TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 11:32

 /    /    /  Come arredare una cucina quadrata
Come arredare una cucina quadrata

Interno di una cucina nuova appena montata- Credit: Pexels

ARREDAMENTO31 luglio 2022

Come arredare una cucina quadrata

di Melissa Viri

Idee per arredare una cucina.

Quando si progetta l’arredamento di una casa la disposizione dei mobili è una delle cose basilari da tenere presente, in quanto consente di ottimizzare gli spazi a disposizione anche se la casa presenta delle superfici dei vani che non permettono grandi invenzioni. Tra le cose che si devono valutare è importante tenere conto di forme dei mobili, sporgenze, e asimmetrie. Una delle cose più difficili è quella di arredare una cucina di forma quadrata. Ecco quindi una serie di consigli utili per chi si trova ad affrontare questo problema.

La cucina lineare

Chi sceglie di installare una cucina lineare deve posizionare tutti i mobili su un’unica parete e questa area è dunque quella di lavoro, mentre il resto della stanza viene destinato all’attività del pranzo. Si tratta di una soluzione semplice che è particolarmente adatta quando la cucina non ha grandi dimensioni, dai 3x3 ml ai 4x4 ml.

 

Disponendo la cucina in questo modo, oltre al vantaggio si hanno anche dei problemi dati dal fatto che il lavello, il fornello ed il frigorifero sono disposti sullo stesso lato. Questo accade soprattutto se la famiglia è numerosa, mentre se si tratta di una coppia o addirittura di un single, può essere superato. In questa disposizione si deve anche pensare all’altezza dei mobili per essere sicuri di avere il maggior spazio possibile.

La cucina parallela

Nel caso in cui la porta di ingresso sia al centro di una parete e su quella opposta si trovi la finestra, la soluzione ideale per l’arredamento di una cucina quadrata è quella parallela. Una soluzione che deve tenere conto di alcuni fattori importanti come l’ubicazione di tutte le unità di "lavoro" come ad esempio il lavello, il piano di taglio e quello di cottura.

 

In questo caso l’installazione dei mobili contenitori deve essere dal lato opposto rispetto all’area destinata al lavoro, così come gli elettrodomestici. Naturalmente se si vuole scegliere questo tipo di soluzione bisogna tenere presente la distanza minima di circa 2,5 metri tra i mobili che vengono posizionati sulle due pareti, per cui è maggiormente adattabile ad una cucina di dimensioni abbondanti.

Cucina ad angolo

La realizzazione di una cucina ad angolo, conosciuta anche come "cucina ad L", è una di quelle "universali" che si adattano a tutte le cucine, e si basa sul concetto classico del "triangolo di lavoro" per lavello, frigorifero e piano cottura. Una disposizione che è ritenuta molto valida anche dai progettisti di arredamenti, in quanto presenta un minor numero di inconvenienti per chi la utilizza. Per il lavello la soluzione ottimale è il posizionamento nell’angolo, dato che in questo modo occupa meno spazio e si può facilmente raggiungere da entrambe le parti.