• News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Tecnologia
    • Gossip e Celebrità
    • Spazio Solidale
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 19 gennaio 2022 - Aggiornato alle 00:00
News
  • 22:37 | Eurocup, Bourg en Bresse espugna Venezia allo scadere 78-81
  • 17:50 | Covid, i dati del 18 gennaio: tasso di positività al 15,4%
  • 17:41 | Perché l'Indonesia cambierà la capitale
  • 17:00 | A Fabriano la mostra sulla pittura del Trecento marchigiano
  • 16:50 | Conferenza annuale Esa, Aschbacher: in autunno i nuovi astronauti
  • 16:21 | Haiti a 12 anni dal terremoto
  • 14:58 | Inter, in due salutano: Sensi alla Samp e Vecino alla Lazio
  • 13:51 | L'addio di D'Aversa: 'Derby e media salvezza non sono bastati'
  • 13:34 | Chi è la nuova presidente del Parlamento europeo
  • 12:11 | Australian Open, Sinner non sbaglia e vola al secondo turno
  • 12:09 | In quali negozi NON servirà il Green Pass
  • 11:53 | Le “Creature Fantastiche” popolano gli Uffizi di Firenze
  • 11:49 | La cerimonia in ricordo di Sassoli, a Strasburgo
  • 11:15 | Scuola e Covid, i presidi lamentano "enormi difficoltà gestionali"
  • 10:40 | Il nuovo record di dosi settimanali
  • 10:31 | La Juve vuole subito un nuovo centrocampista
  • 10:22 | Il terremoto in Afghanistan
  • 09:58 | La gran vittoria della Fiorentina sul Genoa (6-0)
  • 08:53 | La Cina annulla la vendita dei biglietti per l’Olimpiade invernale
  • 08:37 | Il Napoli vince a Bologna e sale in classifica
Musica matrimonio: risposte alle domande più frequenti Sposi che ballano al proprio matrimonio - Credit: iStock
COSTUME E SOCIETÀ 30 novembre 2021

Musica matrimonio: risposte alle domande più frequenti

di Melissa Viri

Ecco le risposte alle molte domande sulla musica per matrimonio. Consigli, idee e avvertenze per rendere il vostro giorno indimenticabile.

Tra i dubbi, le incertezze e le scelte da compiere per organizzare il giorno più bello, gli sposi si trovano ad affrontare anche la questione della musica del matrimonio.

Le possibilità sono molte e variano a seconda della location e del periodo dell'anno in cui si celebra il grande evento.

Musica dal vivo: pro e contro

Alcuni sposi possono valutare se scegliere la musica dal vivo per il proprio matrimonio. Su questo argomento, spesso, parenti e amici spendono numerosi consigli che finiscono per confondere la coppia.

Nonostante le apparenti difficoltà nella scelta delle voci più adatte e degli accompagnamenti musicali idonei, è innegabile che la musica dal vivo rechi notevoli vantaggi:

  • Atmosfera unica. La musica dal vivo contribuisce a creare un setting unico sia per gli sposi che per gli invitati che condividono il giorno speciale. L'impatto scenico e la suggestione contribuiranno a rendere indimenticabile il ricevimento.

  • Live. La possibilità di interagire con l'orchestra e i cantanti permetterà sia agli sposi di apportare qualche modifica alla scaletta, sia agli invitati di chiedere "la canzone preferita" o realizzare qualche simpatico scherzo.

  • Immedesimarsi nei brani. Il potere della musica realizzata dall'orchestra dal vivo permette a tutti i presenti di emozionarsi, vivere i brani e lasciarsi andare ai ricordi più belli.

  • Karaoke. Avere un'orchestra a propria disposizione durante il ricevimento di matrimonio permette agli sposi di creare un momento divertente come quello del karaoke. Amici e parenti si riuniscono intorno al microfono cantando la propria canzone preferita coinvolgendo, spesso, anche il resto degli invitati.

Gli svantaggi della musica dal vivo, invece sono:

  • Il prezzo. La principale controindicazione della musica dal vivo risiede proprio nel costo che, spesso, è elevato a causa del numero di persone che compongono il gruppo. Per ovviare a questo problema, molte coppie decidono di coinvolgere la band della quale fa parte lo sposo o la sposa: il divertimento sarà garantito.

