • 11:52 | Il calcio femminile è lo sport che cresce più al mondo
  • 11:48 | In Arabia il primo match point per Verstappen
  • 11:45 | Economia italiana, la forza di traino dell'industria
  • 11:39 | Wrestling, l’italiano Aichner per l’NXT Tag Team Champion
Game of Thrones, scopri tutte le location della serie
SERIE TV 11 settembre 2019

Game of Thrones, scopri tutte le location della serie

di Giovanni Teolis

Islanda, Irlanda, Croazia, Spagna, Malta e Marocco: ecco tutti i luoghi in cui si è girato

Game of Thrones è stata la serie televisiva più seguita al mondo.

Battuto ogni tipo di record: dal numero di spettatori di media per puntata a quello di spettatori davanti a uno schermo per l’ultima puntata dell’ultima stagione (quasi 20 milioni solo negli Usa), passando anche dall’essere il primo programma televisivo a venire trasmesso in 173 paesi contemporaneamente e al numero di premi Emmy (47) vinti a fronte di ben 160 nomination (ed è anche la serie più piratata di sempre). Qualcosa di inimmaginabile.

Un successo travolgente a partire dalla prima puntata messa in onda dal canale statunitense Hbo il 17 aprile del 2011. Da allora, dopo 8 stagioni e 73 episodi, fino al 19 maggio del 2019, giorno in cui è andato in onda l’ultimo episodio, è stato un susseguirsi di risultati straordinari.

Quale il segreto? Probabilmente una combinazione di fattori: la fitta trama, l’attenta costruzione dei personaggi, i colpi di scena, l’eccellenza della produzione, l’ambientazione fantasy. Senza dubbio anche la straordinaria capacità di scegliere sempre il luogo giusto per girare anche una singola scena ha permesso a Game of Thrones di affascinare milioni di telespettatori. Una dote che ha regalato un altro primato: essere la serie televisiva più citata nei cataloghi turistici di viaggio.

Tanti fan di Game of Thrones, infatti, negli ultimi anni hanno deciso di lasciare i propri soggiorni e i propri divani per andare a vedere dal vivo i luoghi in cui sono state girate le scene più belle e suggestive della serie. Castelli, coste battute dal vento, caverne, giardini lussureggianti, arene, spiagge: non manca davvero nulla, nel catalogo Game of Thrones ce n’è per soddisfare tutti i gusti.
 

Game of Thrones, ottava stagione

E che l’associazione serie televisiva-tour turistico non fosse più un mistero lo si è capito in maniera evidente quando in concomitanza dell’ottava e ultima stagione di Game of Thrones, la più attesa, un’agenzia turistica – la Unforgettable Croatia – con sedi a Londra e San Francisco ha ideato addirittura un concorso in cui invitava i fan di tutto il mondo a indovinare quale sarebbe stato il finale. Il premio: un soggiorno di lusso per una settimana, oltre che un tour in alcune delle principali e suggestive location proprio della serie tv girate in Croazia. Spalato, Dubrovnik, le isole Hvar e Vis sono state le località che hanno dato nella finzione televisiva un volto a luoghi celebri della serie come Approdo del Re, Qarth e Braavos.


E a cercare di sfruttare la scia non ci sono solo le singole agenzie e i tour organizzati da privati, ma anche i canali ufficiali del turismo di nazioni come l’Irlanda che suggerisce sulla propria pagina percorsi ad hoc (3 giorni, 528 km da percorrere in macchina) per visitare i luoghi che hanno fatto da sfondo alle vicende nel Nord di Westeros. Possibile anche una tappa sul set di Grande Inverno, dove si è svolta la battaglia più costosa della storia della televisione (altro record), completamente costruito ex novo nella cittadina di Moneyglass in Irlanda del Nord. Il set, sebbene non sia visitabile, è ancora ben visibile. Che possa tornare utile per i prossimi già programmati spin-off?

Game of Thrones: in Irlanda

L’Irlanda del Nord è il paese che ha offerto più location a Game of Thrones di qualsiasi altro paese. Sono state infatti più di 20 i set allestiti nel corso delle otto stagioni della serie televisiva. La maggior parte di questi hanno ovviamente fatto da scenografia perfetta per le vicende che riguardavano soprattutto Grande Inverno, e quindi tutto ciò che riguardava la casata degli Stark. Bisogna poi anche aggiungere gli Studios Titanic di Belfast utilizzati dalla produzione per girare tutte le scene che si svolgevano invece negli interni.

La splendida Causeway Coast è una strada che collega Belfast a Derry e segue la frastagliata costa settentrionale dell’isola. Un luogo magnifico puntellato da castelli, grotte e scogliere assolutamente da non perdere e da visitare. Tra i paesaggi mozzafiato che si possono ammirare percorrendo questa strada si possono scoprire alcune delle più affascinanti location di Game of Thrones. Ecco l’elenco di quelle che non andrebbero assolutamente perse.

  • Audley's Castle e Strangford Lough
    A pochi minuti da Castle Ward c’è il castello di Audleys che si affaccia sul lago Strangford (che in Games of Thrones è stato il “Mare stretto”). Nei pressi di questo castello abbiamo visto accamparsi Robb, il figlio di Ned Stark, per nascondere il suo esercito mentre si preparava ad affrontare i Lannister. Qui tra l’altro il giovane Stark incontra Talisa per la prima volta, un incontro che sarà il preludio delle famigerate Nozze Rosse.

     
  • Il porto di Ballintoy
    Il porto di Ballintoy nella contea di Antrim è stato lo scenario di una serie di scene che riguardavano le Isole di Ferro. Una delle più importanti è quella che vede il ritorno di Theon a casa e il suo primo incontro con la sorella Yara. A Ballintoy Beach, poco distante, è stata girata la scena in cui Euron Greyjoy viene annegato per diventare il Re delle Isole di ferro.

     
  • Binevenagh
    La cima del Binevenagh, a Limavady, nella contea di Derry, offre una vista panoramica sul lago Foyle e sulle Sperrin Mountains. I fan di Game of Thrones riconosceranno questa location come quella in cui Daenerys, dopo essere stata salvata dal suo drago Drogon sopra la città di Meereen (stagione 5) viene prima avvistata e poi circondata da un'enorme orda di Dothraki a lei fedeli.

     
  • Carnlough
    Un pittoresco e piccolo porto in cui è stata girata la scena in cui, lungo la scalinata di pietra che scende verso il mare, Arya che, in quel momento si trova a Braavos, striscia dopo essere stata pugnalata e si tuffa in acqua per sfuggire all'Orfana nella sesta stagione.

     
  • The Dark Hedges / King’s Road
    Sulla Bregagh Road, tra Armoy e Stranocum, nella County Antrim si trova lo splendido viale di faggi del XVIII secolo che fa la sua comparsa nella seconda stagione di Game of Thrones quando Arya Stark scappa da Approdo del Re travestita da ragazzo. Arrivando molto presto al mattino o attardandosi la sera, così da evitare anche la calca dei tanti turisti, è possibile vedere il luogo in tutta la sua bellezza inquietante con i rami che si curvano e si intrecciano fino a formare una galleria naturale. In inglese sono chiamate anche “Siepi infestate” perché si dice che all’imbrunire appaia lo spirito di una Lady.

     
  • Castello di Dunluce
    Le rovine del castello medievale di Dunluce a Bushmills (contea di Antrim) sono arroccate sul bordo di scogliere sporgenti. Queste rovine sono state utilizzate per girare le scene ambientate nel castello di Pyke della casa della Greyjoy, coloro che regnano sulle Isole di Ferro. Il luogo sa essere anche dal vivo lugubre come appare nella serie e sembra essere il posto ideale per i racconti drammatici e le storie di spiriti che lo riguardano.

     
  • Le scogliere di Fairhead
    Le Fairhead Cliffs vicino a Ballycastle, nella Contea di Antrim, sono la parete rocciosa più alta dell'Irlanda del Nord. Qui sono state girate molte scene, tra cui anche quelle della settima stagione quando Tyrion chiede aiuto a Jon Snow oppure dove Jon Snow ha un “interessante” faccia a faccia con Daenerys e il suo drago.

     
  • Grotte di Cushendun
    A nord di Belfast, in prossimità della bella cittadina Cushendun, si trovano le Cushendun Caves, le grotte che fanno da sfondo allo sbarco di Davos Seaworth e Lady Melisandre durante la seconda stagione di Game of Thrones. In quelle stesse grotte sempre Lady Melisandre dà vita anche alla creatura ombra che ucciderà in seguito Renly Baratheon in nome del Signore della Luce.

     
  • Downhill Beach
    Downhill Beach, nella contea di Derry, è stata utilizzata soprattutto per le riprese che riguardavano Dragonstone. Ed è qui su questa sabbia che vennero sacrificati i sette dei da Lady Melisandre. Il Tempio di Mussenden, immediatamente riconoscibile in alto ad affacciarsi sulla spiaggia, è stato immortalato in diverse scene di Game of Thrones.

     
  • Inch Abbey
    A sud di Belfast a quattro chilometri a nord di Downpatrick, in questa abbazia cistercense del 1180 con una vista mozzafiato e con all’orizzonte Downpatrick Cathedral luogo in cui è sepolto San Patrizio, patrono d’Irlanda, sono state girate le scene in cui si ritrovano tutte le famiglie nobili fedeli alla casata degli Stark che, dopo aver appreso della morte di Ned Stark, incitano il figlio Robb ad entrare in guerra invocandolo come “Re del Nord!”. E qui che viene anche portato Jaime Lannister quando è fatto prigioniero ed è in questo luogo che Catelyn Stark troverà la morte insieme al figlio Robb per mano della casata Frey.

     
  • Larrybane Quarry
    Sulla punta settentrionale dell’Irlanda del Nord, situata accanto al sempre popolare Carrick-a-Red Rope Bridge, la Larrybane Quarry è il luogo in cui Renly Baratheon si accampa nelle Terre della Tempesta durante la seconda stagione ed è il luogo in cui Catelyn Stark incontra per la prima volta Renly Baratheon e Brienne giura di servire la Signora del Grande Inverno. E nella cava di gesso lì vicino viene girata la scena in cui Lady Brienne combatte in duello contro Loras Tyrell.
     
  • Portstewart Strand
    All'estremità settentrionale del paese, a 7 miglia a nord-ovest di Coleraine, alla foce del fiume Bann si trovano le ampie spiagge di Dorne. Qui, e non a Malta o in Croazia come si potrebbe inizialmente pensare, sono state girate le scene della quinta stagione quando Jamie Lannister e Bronn arrivano a Dorne, a sud di Westeros, in missione per riportare a casa Myrcelle, la figlia della Regina Cersei. Sempre qui Ellaria addestra e convince le Serpi delle Sabbie alla guerra contro i Lannister.

     
  • Saintfield
    A sud di Belfast, lungo la strada per Downpatrick, a Saintfield, appena fuori la città, si trova il campo in cui sono state girate le scene della famosa Battaglia dei Bastardi della sesta stagione.

     
  • Studi sul Titanic a Belfast
    I Titanic Studios si trovano a Belfast nelle Docklands. Questi sono tra gli studi cinematografici più grandi d'Europa e si chiamano così perché sono stati realizzati sul luogo in cui venne costruito il Titanic. È qui che sono state realizzate la maggior parte delle riprese quando queste si svolgevano negli interni.

     
  • Tollymore Forest Park
    È nei sentieri del Tollymore Forest Park (più di 1.600 acri) che vengono girate le scene ambientate nella Foresta Infestata: qui nella prima puntata i Guardiani della Notte trovano i corpi smembrati nella neve, qui sempre i Guardiani della Notte incontrano un White Walker; qui Tyrion e Jon parlano mentre si dirigono a nord verso il muro; qui avviene il tentativo di fuga di Theon Grevjoy quando viene inseguito da Ramsay Bolton. Sempre al Tollymore Forest Park è stata girata una delle prima scene di Game of Thrones, quella in cui Ned Stark trova un metalupo morto e sotto il ponte Altavaddy i figli di Stark ricevono tutti in dono i cuccioli rimasti orfani.
     
  • Castle Ward
    Questo castello del XIII secolo si trova a Strangford, nella Contea di Down, ed è uno dei primi luoghi che si vede nella serie: è qui infatti che nella prima puntata della prima stagione il piccolo Bran prende (con poco successo) lezioni di tiro con l’arco. Sono stati utilizzati i suoi interni per le scene che riguardavano i personaggi presenti a Grande Inverno. E anche l’inquietante bosco lì vicino è stata una location della serie. Si vede soprattutto nella prima, nella seconda e nella terza stagione






  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • Shane Castle
    Le rovine del castello di Shane si trovano a due passi dal Lough Neagh ed è stato per secoli oggetto di leggende e racconti popolari. Qui, negli oltre 2600 acri della zona, sono state girate moltissime scene: il torneo della Mano in onore di Ned Stark, l’arrivo del re Robert Baratheon a Grande Inverno, le segrete di Approdo del Re. Le sponde del Neagh sono state invece lo sfondo per il lungo viaggio di Brienne di Tarth mentre scortava Jamie Lannister ad Approdo del Re e per le terre congelate del nord. E qui sempre Jamie e Brienne hanno il loro duello.

Game of Thrones: in Islanda

L’Islanda da anni sta conoscendo un vero e proprio boom turistico. E a contribuire a questo successo è stato in parte anche Game of Thrones che proprio sull’isola ha allestito set, la maggior parte dei quali (non tutti) per girare le scene che si svolgevano al di qua o al di là della Barriera. Queste le location più visitate dai fan che arrivano fin qui.
 

  • Dimmuborgir
    In prossimità di Grjótagjá e del lago Mývatn, si trova questo campo di lava con rocce di forme inusuali e uniche. Nell’area ci sono anche grotte vulcaniche e particolari formazioni rocciose. È una delle più popolari attrazioni naturali del nord dell’Islanda. Qui Mance Rayder, il capo dei Bruti, monta il suo accampamento nella terza stagione. Qui Ygritte ruba la spada di Jon e lo porta nella grotta.

     
  • Dyrhólaey
    Dyrhólaey è una minuscola penisola sulla costa meridionale dell'Islanda, famosa per il panorama mozzafiato e per il grande numero di uccelli. Questa "isola" è visibile in Game of Thrones quando nella settima stagione Jon Snow decide di recarsi a Forte Orientale con una piccola forza per catturare un estraneo come prova della minaccia del Re della Notte.

     
  • Grjòtagjà
    È una sorgente di acqua calda vicino al lago Mývatn ed è stata la grotta dell’amore di Jon Snow e di Ygritte. In questo territorio perennemente ricoperto dai ghiacci ha sfilato l’esercito di Estranei guidato dal Re della Notte

     
  • Hverir
    Hverir è unica nel suo genere, dal momento che dal suo terreno emergono piscine di fango bollente, camini sibilanti e sorgenti calde. All'inizio della terza stagione, qui Sam Tarly vaga attraverso una bufera di neve impenetrabile. Questa in realtà è un'illusione, perché altro non è che la fitta nebbia che emerge da fenditure geotermiche.

     
  • Kirkjufell
    È sicuramente la montagna più fotografata d’Islanda e si trova sulla costa settentrionale non lontano dalla città di Grundarfjörður. In Game of Thrones fa la sua comparsa, e si può ben vedere sullo sfondo, sia in episodi della sesta che della settima stagione.

     
  • Nesjavellir
    Nesjavellir è un'area geotermica nel sud-ovest dell'Islanda e si trova a breve distanza in auto dal Parco Nazionale di Thingvellir. È il luogo in cui il Mastino Sandor Clegane e Brienne combattono alla fine della quarta stagione. E qui Arya lascia il Mastino ferito (sempre nella quarta stagione) prima di raggiungere il porto dove una nave la porterà alla città libera di Braavos.

     
  • La spiaggia di Reynisfjara
    Ai piedi di Kirkjufell, vicino alla cittadina di Vik, c’è la suggestiva spiaggia di sabbia nera di Reynisfjara. È caratterizzata anche da un’incredibile scogliera con colonne di basalto regolari e nel mare emergono affascinanti faraglioni. È stato il set della grande battaglia contro gli Estranei nella settima stagione di Game of Thrones.
     
  • Stöng í Þjórsádal
    È la ricostruzione di una vecchia fattoria e tuttora permette ai visitatori che vi giungono di conoscere come erano strutturati gli edifici passati e come vi si svolgeva la vita quotidiana. In Game of Thrones è la fattoria in cui tutti gli abitanti vengono uccisi dai Bruti una volta che questi hanno oltrepassato la Barriera. L'unico sopravvissuto è un ragazzino che troverà rifugio poi nel Castello Nero.

     
  • Svínafellsjökull
    Svínafellsjökull è un ghiacciaio e anch’esso offre una vista mozzafiato, lo stesso che si può vedere nella stagione 2 e 3 nelle scene che riguardano le vicende al di là della Barriera. È facilmente raggiungibile percorrendo la celebre Ring Road islandese. Sono davvero pochi i luoghi suggestivi come Svínafellsjökull.

     
  • Parco nazionale Thingvellir
    Si trova nel sud-ovest dell’isola a circa 40 km di Reykjavík e ha fatto da sfondo con le sue cascate, i suoi ruscelli e le sue rocce a molte scene di Game of Thrones: non è solo il territorio in cui si svolgono molte scene del viaggio di Arya e Sandor Clegane, di città in città, nella zona centrale del Westeros, ma fa da sfondo anche ai viaggi di Catelyn Stark e poi di Ditocorto e Sansa quando devono andare a Nido dell’Aquila.

     
  • Vatnajokull
    Con una superficie di oltre 13.000 km quadrati è il ghiacciaio più grande d’Europa. La sua estensione equivale all’8% dell’Islanda. In Game of Thrones, soprattutto nella seconda stagione, il suo panorama è stato utilizzato per rappresentare la terra misteriosa al di là della Barriera.

     
  • Þórsmörk
    Þórsmörk è un luogo molto popolare ed è una valle tra i ghiacciai Eyjafallajökull Mýrdalsjökull e Tindfjallajökull. Qui viene girata la scena in cui Jon Snow e il suo gruppo percorre le terre oltre la Barriera per catturare un estraneo.

Game of Thrones: in Croazia

È sicuramente uno dei Paesi che ha maggiormente approfittato della popolarità regalatagli da Game of Thrones, anche perché è più facilmente (ed economicamente) raggiungibile dell'Irlanda del Nord e dell'Islanda. Dopo ogni stagione della serie televisiva c’è sempre stata un’impennata di presenze di turisti desiderosi di vedere dal vivo alcuni dei suggestivi (e caldi) luoghi immortalati nella serie televisiva.
 

  • Dubrovnik
    La città vecchia di Dubrovnik è stata scelta per rappresentare uno dei luoghi più emblematici di Game of Thrones: Approdo del Re, la capitale dei Setti Regni e la maggiore città del continente di Westeros. Le grandi e robuste mura della città sono ripetutamente comparse sullo schermo di milioni di spettatori. Non solo: le sue strette strade hanno fatto da sfondo alla celebre scena in cui la regina Cersei, nuda, attraversa la città per compiere, insultata dal popolo, il “cammino del pentimento”. Anche la baia sulla quale si affaccia ha avuto uno spazio importante: è stata infatti il teatro della Battaglia delle Acque Nere, una delle più memorabili di Game of Thrones.


    Dubrovnik ha messo poi a disposizione della serie tv altre sue suoi edifici storici:
  1. la Fortezza di Lovrijenac, set principale della Fortezza Rossa, il cuore di Approdo del Re, il luogo in cui si trova l’ambito Trono di Spade (nella prima stagione per Approdo del Re è stata utilizzata una location a Malta);
     
  2. la Torre Minceta in Game of Thrones è la Casa degli Eterni ed anche il luogo dove vengono imprigionati nella seconda stagione i draghi e dove la regina Daenerys Targaryen ha alcune visioni su sé stessa e sul suo futuro;
     
  3. il parco di Gradac è stato invece il palcoscenico del banchetto delle Nozze di Re tra Joffrey Baratheon e Margaery Tyrellel, uno dei momenti più importanti della 4ª stagione.
  • Sibenik
    Questa cittadina in Game of Thrones altro non è che la città libera di Braavos, dove Arya, uno dei personaggi centrali della serie, prende servizio nella Casa del Bianco e del Nero. Nel labirinto di vicoli e stradine del centro storico, e in particolare in prossimità della Cattedrale di San Giacomo (la Banca di Ferro di Game of Thrones), si sono svolte le principali scene in cui è protagonista Arya nella sesta stagione, soprattutto quelle del combattimento contro l’Orfana.

     
  • La fortezza di Klis
    Distante 5 km dalla città di Spalato questa fortezza medievale usata per la difesa dell’intera Dalmazia dagli Ottomani e dalle loro invasioni altro non è che la Meereen di Game of Thrones, la città più grande della Baia degli Schiavisti. Nella quarta stagione qui i Grandi Padroni vengono crocifissi lungo le strade da Daenerys.

     
  • Parco Nazionale Krka
    Ricco di ruscelli e cascate e per giunta con una vegetazione rigogliosa, è stato più volte ripreso in alcune scene di montaggio di Game of Thrones.

     
  • Lokrum
    Di fronte a Dubrovnik, a un centinaio di metri di distanza, c’è l’isola di Lokrum, immortalata in Game of Thrones per rappresentare la città di Qarth. Il chiostro di un antico monastero benedettino è stato trasformato nei giardini dove la regina Daenerys incontra gli Eterni.
     
  • Ston/Stagno
    È una cittadina a sud della Croazia: le sue mura anche definite la “Grande muraglia d’Europa” sono ben conservate e sono state utilizzate per alcune scene che riguardavano eventi avvenuti ad Approdo del Re.

     
  • Arboreto di Trsteno
    Meraviglioso giardino botanico a una decina di chilometri da Dubrovnik: quegli alberi e quelle piante sono state utilizzate per girare le scene nei Giardini di Approdo del Re. Lì spesso Tyrion e Varys erano soliti passeggiare e discutere e lì nella terza stagione Sansa parla con Loras Tyrell del loro matrimonio mancato e con Margaery del suo fidanzamento.

     
  • Kastel Gomilica/ Castel Abbadessa
    In questa frazione della città di Castelli, una località balneare lungo la costa vicino Spalato, c’è una mini fortezza collegata con un ponte alla terraferma. Qui sono state girate alcune scene ambientate nella città di Braavos con il personaggio Arya, grande protagonista.

     
  • Spalato, Palazzo di Diocleziano
    Nel centro storico di Spalato, la più grande città della Dalmazia, si trova lo splendido palazzo fatto costruire dall’Imperatore romano Diocleziano. Le sue sale sotterranee sono state immortalate in Game of Thrones nelle scene la regina Daenerys protegge i suoi piccoli draghi quando è a Meereen, mentre tra i suoi corridoi abbiamo visto camminare Cersei. Poco distante dalla città, in una cava di pietra, Daenerys ha tenuto il discorso dinanzi a centinaia di schiavi liberati a Meeren.

Game of Thrones: a Malta

Da sempre l’isola di Malta è uno dei paesi maggiormente usati dalle produzioni cinematografiche di mezzo mondo. Una scelta che si spiega innanzitutto con il fascino e la varietà delle location che può mettere a disposizione. E questo è valso sin dalla sua prima stagione anche per Game of Thrones.
 

  • Il Convento di San Domenico, Rabat
    Di fronte a Mdina, Rabat ha un antico monastero meta di pellegrinaggio per una statua della Vergine Maria: all’interno del suo giardino, nella prima stagione di Game of Thrones, è stato utilizzato per alcune riprese di scene che si svolgevano ad Approdo del Re. Qui avviene un incontro chiave della prima stagione tra Ned Stark e Cersei Lannister, qui viene pronunciata la famosa frase “Al gioco del Trono o vinci o muori”.

     
  • La Finestra Azzurra
    Prima del suo tragico crollo nel marzo del 2017, a causa di una forte tempesta e di un’avanzata erosione naturale, era un arco naturale di roccia calcarea alto oltre 50 metri situato nella parte occidentale dell’isola del Gozzo. Qui nella prima stagione è stata girata la scena del matrimonio Dothraki tra Daenerys Targaryen e il Dothraki Khal Drogo.

     
  • Mdina
    È l’antica capitale di Malta, fondata dai Romani 4.000 anni fa, ed è conosciuta anche come la "città del silenzio". A promuoverla in Game of Thrones sono state le mura e le porte delle sue fortificazioni, veri e propri capolavori dell’architettura militare. Nella serie televisiva la porta principale di accesso alla città con il suo ponte è stato scelto per rappresentare la Porta di Approdo di Re, la capitale di Westeros. Nel terzo episodio della prima stagione si vede Lady Catelyn Stark arrivare ad Approdo del Re, passando proprio da questa porta. Non solo: in Piazza Mesquita Jamie Lannister e i suoi uomini attaccano Ned e le sue guardie e qui c’è l’ingresso e il balcone del bordello di Ditocorto.

     
  • Forte Ricasoli, Kalkara
    È una fortificazione costruita dai Cavalieri Ospitalieri sul promontorio che sovrasta il porto monumentale de La Valletta. Sebbene sia il forte più grande del paese non è aperto al pubblico; il luogo però viene comunque spesso utilizzato come set cinematografico (qui è stato girato anche Il Gladiatore). Nella prima stagione di Game of Thrones è stata la Porta degli Dei della Fortezza Rossa di Approdo del Re. Qui nella prima stagione Arya Stark viene confusa per una mendicante da un paio di guardie.

     
  • Palazzo di San Anton, Attar
    Nella realtà altro non è che il palazzo che ospita la residenza ufficiale del presidente di Malta. In Game of Thrones invece ha avuto un ruolo importante nella prima stagione quando ha dato forma alla Fortezza Rossa. È qui che re Joffrey, passeggiando sulle mura della Fortezza Rossa, mostra a Sansa le teste decapitate e infilate poi sulle picche, compresa quella di suo padre.

     
  • Forte Manoel
    Situato sull’omonima isola vicino alla capitale La Valletta, è una delle più importanti e storiche fortificazioni di Malta, costruita dai Cavalieri dell’Ordine di Malta nel 1700. In Game of Thrones è stata utilizzata come sfondo per i gradini del Grande Tempio di Baelor di Approdo del Re ed è qui che infatti il re Joffrey fa decapitare davanti a tutti Ned Stark, il Re del Nord.

     
  • Forte Sant’Angelo
    Un’altra fortezza di fronte a La Valletta, al centro del Grande Porto di Malta, sul promontorio che racchiude la città fortificata di Birgu. Anche questo forte è stato di proprietà dell’Ordine dei Cavalieri di Malta (era la sede del Gran Maestro) ed è consacrato a San Paolo, secondo la tradizione colui che ha convertito al cristianesimo gli abitanti di Malta. In Game of Thrones ha fatto da palcoscenico a uno dei momenti chiave della serie: qui Arya Stark aggirandosi nelle segrete della Fortezza Rossa, inseguendo un gatto ascolta per caso una conversazione rivelatoria. Ed è qui che è stato tenuto imprigionato Ned Stark.

     
  • Palazzo Verdala
    È un elegante edificio barocco del XVI secolo, dal 1987 residenza estiva del Presidente di Malta; il palazzo è circondato da una folta vegetazione, l’unica area boschiva di Malta. Qui la produzione di Game of Thrones ha deciso di girare l’incontro nella prima stagione nella residenza di Illyrio Mopatis, tra Daenerys e Khal Drogo prima del loro matrimonio.

     
  • Le scogliere di Mthaleb
    Sulla costa occidentale dell’isola si trovano queste suggestive scogliere (oltre 250 metri sopra il mare), apparse in Game of Thrones per immortalare uno degli accampamenti dei Dothraki. È qui che è morto Khal Drogo ed è qui che è stata appiccata la sua pira funebre. Sempre qui è stata ambientata una delle scene più memorabili, quella di Daenerys che emerge dalle fiamme con i suoi piccoli draghi.

Game of Thrones: nel Marocco

In Game of Thrones a dare spesso i contorni di Essos, la terra dove è esiliata Daenerys Targaryen, è spesso il Marocco. Sono diverse le location scelte dalla produzione nel paese nordafricano, tutte davvero memorabili.

  • Ait-Ben-Haddou
    La cittadella di Ait ben Haddou, sul fianco di una collina lungo il fiume Ouarzazate, è stata in Game of Thrones l’ambientazione di Yunkai, una delle tre grandi città-stato Baia degli Schiavisti. La città di Yunkai è governata da un'oligarchia di mercanti di schiavi. Sarà Daenerys a liberarla. Nella terza stagione i vicoli della Kasbah di Ait-Ben-Haddou fanno da scenario all’irruzione di Daario Naharis, Jorah Mormont e Verme Grigio intrufolatisi nella città per aprire i cancelli all’esercito di Daenerys e consentirgli quindi di conquistarla. Sempre qui è stato girato il finale della terza stagione, uno dei più amati e ricordati: Daenerys, una volta liberati gli schiavi, viene circondata da una folla immensa che la acclama come “madre” e liberatrice di catene.

     
  • Essaouira
    Essaouira è una città che si affaccia sull’Oceano Atlantico e la sua medina è iscritta tra i patrimoni mondiali dell’umanità. In Game of Thrones ha dato i contorni ad Astapor, la città in cui si reca Daenerys Targaryen per procurarsi i servi dell’esercito degli Immacolati. Sulle mura di Astapor avviene anche il tentativo di assassinare Daenerys, sventato poi dal cavaliere Barristan Selmy. In quelle scene si vede chiaramente la fortezza conosciuta come Skala du Port e il suo celebre bastione.
     
  • Ouarzazate
    A Ouarzazate, praticamente nel bel mezzo del deserto, c’è lo studio cinematografico Atlas Corporation Studio, uno dei più grandi al mondo grazie alla sua superficie di 322.000 metri quadrati. All’interno di questi studi sono state girate gran parte delle scene ambientate a Pentos, un’altra delle città liberate situate nella baia degli Schiavisti, e molti set di altre riprese, vengono conservati praticamente intatti. Qui sono stati girati anche film come Il Gladiatore e Babel.

Game of Thrones: in Spagna

Uno dei paesi a offrire location suggestive alla produzione di Game of Thrones è la Spagna. Con il susseguirsi delle vicende il paese iberico ha messo sempre più a disposizione come set cinematografico alcune meraviglie. Ecco quali sono.

  • Alcazar di Siviglia
    L’Alcazar di Siviglia, un palazzo reale sviluppatosi negli anni del regno cristiano della Spagna, ma con influenze architetturali islamiche, è patrimonio mondiale dell’Unesco. La produzione di Game of Thrones l’ha scelto come set per il regno di Dorne, quello governato dal principe Doran, fratello di Oberyn Martell. Le stanze dell’edificio principale, con le sue luci e i suoi particolari colori, sono state utilizzate durante le scene degli interni e anche il giardino è stato utilizzato per rappresentare i Giardini dell’Acqua, zona di svago della famiglia Martell.
     
  • Il Castello medievale di Almodóvar del Rio
    Il profilo del castello di origine romana, successivamente riedificato dal popolo berbero, è stato utilizzato in Game Of Thrones per rappresentare le mura rigogliose e gli enormi cortili di Alto Giardino della Casa Tyrell, una delle più grandi e ricche famiglie dei Sette Regni. Almodóvar del Rio si trova in Andalusia, nella provincia di Cordova.

     
  • Ponte Romano, Cordoba
    Il Ponte Romano di Cordoba, costituito da 16 archi, è stato utilizzato (con alcuni ritocchi digitali) in Game of Thrones per la rappresentazione del Ponte di Volantis, una delle Città Libere del Continente Orientale.

     
  • Arena Plaza De Toros de Osuna
    L’arena di Osuna, una città della provincia di Siviglia, è stata utilizzata per le riprese dell’Arena di Meeren. Qui, in quella che abitualmente viene usata per le corride, è stata girata una delle scene più belle dell’intera serie Game of Thrones, quando nella quinta serie il drago Drogon fa irruzione per portare in salvo Daenerys Targaryen dall’attacco mossole contro dai Figli dell’Arpia. L’arena ha una dei più grandi diametri di qualsiasi arena di Spagna.

     
  • Gaztelugatxe
    È un’isola spagnola lungo le coste della Biscaglia nei Paesi baschi; sulla parte più alta dell’isola sorge un eremo dedicato a San Giovanni Battista accessibile da uno stretto sentiero che attraversa il ponte in pietra solida e sale di oltre 230 gradini. Questa location è stata utilizzata per le riprese esterne della fortezza di Roccia del Drago: nella finzione della serie in cima alla salita si trova un palazzo ricreato digitalmente anziché l'eremo esistente. È il luogo in cui dimora Stannis Baratheon e lì nella settima stagione prende residenza Daenerys Targaryen una volta tornata a Westeros.
     
  • Anfiteatro romano di Italica, Santiponce
    A Italica, nella provincia di Siviglia, c’è un anfiteatro romano, probabilmente costruito da Traiano o Adriano (entrambi nati a Italica), uno dei più grandi per dimensioni e che poteva ospitare per i giochi che vi si tenevano fino a 25.000 persone. Nella settima stagione la Stagione 7 è stato la Fossa del Drago, il luogo in cui è avvenuto l’incontro tra Cersei Lannister, Daenerys Targaryen, Jon Snow e i loro rispettivi alleati. E qui che viene mostrato il non-morto incatenato. E qui anche che avviene l’incontro finale nell’ottava e conclusiva stagione.


     

    Foto: I giardini dell'Alcazar di Siviglia (© Credito: Massimo Alberico / Fotogramma)


     
I più visti

Leggi tutto su Intrattenimento