Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 13 maggio 2021 - Aggiornato alle 23:00
Live
  • 00:02 | Basket, playoff Serie A: Brindisi annienta Trieste 85-64 in gara 1
  • 00:01 | Basket, playoff Serie A: la Virtus stende Treviso 92-71 in gara 1
  • 20:41 | Basket, Serie A: Daye regala a Venezia gara 1, Sassari ko 92-91
  • 19:56 | Basket, Serie A: l'Olimpia Milano schianta Trento 88-62 in gara 1
  • 19:37 | Palù (Aifa): "Sì al richiamo Pfizer e Moderna a 42 giorni"
  • 19:36 | Giro d’Italia, sesta tappa e nuova Maglia Rosa
  • 19:08 | Israele-Gaza, venti di guerra
  • 18:17 | Un film sui primi giorni del coronavirus (negli USA)
  • 18:09 | “Knives Out 2”, si preannuncia un cast stellare
  • 18:00 | Covid, in Italia altri 201 morti
  • 17:58 | Il museo dedicato a Bob Dylan aprirà nel 2022
  • 17:37 | Due date live per Giordana Angi a fine 2021
  • 17:00 | Buon compleanno al principe Filippo di Svezia
  • 16:24 | J-Ax racconta l'esperienza con il Covid nel brano "Voglio la mamma"
  • 15:55 | Matteo Berrettini perde e saluta gli Internazionali d’Italia
  • 15:50 | Lorella Boccia ospita Alessandra Amoroso nel suo "Venus Club"
  • 15:13 | "N O R D", il disco d'esordio di ALFA spiegato canzone per canzone
  • 15:12 | Supplì al telefono senza carne, forse anche più buoni
  • 15:05 | Uovo in camicia: ricetta e guida per cucinarlo
  • 14:47 | Eurispes 2021, Fara: ragioniamo su 'ricostituzione' post-pandemia
Teste di moro: storia e arte della Sicilia Ceramica siciliana - Credit: iStock
COSTUME E SOCIETÀ 1 aprile 2021

Teste di moro: storia e arte della Sicilia

di Melissa Viri

L'arte costituisce un mezzo per esprimere l'essenza di una terra e del suo popolo

Le teste di moro rappresentano la storia che rimane sempre viva raccontando le vicissitudini di un'epoca.

Le testimonianze, infatti, non sono solo raccolte nei libri ma vengono trasmesse attraverso simboli che immortalano in maniera significativa un episodio. Le teste di moro rimangono sempre lì a testimoniare come si siano sviluppate le dominazioni straniere in Sicilia nel corso dei secoli.

 

Esse sono testimoni taciti ma vivi di sentimento profondo e difficilmente esprimibile a parole. Quei sentimenti che per convenzioni storiche, familiari e politiche vengono spesso soffocati. L'amore è il sentimento che sempre subisce le conseguenze di queste convinzioni ed è quello che paga il prezzo più alto. Vediamo, ora, di scoprire la vera storia, mista a leggenda, delle teste di moro siciliane.

Teste di Moro: arte antica e contemporanea della Sicilia

Le Teste di Moro sono diventate famose negli ultimi anni poiché sono un complemento d'arredo unico ed esclusivo che conferisce alla casa un tocco di eleganza e di raffinatezza. La lavorazione della ceramica è una delle attività più diffuse in Sicilia e regala vere e proprie opere d'arte di grande pregio. I ceramisti siciliani da sempre si ispirano a soggetti storici e mitologici che raccontano la Sicilia. Facendo un tour dell'isola è caratteristico vedere le teste di moro esposte in vetrine di negozi di souvenir. Ma cosa raccontano esattamente?

 

La storia delle teste di moro inizia in un'epoca molto remota. Si racconta, infatti, che durante la dominazione dei mori in Sicilia si sia verificato un episodio velato di fascino, ma allo stesso tempo, di vena macabra. Intorno all'anno 1100 d.C. i Mori dominavano la Sicilia e nel quartiere denominato Al Hàlisah ovvero pura, eletta, viveva una fanciulla bellissima. Essa viveva in una splendida dimora ma poteva osservare il mondo esterno solo dal balcone. Non le era, permesso, infatti, uscire da quella gabbia dorata. Passava il tempo ad innaffiare le piante su balcone. Un giorno passava sotto casa un Moro che appena la vide fu travolto da un impeto di passione per lei. La ragazza, corrispondendo l'attenzione, gli aprì la porta della sua casa.

 

Essi passarono del tempo insieme in preda questo forte sentimento. Purtroppo, ad un certo punto, il Moro confesso alla ragazza che doveva andare via poiché nel su paese lo attendevano la moglie e i figli. Ella ne rimase così turbata che meditò vendetta. L'occasione propizia si presentò non appena il Moro si addormentò: lo colpì a morte e gli staccò la testa. Con quel gesto ella si assicurò che il Moro sarebbe rimasto sempre con lei. Mise la testa sul balcone e la usò come vaso per piantare il basilico, simbolo di regalità. La pianta crebbe così rigogliosa e profumata che le vicine ne furono invidiose tanto da farsi costruire dei vasi di terracotta a forma di testa per piantare anch'esse il basilico.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle