TimGate
header.weather.state

Oggi 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 09:20

 /    /    /  Tutti i benefici della pet therapy
Tutti i benefici della pet therapy

COSTUME E SOCIETÀ09 luglio 2019

Tutti i benefici della pet therapy

Cosa fa davvero e perchè fa così bene?

Già nel Settecento l’Inghilterra ricorreva alla pet therapy stimolando le persone affette da malattie psichiatriche ad entrare in contatto con diversi animali prendendosene cura e acquisendo sempre più autocontrollo.
In Italia questa terapia dolce ha conquistato un suo riconoscimento solo nel 2009 e da quel momento in poi è entrata in vigore in molti luoghi, dagli ospedali alle case di cura alle comunità.

L’interazione uomo-animale è alla base della pet therapy che è, a tutti gli effetti, una co-terapia.

L’animale, a fianco di un ricoverato, rappresenta un enorme aiuto, tra i due si crea un legame e un’empatia che hanno effetti positivi sull’umore ma anche sulla socializzazione.

Gli animali che più ricorrono nella pet therapy sono comuni animali domestici come cani, gatti, conigli, ma anche tartarughe e pappapagalli.
In generale, gli animali per questo tipo di terapia devono presentare precise qualità fisiche e caratteriali: devono essere animali mansueti, abituati a stare con gruppi di persone.

Coloro che adottano la pet therapy sono specifiche figure professionali come educatori, fisioterapisti, terapisti occupazionali, psicologi, devono aver fatto dei corsi specifici ed essere costantemente aggiornati sugli sviluppi della pet therapy.
Esistono vari corsi accreditati (base e di specializzazione) che abilitano alla terapia e che si svolgono in varie città d’Italia.