  • Monotonia. Gli sposi devono anche porre particolare attenzione alla scelta dei brani da realizzare: non bisogna, infatti, scegliere canzoni di un solo genere. Sbizzarritevi, siate originali e scegliete le vostre canzoni preferite .

  • Scarsità della band. Ultimo svantaggio, ma non meno importante, della musica dal vivo è la qualità della performance della band. Appare, quindi, fondamentale che la coppia abbia già avuto l'occasione di ascoltare i brani in repertorio dall'orchestra per evitare spiacevoli sorprese.

Musica durante il ricevimento?

Il galateo è molto chiaro sulla musica da matrimonio; questa infatti deve essere abbastanza variegata.

Per accompagnare le prime portate durante il pranzo o la cena si consiglia il valzer come musica di sottofondo (i minuetti di Bach, le Sinfonie di Mozart sono l'ideale); con il trascorrere del pranzo o della cena, è necessario che salgano i toni della musica fino a quando gli invitati verranno naturalmente trascinati sulla pista da ballo.

Ecco allora che tutti apprezzeranno le canzoni di gruppo, come ad esempio, i brani dei Beatles, Led Zeppelin, The Rolling Stones, Pink Floyd, Queen, Deep Purple, Depeche Mode, U2 e molti altri.

Non va scordato che non possono mancare tutte le hit del momento. Nonostante queste ultime possano costituire degli elementi di novità per gli invitati "più vintage", contribuiranno ugualmente a creare un'atmosfera da festa.

Infine, come non ricordare la canzone per il primo ballo della coppia. Si tratta di uno dei momento più romantici del ricevimento e in questa circostanza la musica è davvero tutto.

Scegliete quindi la vostra canzone o comunque un brano che è legato a dei ricordi piacevoli.

DJ per la festa?

Chiamare il Dj: sì o no? è una questione molto discussa, soprattutto negli ultimi anni. Quello che è certo è che la presenza di un Dj contribuisce a movimentare la festa, soprattutto dopo il taglio della torta. Per questa ragione è un ingrediente che non può mancare al ricevimento di una coppia di giovani sposi.

Tuttavia, prima di prenotare, è opportuno valutare alcuni aspetti:

  • L'esperienza. Come per la scelta della band per la musica dal vivo, sarebbe perfetto se la coppia conoscesse il dj e il suo modo di lavorare. Per questa ragione molti sposi optano per un amico esperto di musica e che sa usare la consolle.

  • Impianto e attrezzature proprie. Può accadere che il dj debba affittare o addirittura chiedere in prestito l'attrezzatura comportando dei costi aggiuntivi al budget del ricevimento.

  • Flessibilità. Questa è una caratteristica importante per la scelta in questione. È opportuno, infatti, trovare una figura che sia disponibile ad ascoltare le richieste degli sposi circa le proprie preferenze musicali.

  • Cos'è incluso nel pacchetto. Bisogna avere chiaro fin da subito la proposta del professionista, soprattutto l'orario fino al quale è disposto a suonare; in questo modo eviterete sorprese sul prezzo stabilito in precedenza.

Chi sceglie le canzoni?

La sposa, spesso, vuole scegliere quasi tutto in un matrimonio, ma la musica è un ambito in cui lo sposo rivendica la propria volontà di scelta. Spesso la coppia si troverà in accordo circa il genere di musica da riprodurre durante il ricevimento e le prime portate del pranzo o della cena.

È tuttavia probabile che sorgano le prime divergenze quando si tratta della musica per la vera e propria festa. Ecco quindi che sarà necessario scendere ad un compromesso laddove i gusti non dovessero convergere o optare per gli "evergreen".

Oltre al gusto personale gli sposi dovranno tenere conto anche dell'età degli invitati. Si potrà, quindi, scegliere qualche canzone più datata e non si dovrà assolutamente escludere la musica per bambini.

Bisogna, infine, tenere presente anche che alcuni ristoranti, dove viene effettuato il ricevimento, hanno stipulato delle convenzioni con band, orchestre o cantanti. In questo caso, gli sposi potranno solo scegliere le canzoni, confidando nella collaborazione dei padroni della location.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle