TimGate
header.weather.state

Oggi 16 maggio 2022 - Aggiornato alle 22:10

 /    /    /  videogiochi piu belli anni 80

VIDEOGAMES08 dicembre 2021

I 10 videogiochi più belli degli anni Ottanta

di Silvia Marchetti

Quelli che hanno davvero lasciato il segno e fatto sognare milioni di ragazzi

Sono trascorsi quasi 40 anni da quando si è verificato il Big Bang creativo e tecnologico che ha trasformato il videogame in qualcosa di assolutamente magico, riportando gli appassionati nelle proprie case, grazie agli Home Computer (come il Commodore 64 o lo ZX Spectrum), imparando un nuovo linguaggio senza più spendere una follia in monetine.

 

Abbiamo selezionato 10 videogiochi simbolo degli anni Ottanta, che hanno fatto sognare e divertito un'intera generazione di giocatori. Eccoli.

 

1) Castlevania - 1986

Armato di frusta (la Vampire Killer), il valoroso Simon Belmont si addentra nel castello di Dracula intenzionato a porre fine alla sua tirannia. Uscito su Famicom Disk System e convertito poi su NES dove troverà gloria definitiva, Castlevania è una delle saghe più amate e significative di Konami, con un’atmosfera horror da brividi e un tripudio musicale a 8-bit difficile da dimenticare.

 

2) Donkey Kong - 1981

Come dimenticare lo scimmione incravattato e Super Mario, all’epoca noto con il nome di Jumpman, di professione carpentiere?. Un arcade che con la sua semplicità e immediatezza ha sconvolto il mondo. Si gioca ancora oggi, che sia tramite emulazione, la versione NES o l’easter egg incluso in Donkey Kong 64.

 

3) Dragon Quest - 1986

Questo titolo ha gettato le basi dei giochi di ruolo giapponesi. Nei panni di un cavaliere si esplora una mappa piena di pericoli, visitando anche diversi dungeon alla ricerca di tesori preziosi.

 

4) Ghosts n Goblins - 1985

Uno dei giochi più difficili di sempre? Forse il classico Capcom. Nei panni del prode cavaliere Arthur, il giocatore deve provare a salvare l'amata principessa dalle grinfie del Diavolo. Ma per riuscire nell'impresa, occorre sconfiggere zombie, fantasmi, cani lupo e demoni già dalla prima schermata nel cimitero.

 

5) Mega Man 2 - 1988

La seconda avventura del robottino blu riprende quanto fatto nel predecessore e lo amplia all’ennesima potenza, segnando un grande passo avanti in termini di level design, qualità dei Boss e coinvolgimento. E si distingue per una difficoltà ancora più ardua.

 

6) Out Run - 1986

Il Racing arcade per eccellenza. Ha ottenuto vasta popolarità nelle sale giochi non solo per la sua giocabilità esplosiva, ma anche per la particolarità del cabinato a forma di macchina su cui sedersi per dare vita, con l’immaginazione, di star guidando per davvero un fiammeggiante auto sportiva.

 

7) Pac Man - 1980

È nato tutto da una pizza a cui era stata tolta una fetta. Quella visione ha spinto il genio creativo di Toru Iwatani a realizzare Pac-Man, una buffa pallina gialla che passa il tempo a divorare quanto più cibo possibile all’interno di un labirinto. A oltre 40 anni dal suo debutto, è ancora oggi uno dei giochi che vengono in mente quando si pensa a un coin-op.

 

8) Super Mario Bros - 1985

La prima vera, grande avventura di Mario. I giocatori partono in un viaggio al salvataggio della Principessa Peach nascosta in un castello sorvegliato dal malvagio Bowser. Per riuscire nella sua impresa, Mario mangia funghi e tocca fiori e stelle per ottenere poteri sovraumani con i quali sbarazzarsi dell’esercito del suo nemico.

 

9) Tetris - 1984

Il Puzzle Game per eccellenza e il videogioco più famoso di tutti I tempi, forte ancora oggi tra nuovi capitoli, riedizioni e cloni. Allineare figure geometriche che cadono dall’alto, per ottenere così grandi punteggi, è diventato un passatempo dal quale è sempre più difficile staccarsi. Prodotto in tutte le sale, di Tetris è indimenticabile soprattutto la versione Game Boy.

 

10) The Legend of Zelda - 1986

Miyamoto entra nella storia per aver dato vita, oltre a Super Mario, anche a The Legend of Zelda, action-adventure con elementi ruolistici che lascia al giocatore la libertà di esplorare il regno di Hyrule nei panni di Link. Alla ricerca dei dungeon nascosti all’interno della mappa, si cerca di trovare le componenti della sacra Triforza.