TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 15:33

 /    /    /  coltivare l'avocado
Avocado: dopo quanto fa i frutti e potatura

Seme di avocado che getta le radici nel bicchiere- Credit: iStock

GREEN18 agosto 2020

Avocado: dopo quanto fa i frutti e potatura

di Melissa Viri

L'Avocado è un frutto tropicale dalla polpa burrosa molto apprezzato sia in cucina sia in cosmetica

Oltre infatti a essere un ingrediente utilizzato per insalate, macedonie e la famosa salsa messicana guacamole, le sue proprietà lo rendono un alimento assai salutare, grazie all'alto contenuto di vitamine, lipidi, proteine e sali minerali.

 

Coltivarlo in casa è piuttosto facile e si ha l'opportunità così di gustare un avocado fresco e non trattato a km0.

Un avocado fatto in casa

Primo passo per la coltivazione dell'avocado è procurarsi un seme, ovvero il nocciolo nascosto nella polpa: una volta ripulito e lavato si può mettere in un bicchiere d'acqua, facendolo galleggiare con l'estremità più piatta immersa (è questa la parte che emetterà le radici). Per far sì che il seme non affondi basta infilzarlo con 3-4 stecchini da appoggiare ai bordi del bicchiere.

 

Ci vorranno all'incirca dalle 5 alle 8 settimane per l'emissione delle radici, stando attenti a ricambiare l'acqua per eliminare alghe e batteri: solo a questo punto, quando anche il germoglio spuntato dal seme raggiungerà i 15cm circa di altezza, potrà essere piantato in un vaso scegliendo terreno morbido e fertile, da esporre in un luogo luminoso e da innaffiare una volta a settimana.

 

Ci vorranno almeno 2 o 3 anni affinché la pianta di avocado raggiunga le dimensioni di un alberello, anche se per far sì che fruttifichi dovranno passarne almeno dieci.

Frutti e potatura

Passati circa dieci anni, i frutti di avocado saranno pronti per essere raccolti ed è facile capire il momento giusto tastando semplicemente la buccia: se affonda vuol dire che l'avocado è pronto per essere staccato dalla pianta e consumato.

 

Per arrivare a questo punto è però fondamentale la potatura dell'alberello: quando cresce non necessita di particolari interventi, ma da giovane l'avocado richiede più attenzioni.

 

Si tratta di effettuare una potatura di allevamento che consiste nell'eliminare le parti secche e danneggiate della pianta ma soprattutto i rami secondari: l'avocado, per crescere forte e rigoglioso, deve infatti concentrare le proprie energie su 4 o 5 ramificazioni principali.

 

È importante utilizzare strumenti ben affilati e disinfettati, praticando tagli netti e precisi, senza filamenti: questi infatti potrebbero attrarre insetti, sviluppando malattie che metterebbero a rischio la salute dell'avocado. Sarebbe utile anche usare prodotti cicatrizzanti sui tagli, essendo l'avocado, come tutte le altre piante, esseri viventi che potati subiscono vere e proprie ferite.