TimGate
header.weather.state

Oggi 25 settembre 2022 - Aggiornato alle 13:00

 /    /    /  letto giapponese qual e lo stile
Letto giapponese: qual è lo stile

Il letto giapponese- Credit: PEXELS

ARREDAMENTO13 maggio 2021

Letto giapponese: qual è lo stile

di Melissa Viri

Il letto nella tradizione giapponese

Essenzialità ed eleganza, unite a un design lineare, sono le caratteristiche del letto giapponese, che si ispira alla filosofia zen, corrente di pensiero basata sulla meditazione, sul senso del bello e su una globale armonia con la natura. Il letto originario della cultura giapponese si sta largamente diffondendo nel mondo occidentale tra gli amanti delle discipline orientali e gli appassionati di design per la sua semplicità e comodità.

Bastano infatti pochissimi elementi: un telaio basso in legno più o meno pregiato e un futon. Se desideri iniziare la giornata con il piede giusto, scopri in questo articolo qual è lo stile del letto giapponese.

Il letto nella tradizione giapponese

Nella tradizione giapponese, il letto è rappresentato dal pavimento, che sostituisce anche il tavolo, il divano e le poltrone. A copertura del pavimento si usa l’intramontabile tatami, una sorta di moquette costituita da stuoie confezionate con paglia di riso pressata ricoperta di bambù. Il tatami è abbastanza morbido, per cui dormirvi sopra, con o senza materasso, risulta molto confortevole.

Di solito però su di esso viene posizionato il futon, il materasso tradizionale della cultura giapponese, sottile e arrotolabile. Nella versione occidentalizzata del letto giapponese, il futon viene inserito su un telaio basso realizzato in legno.

Qual è lo stile del letto giapponese?

Lo stile del letto giapponese è essenzialmente comunione con la natura ed espressione della ricerca dell’equilibrio interiore, della pace e della serenità. Esso deve pertanto rispecchiare quanto più possibile l’armonia della natura, con uno stile improntato alla purezza e alle linee zen che unisce semplicità, eleganza e modernità.

L’estetica della camera da letto tipica del Paese del Sol Levante si contraddistingue per la sua essenzialità e capacità di infondere tranquillità: accessori minimal, colori neutri nei toni della terra, linee e materiali sobri la fanno da padrone, contribuendo al riposo del corpo e della mente.

Com’è fatto un letto giapponese

Il letto giapponese si compone di diversi elementi, ma alcune persone si limitano a usare il solo futon srotolato sul tatami o direttamente a terra. Esso si caratterizza per una struttura in legno bassa e a incastro, concepita per eliminare gli elementi in metallo, i quali avrebbero un’influenza negativa sul sonno.

Sulla struttura si appoggia il futon, realizzato in fibra di cotone, ma disponibile anche con imbottiture in corteccia o cocco. Questi materiali hanno forti proprietà termiche e isolano dai campi magnetici e dall’umidità, permettendo la traspirazione del corpo in estate. Inoltre sono ideali per chi soffre di allergie e di dolori vari.