TimGate
header.weather.state

Oggi 07 luglio 2022 - Aggiornato alle 07:00

 /    /    /  Cambio automatico o manuale? Pro e contro
Cambio automatico o manuale? Pro e contro

Fila di macchine- Credit: Pexels

COSTUME E SOCIETÀ11 maggio 2022

Cambio automatico o manuale? Pro e contro

di Melissa Viri

Sapere i pro e i contro del cambio manuale e di quello automatico si rivela cosa molto utile nel processo di acquisto della vettura. Vediamoli insieme.

Quando si acquista una macchina, per molti automobilisti, uno dei dubbi amletici spesso riguarda la scelta tra il cambio manuale e quello automatico. La decisione finale è sempre soggettiva, anche se occorre evidenziare come i passi in avanti del comparto tecnologico abbiano reso questi ultimi decisamente performanti.

Come scegliere fra cambio manuale o automatico?

Allo stato attuale delle cose, la maggior parte delle autovetture risulta equipaggiata con il cambio manuale. Il cambio automatico, invece, risulta prevalentemente presente come optional.

Chi guida l’auto prevalentemente nelle strade di città, farebbe bene a prediligere il cambio automatico, per una questione di comodità: il comfort assicurato dalla mancanza del pedale della frizione rappresenta un vantaggio tutt’altro che indifferente a fronte di soste frequenti, dovute al traffico cittadino.

Sulle tratte autostradali non trafficate, invece, il cambio manuale si lascia preferire. Il rapporto che si instaura con la propria auto è ovviamente di natura analogica e non filtrata.

I pro e i contro del cambio automatico

Il cambio automatico viene deciso dalla centralina, una volta raggiunto un determinato numero di giri. Nell’immaginario collettivo, per molti anni si è creduto erroneamente che le vetture dotate di cambio automatico fossero state ideate pe gli automobilisti con meno dimestichezza alla guida.

Le cose, però, non stanno così, visto che l’evoluzione tecnologica ha fatto in modo che anche le auto sportive di lusso disponessero del cambio automatico, fondamentale per i cambi di marcia in poche frazioni di secondo. Con il cambio manuale, tutto questo non sarebbe fattibile.

Tra i contro più evidenti spiccano i costi ampiamente superiori rispetto al cambio manuale. Si tratta di migliaia di euro di differenza. Anche i consumi di carburante tendono a lievitare, perché tocca alla centralina il cambio di marcia.

Questo avviene solo una volta che si raggiunge un regime di giri predeterminato. Con il cambio manuale, tocca all’automobilista adattare la marcia, tenendo conto del regime di giri.

I pro e i contro del cambio manuale

I puristi della guida a tutto rinuncerebbero, tranne al cambio manuale, perché desiderano avere il pieno controllo sulla loro auto. Il pretto, come detto, nel caso del cambio manuale risulta più economico. Anche il termini di manutenzione, i vantaggi sono palesi.

A livello di comfort, tuttavia, i contro sono evidenti, perché chi guida deve sempre usare il pedale della frizione per il cambio di marcio. Nei picchi di traffico cittadino, la cosa può rivelarsi piuttosto stancante.

Conclusioni

Sia il cambio manuale sia quello automatico presentano pro e contro. Nella scelta finale, però, tutto dipende da che tipo di utilizzo si intende fare della propria autovettura.