TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 23:06

 /    /    /  top cucina come sceglierlo
Top cucina: come sceglierlo

Top cucina- Credit: iStock

ARREDAMENTO05 luglio 2022

Top cucina: come sceglierlo

di Maria Teresa Moschillo

Scegliere il top cucina è importante: ecco come orientarsi nella scelta, quali materiali preferire e quali evitare.

Il top cucina o piano cucina è sicuramente un elemento focale quando si tratta di arredare questo ambiente della casa. Si tratta della parte alta della cucina, la più superficiale, che viene adibita a piano di lavoro. Per questa ragione, quindi, è importante tenere conto di alcuni requisiti come la resistenza, la funzionalità e, non secondariamente, l'estetica.

Il top cucina deve rispecchiare lo stile di arredamento della casa

Iniziamo dall'estetica. Il top cucina va scelto rispettando lo stile di arredamento della casa e, ovviamente, della cucina. Non tutti i piani di lavoro si addicono a tutti gli stili, per cui è bene cercare di fare una scelta che sia coerente con l'aspetto dell'intero ambiente.

Attenzione a resistenza e funzionalità

Il top cucina deve essere funzionale, quindi pratico da utilizzare, e resistente. Trattandosi di un piano a stretto contatto con cibi, detersivi e fonti di calore, deve essere scelto in un materiale che si riveli durevole nel tempo, difficile da scalfire e anche di facile manutenzione. Preferite un piano cucina che sia semplice da pulire: risparmierete molto tempo nelle pulizie domestiche.

Dal legno al laminato, i materiali migliori

Sono tanti i materiali tra cui poter scegliere il top cucina ideale e ognuno di questi presenta vantaggi e svantaggi. Il più tradizionale è sicuramente il piano cucina in legno, adatto a uno stile classico ma anche allo stile country e shabby chic. Nonostante sia piuttosto resistente, il legno è un materiale poroso e rischia di macchiarsi facilmente. Inoltre, a lungo andare, potrebbe non reagire bene al calore e agli urti.

Tra i materiali naturali spiccano anche il marmo e il granito, molto versatili e di grande impatto visivo. Purtroppo, però, anche marmo e granito tendono a macchiarsi e inoltre presentano costi abbastanza elevati.

Negli ultimi anni si è ampiamente diffuso l'impiego dei top cucina sintetici, specialmente in laminato. Hanno un rapporto qualità/prezzo eccellente, sono molto resistenti e sono disponibili in tantissimi colori e finish diversi, quindi si adattano a qualsiasi stile.

Infine, anche il top cucina in acciaio è un'opzione da non sottovalutare. Altamente igienico in quanto antibatterico e facilissimo da pulire, è però soggetto a graffi superficiali e scalfiture. Una buona alternativa è rappresentata dall'acciaio spazzolato.

In collaborazione con Pianetadesign.it