TimGate
header.weather.state

Oggi 25 settembre 2022 - Aggiornato alle 13:00

 /    /    /  Yayoi Kusama opere: l'arte giapponese a pois
Yayoi Kusama opere: l'arte giapponese a pois

Yayoi Kusama- Credit: Account Instagram@yayoikusama_

COSTUME E SOCIETÀ21 febbraio 2022

Yayoi Kusama opere: l'arte giapponese a pois

di Melissa Viri

L'arte contemporanea si distingue da quella passata per la capacità di osare, di andare oltre certi schemi e di sorprendere l'osservatore.

La giapponese Yayoi Kusama si è affermata certamente come l'artista più rivoluzionaria e all'avanguardia a livello internazionale, con opere straordinariamente stravaganti e iniziative che ancora oggi fanno parlare, specchio della sua personalità brillante.

La geniale Yayoi Kusama

Yayoi Kusama è la massima espressione dell'arte a pois, dello sperimentalismo all'avanguardia, dell'espressionismo astratto e del psichedelismo. Le sue opere fanno parte del filone Infinity Nets, con dipinti che sembrano fuoriuscire dalla tela donando la sensazione di tridimensionalità.

Le sue sono morbide Soft Sculptures e in praticamente tutte le sue creazioni sono decorate con pois, coloratissime e vivaci. Tutto è espressione del disturbo che sin da piccola ha afflitto Yayoi Kusama: nata a Matsumoto nel 1929, sin da piccola la donna ha veduto, attorno ad animali e oggetti, auree luminose, che puntualmente trasformava in arte, sia dipinti che sculture.

Ostacolata dai genitori, la Kusama decide di lasciare il Giappone e di trasferirsi negli USA, prima a Seattle e poi nella Grande Mela, New York. È qui che si afferma come artista all'avanguardia, spesso scandalosa ma sempre di grande effetto, alla stregua di Donald Judd, Claes Oldenburg e Allan Kapraw.

Le sue opere vengono esposte praticamente nei musei più importanti al mondo ma nel 1975 torna in Giappone, dove, per via delle sue allucinazioni, finisce per diventare paziente fissa presso l'ospedale psichiatrico a Shinjuku, senza rinunciare mai a creare tanto da affittare un locale per dipingere in libertà.

Le principali opere di Yayoi Kusama

Nel corso della sua carriera Yayoi Kusama ha collaborato anche con grandi case di moda e cosmetici, dalla Lancôme a Lous Vuitton. Le sue opere più importanti però sono, sotto alcuni aspetti, molto border line e per questo calamitanti.

Si pensi ad esempio alle forme falliche dell'installazione One Thusand Boat Show, realizzata nel 1964 oppure all'installazione che l'artista realizzò sulla 14th Strada a New York: si sdraiò letteralmente sul marciapiede, in un tripudio di pois e falli.

Clamorosa l'iniziativa di Yayoi Kusama che, durante la Biennale di Venezia, si presentò senza essere invitata e gettò in laguna centinaia di sfere: il tutto faceva parte della realizzazione dell'opera dal nome Giardino dei Narcisi.

In Infinity Mirror Room invece Yayoi Kusama ha realizzato frammentato l'immagine di un corpo umano, riproducendolo migliaia di volte, grazie all'effetto caleidoscopico.