Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
    • Ricette
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 12 giugno 2021 - Aggiornato alle 23:00
Live
  • 20:30 | Eriksen vigile e stabile dopo il malore in campo
  • 19:51 | “Ted” diventerà una serie tv in live action
  • 18:54 | Microsoft, altri indizi sull'arrivo di Windows 11
  • 18:30 | Kim Kardashian e la divina indifferenza
  • 18:10 | Perché sorprende la vittoria della Krejcikova al Roland Garros
  • 17:32 | Euro 2020, Svizzera e Galles pareggiano. Italia prima da sola
  • 17:30 | Covid, i dati del 12 giugno in Italia
  • 17:03 | Sarà Rui Patricio a difendere i pali della Roma
  • 16:45 | SBK 2021, Rinaldi ha vinto Gara 1 a Misano su Razgatlioglu e Rea
  • 16:14 | Twitter, a breve l'integrazione delle newsletter di Revue
  • 14:30 | La piccola Lilibet è la bimba della pace
  • 12:30 | Vellutata di ceci, l'avete mai provata fredda?
  • 12:30 | Matrimonio estivi: i piatti al TOP e quelli FLOP
  • 12:25 | Fiorella Mannoia tra folk e denuncia: "La gente parla"
  • 12:00 | La grande mostra a Londra per celebrare Bob Dylan
  • 11:55 | Esiste un basso costruito con migliaia di mattoncini Lego (e funziona)
  • 11:37 | Da Verona a Taormina, ecco il "Coraggio Live Tour" di Carl Brave
  • 11:31 | Sanitari sospesi: come montarli e fissarli
  • 11:11 | Il primo giorno di Draghi al G7
  • 11:00 | Alimentazione sostenibile: che cos’è e come applicarla
Zaha Hadid: vita e opere dell'architetto di City Life Zaha Hadid nel 2010 a Roma - Credit: Agenzia Fotogramma
COSTUME E SOCIETÀ 7 maggio 2021

Zaha Hadid: vita e opere dell'architetto di City Life

di Melissa Viri

Zaha Hadid è l'architetto che ha lanciato una sfida permanente all’architettura

Se vuoi saperne di più delle opere, della vita di questo architetto che ha saputo cambiare le regole in fatto di costruzione degli edifici sei nel posto giusto.

Chi è Zaha Hadid

Zaha Hadid è sinonimo di coerenza, perseveranza e determinazione.

Ha fatto molto nel mondo dell'architettura e avrebbe fatto molto di più se la sua vita non fosse stata interrotta da una morte prematura a 65 anni. Dopo la sua scomparsa le sue creazioni architettoniche hanno continuato a sollevare polemiche e destare tanta ammirazione. Zaha Hadid è nata a Baghdad nel 1950 in una famiglia agiata, si è diplomata nel 1977 in matematica e ha iniziato a lavorare per Rem Koolhaas.

Vita e Opere di Zaha Hadid

Zaha Hadid inizia ad insegnare e a ricoprire ruoli in prestigiosi istituti come l'Architectural Association e in diverse università americane come Harvard e Yale. Nel 1979 fonda a Londra il suo studio di architettura Zaha Hadid Architects. Le sue idee, i suoi progetti e disegni sono notati, apprezzati ma destano anche molto fermento perché il suo stile è considerato troppo avveniristico e le sue creazioni, a detta di alcuni, sono irrealizzabili.

 

Zaha Hadid non cambia mai rotta, non si lascia intimidire e l'incontro con Peter Rice, un geniale ingegnere, la porta a collaborare a progetti tecnicamente complicati tra cui Centre Pompidou e l’Opera House di Sydney. I primi edifici che portano la firma di Zaha Hadid risalgono al 1993 e consistono in una residenza a Berlino e nella stazione dei pompieri al Vitra Campus. Da quel momento in poi Zaha Hadid diventerà uno degli architetti più influenti del pianeta, rivoluzionando il mondo dell'architettura stesso. Nel 2004 è la prima donna a vincere il Pritzker Prize, ossia il Nobel dell’architettura, i giurati riconoscono la sua visione chiara dell'architettura, capace di lanciare una vera sfida alla tradizione, ridisegnando forme e stili.

 

Dopo il premio i compensi per i suoi lavori lievitano, così come sono triplicate le sue creazioni che hanno continuato a seminare ammirazione e critiche. Nel 2010 realizza il MAXXI in Italia, con la costruzione di questo edificio si guadagna lo Stirling Prize. Le critiche per le pareti curve non si fanno attendere ma Zaha Hadid continua la sua sfida contro gli standard consolidati senza farsi intimidire mai. Lei amava osare e lo fece per tutta la vita. I budget delle opere che progetta sono altissimi come quello per la costruzione dello stadio delle Olimpiadi di Tokyo 2020 che costò più di 3 miliardi di dollari. Zaha Hadid quando fu ultimato se ne era già andata.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle