TimGate
header.weather.state

Oggi 15 maggio 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  Come organizzare lo spazio di lavoro in modo funzionale
Come organizzare lo spazio di lavoro in modo funzionale

Spazi di lavoro e come organizzarli e arredarli perché siano confortevoli, belli e funzionali- Credit: iStock

ARREDAMENTO29 novembre 2021

Come organizzare lo spazio di lavoro in modo funzionale

di Melissa Viri

Lo spazio di lavoro funzionale e produttivo, dai colori agli arredi, all'ergonomia di scrivania e sedia. ;

Sapere come organizzare lo spazio di lavoro in modo funzionale è di fondamentale importanza se intendi godere del miglior comfort possibile e, soprattutto, se vuoi essere più produttivo.

Ecco alcuni suggerimenti utili al riguardo.

1. Gestione ottimale degli spazi

Considera in primo luogo l’estensione dell’aria dedicata allo spazio lavorativo: deve esserci perfetto equilibrio tra la superficie libera e quella occupata. Perciò, le scrivanie vanno disposte con criterio, ossia tenendo conto dell’orientamento delle finestre e dell’opportunità di sfruttare appieno la luce naturale.

 

Lo spazio di lavoro deve, perciò, essere arioso e non va affollato inutilmente. L’ambiente lavorativo risulterebbe troppo angusto.

2. Arredamento e colori sono importanti

Ogni spazio di lavoro ha il suo arredamento e i suoi colori ideali. Lo stile dei mobili deve essere in linea con la natura dell’immobile dell’ambiente lavorativo, onde evitare spiacevoli contrasti. Se lo spazio lavorativo si trova all’interno di un palazzo moderno, proporre mobili dallo stile antico non sarebbe la combinazione adatta, visto che ci sarebbe poca armonia.

 

I colori giocano un ruolo importantissimo sul personale: colori come il blu e il verde sono molto in voga negli open-space, perché rendono il contesto rilassante. Al contrario tonalità cromatiche eccessivamente cupe, finirebbero per appesantire l’atmosfera.

3. La scrivania

Organizzare lo spazio di lavoro in modo funzionale, vuol dire affrontare la routine con una marcia in più. L’ergonomia della scrivania, in tal senso, è decisiva, se tieni conto del numero di ore che passi seduto stando lì.

 

Il monitor del pc deve essere a una distanza di almeno 60 centimetri. In termini di altezza, è bene che sia attorno ai 75 centimetri, affinché i braccioli della sedia possano infilarsi senza intoppi sotto il piano di lavoro. Per ciò che concerne i materiali della superficie, è opportuno che siano opachi, in quanto non riflettenti. Lì potrai collocare ciò che effettivamente ti serve per svolgere i tuoi compiti di lavoro al meglio.

 

Oltre al pc, carta, portapenne, calcolatrice, post-it, magari un po’ più all’esterno la stampante.

4. Sedia da ufficio

La sedia da ufficio deve essere comoda, anche se non come una poltrona, perché rischieresti di andare incontro a un drastico calo dell’attenzione. Deve favorire l’assunzione di una postura corretta, visto che la permanenza su una sedia da ufficio è di diverse ore. L’altezza dello schienale e la profondità del sedile, perciò, devono essere regolabili

Conclusioni

Perciò, in riferimento a come organizzare lo spazio di lavoro in modo funzionale, prenditi tutto il tempo necessario. Citando Benjamin Franklin "ogni minuto speso a organizzare è un͛’ora guadagnata".