Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 settembre 2021 - Aggiornato alle 01:00
News
  • 20:55 | SBK, Chaz Davies si ritirerà a fine 2021: “Pronto a voltare pagina”
  • 18:30 | Le foto di Robert Doisneau esposte a Rovigo
  • 16:38 | Rincaro bollette, le mosse del governo per ridurre l’impatto
  • 15:00 | Draghi: il governo non aumenterà le tasse, momento per dare non prendere
  • 14:30 | Vaccini, perché le prime dosi sono aumentate nell’ultima settimana
  • 14:29 | A Tokyo una libreria dedicata allo scrittore Haruki Murakami
  • 14:26 | Come sarà il clima nelle città italiane alla fine di questo secolo
  • 12:45 | Ad Art Basel 2021 artisti e opere di alto livello
  • 11:48 | Gli Usa hanno autorizzato la terza dose per gli over 65
  • 11:45 | Il Milan vince e riaggancia l’Inter
  • 11:40 | La prima vittoria in campionato per la Juventus
  • 10:12 | 7 cose da fare e da vedere a Ivrea
  • 09:40 | Nuova power unit per Leclerc, partirà ultimo in Russia
  • 06:30 | Elezioni federali in Germania: le cose da sapere
  • 06:05 | Il green pass in parlamento e le altre notizie sulle prime pagine
  • 06:01 | Basket, Scola a Varese non sarà solo il nuovo amministratore delegato
  • 03:23 | Green pass obbligatorio sul luogo di lavoro: le cose da sapere
  • 19:50 | MotoGP 2021, Zarco operato al braccio destro: ci sarà ad Austin
  • 19:25 | SBK 2021, programma e orari del GP di Spagna a Jerez
  • 19:00 | Covid, 3.970 nuovi casi con l'1,4% di positività
Sapete com'è nato il post-it? Un muro di post-it - Credit: iStock
COSTUME E SOCIETÀ 31 luglio 2021

Sapete com'è nato il post-it?

di Melissa Viri

I post-it sono nati negli anni '70 grazie, come spesso capita, ad una serie di fortunate coincidenze. Ecco la storia dei quadratini di carta colorata più celebri al mondo...

I post-it sono nati negli anni '70 grazie, come spesso capita, ad una serie di fortunate coincidenze.

Ecco la storia dei quadratini di carta colorata più celebri al mondo.

Com'è nato il post-it

Come molte altre intuizioni geniali, i post-it sono nati a causa di un errore e di una coincidenza. Alla fine degli anni '70 la 3M, l'azienda che nel 1930 aveva brevettato lo scotch, stava lavorando ad un collante molto potente. Il risultato fu molto deludente: una colla debolissima, ma che poteva essere riutilizzata più volte e non lasciava tracce.

 

Si decise di impiegare questo ritrovato, ottenuto praticamente per sbaglio, per creare dei segnalibri da attaccare alle pagine, evitando così di perderli. Nacquero così i celebri foglietti adesivi. Anche il loro colore giallo brillante fu il risultato di una coincidenza: in magazzino avanzavano dei fogli di quel colore e le prime prove vennero quindi fatte su quelli. Il risultato fu molto gradito e si decise quindi di mantenere il giallo.

Post-it: la storia di un successo

La 3M non era per nulla convinta delle potenzialità del prodotto e i primi test di mercato, eseguiti ben 3 anni dopo il completamento del progetto, sembrarono dare ragione all'azienda. Dopo i primi mesi però i classici post-it presero sempre più piede, trasformandosi in un successo costante ed ininterrotto che continua ancora oggi, quasi 40 anni dopo la pubblicazione.

 

I primi post-it erano gialli e quadrati, con un lato di 7,6 centimetri. Si tratta ancora oggi di uno dei formati più diffusi, ma nel frattempo la 3M ne ha messi in commercio moltissimi altri, con ben 62 colorazioni diverse.

3M e post-it fra tradizione e innovazione

Negli anni più recenti l'informatizzazione sempre più spinta di uffici e abitazioni non ha portato ad una crisi in casa 3M: i post-it vendono sempre di più. L'azienda si è comunque lanciata nell'informatica producendo una versione digitale del proprio prodotto. Si tratta di un software che permette di creare post-it virtuali da attaccare sul desktop del proprio pc o sullo schermo del tablet, su cui prendere appunti o copiare porzioni di testo.

 

I vantaggi di questi post-it digitali, oltre ad essere ecologici, è che possono essere espansi fino a contenere appunti molto lunghi e che è praticamente impossibile perderli. Anche la versione software dei post-it è stata un grande successo, tanto che molte altre aziende informatiche ne hanno ripreso il design lanciando programmi e app molto simili.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle