TimGate
header.weather.state

Oggi 22 maggio 2022 - Aggiornato alle 12:44

 /    /    /  joshua jackson serie tv attrazione fatale
Joshua Jackson nella serie tv ispirata ad “Attrazione Fatale”

Joshua Jackson- Credit: Scott McDermott/Peacock

RIVISITAZIONE24 gennaio 2022

Joshua Jackson nella serie tv ispirata ad “Attrazione Fatale”

di Giovanni Teolis

L’attore famoso per Dawson's Creek sarà nel ruolo che fu nel 1987 di Michael Douglas

Joshua Jackson, l’attore meglio conosciuto per essere stato Pacey in Dawson's Creek, è stato annunciato come protagonista della nuova serie tv tratta da Attrazione Fatale, il celebre film del 1987 con Michael Douglas e Glenn Close. Joshua Jackson in questo nuovo show televisivo prodotto dalla Paramount, interpreterà proprio il personaggio che fu di Douglas, Dan Gallagher. All’attrice Lizzy Caplan, già star di True Blood, Castle Rock e Masters of Sex, spetterà invece vestire i panni del personaggio che fu della Close, Alex Forrest.


Come annunciato dalla produzione la serie sarà una "profonda rivisitazione" dell'originale e racconterà di un uomo che diventa l'oggetto dell'ossessione della sua amante dopo una breve relazione extraconiugale. La storia "esplorerà l'attrazione fatale e i temi senza tempo del matrimonio e dell'infedeltà, attraverso la lente degli atteggiamenti moderni verso le donne forti, i disturbi della personalità e il controllo coercitivo".


"Joshua è un incredibile talento che crea personaggi meravigliosamente complicati sia sullo schermo che sul palcoscenico", ha detto Nicole Clemens, presidente delle serie originali alla Paramount+, in un comunicato. "Lui e Lizzy sono perfettamente abbinati per raccontare una storia sfumata e moderna sulle complessità della psiche umana. Siamo entusiasti di collaborare con loro per portare questa storia provocatoria e accattivante a una nuova generazione".


Attrazione fatale alla fine degli anni Ottanta fu un grande un successo al botteghino e di critica come dimostrano anche le sei nomination agli Oscar. Divenne presto anche un caso culturale per il suo legare il tema delle relazioni extraconiugali a quello della malattia mentale e delle ossessioni.