Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 14 maggio 2021 - Aggiornato alle 15:00
Live
  • 15:35 | Vaccini anti-Covid: il nuovo record della Germania
  • 15:30 | Regno Unito, i vaccini hanno evitato 12mila morti
  • 15:24 | Nuove accuse del principe Harry alla Royal Family
  • 15:23 | Italia: stop alla quarantena per chi arriva dall’Ue
  • 15:10 | Il derby tra Roma e Lazio, sabato sera
  • 15:09 | Katie Holmes ed Emilio Vitolo si sono lasciati
  • 15:01 | Amici 20, la finale: tutto quello che c'è da sapere
  • 14:44 | "Inacustico D.O.C. & More", tutto sul nuovo album di Zucchero
  • 14:33 | Chi è Riccardo Foresi, l’intervista all’artista marchigiano
  • 14:16 | Che fine ha fatto Bill Goodson, coreografo ad Amici
  • 13:59 | I migliori condizionatori a basso consumo: quali scegliere
  • 13:54 | Come evitare di sprecare il cibo
  • 13:47 | 5 posti dove fare il brunch all'aperto a Milano
  • 13:41 | Film che fanno piangere adolescenziali
  • 13:31 | 10 idee per fare amicizia con i vicini di casa
  • 13:19 | La Juventus si gioca tutto contro l’Inter
  • 12:54 | Ok a 4.300 tifosi per la finale di Coppa Italia
  • 12:44 | Le nuove uscite della settimana su TIMMUSIC
  • 12:26 | “Urban Inspirations”, lo show tv di Frankie hi-nrg mc
  • 12:10 | Per la Giornata delle Api su TIMGAMES i clienti TIM giocano gratis a Bee Simulator
I benefit più richiesti dai dipendenti durante la pandemia Smart working - Credit: iStock
COSTUME E SOCIETÀ 17 aprile 2021

I benefit più richiesti dai dipendenti durante la pandemia

di Melissa Viri

Vediamo in dettaglio quali sono quelli più ricercati.

 

Anche in questi mesi caratterizzati dalla pandemia, nei quali sono in primo piano la crisi economica che attraversa tutto il paese ed il ricorso alla cassa integrazione, si continua a parlare di benefit per i dipendenti.

Vediamo in dettaglio quali sono quelli più ricercati.

 

I benefit che sono richiesti dai dipendenti

Una indagine condotta recentemente da Harris Interactive su incarico di Sodexo e svolta nei mesi durante i quali si è avuta la seconda ondata in 8 paesi europei tra i quali anche l’Italia e nella quale sono stati intervistati quasi 5mila lavoratori dipendenti, ha prodotto dei risultati molto interessanti.

Al primo posto tra i benefit apprezzati dai lavoratori si stacca il gruppo dei premi immediati, con il 34%, seguito da quelli relativi al settore del food & beverage, con una percentuale del 24%, più alta di appena un punto percentuale rispetto alla possibilità di usufruire dello smart working e dei benefit finanziari che si sono fermati entrambi al 23%.

Gli ultimi posti nella ideale classifica dei primi 10 benefit più richiesti sono invece stati quelli dell’assistenza medica privata, con il 21%, le sovvenzioni per l’utilizzo dei trasporti pubblici, i programmi di formazione, i benefit relativi alla salute psico-fisica, è quelli a lungo termine, che sono richiesti da una percentuale del 20%, l’auto aziendale a disposizione e i servizi per bambini. L’ultimo posto, con la percentuale del 10%, è relativo alla carta di credito aziendale.

In questa situazione risulta molto importante per le aziende il fatto di puntare sui "flexible benefit" che servono a migliorare la qualità della vita dei dipendenti, sia per fidelizzarli verso l’azienda che per evitare di perdere i talenti migliori attirati da altre prospettive di lavoro. Una ricerca svolta recentemente da Eagle Hill Consulting ha infatti certificato come circa il 58% dei dipendenti sta lavorando in condizioni di "burnout" ed una percentuale del 25% sta pensando di cambiare azienda.

 

Molte preferenze sono variate negli ultimi mesi

 

Le preferenze dei dipendenti relativamente ai benefit sono variate in modo sostanziale tra le due ondate della pandemia e, se le maggiori richieste sono ancora per i premi a breve termine, al tempo stesso tra le rilevazioni estive e quelle autunnali la loro percentuale è calata di oltre 3 punti. Un’altra voce che ha perso punti in percentuale, 4, è quella della possibilità dello smart working, passando così dal precedente secondo posto in classifica al quarto.

Al contrario sono in risalita i benefit legati ai buoni pasto, che hanno fatto registrare un incremento del 2%, la stessa percentuale che è stata registrata sia dalla disponibilità della carta di credito aziendale che dalla possibilità di frequentare corsi di formazione professionale.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle