TimGate
header.weather.state

Oggi 05 luglio 2022 - Aggiornato alle 19:21

 /    /    /  Bici elettriche far durare di più la batteria
Bici elettriche, consigli su come far durare più a lungo la batteria

Bicicletta elettrica- Credit: iStock

GREEN02 aprile 2021

Bici elettriche, consigli su come far durare più a lungo la batteria

di Melissa Viri

La batteria rappresenta sicuramente uno degli elementi più importanti di una bici elettrica

Dopo qualche anno di utilizzo, infatti, la durata della batteria e le sue prestazioni tendono a diminuire con il risultato che a un certo punto la stessa deve essere sostituita sopportando il relativo costo; generalmente è opportuno procedere alla sostituzione quando la soglia è circa l'80% della capacità originaria. Vediamo quindi quali possono essere gli accorgimenti che possono essere seguiti per far aumentare la durata della batteria di una bici elettrica.

Ottimizzare le procedure di carica e scarica

Il primo accorgimento che possiamo seguire riguarda le operazioni di carica della batteria e della relativa scarica. Bisogna evitare che la batteria si scarichi al di sotto del 20% della sua capacità e che sia caricata quando è oltre l'80%; l'ideale è eseguire la ricarica intorno al 50% della sua capacità potendo allungare la vita della stessa almeno fino a 6 anni. Il motivo è da ricondursi principalmente al fatto che seguendo questa pratica, le celle all'interno della batteria tendono a deteriorarsi in maniera molto più graduale, assicurando in tal modo un notevole risparmio all'utilizzatore.

Altri consigli pratici da adottare

Nel momento in cui si acquista la bici elettrica è opportuno scegliere una batteria molto capiente, al di sopra delle reali necessità a meno che non risulti troppo pesante; subito dopo, se la e-bike sarà utilizzata sempre sullo stesso percorso, è bene capire di quanto la batteria si scarica ad ogni utilizzo, in modo da riuscire ad orientarsi sul 50% indicato in precedenza. Eventualmente si può pensare anche di acquistare un secondo caricabatterie da utilizzare, ad esempio, in ufficio in modo da far rimanere la carica della batteria sempre intorno al 50-60%. Precisiamo infine che se per necessità si deve procedere alla ricarica intera della batteria, questo non rappresenterà assolutamente un problema.

Uno sguardo all'elettronica di gestione

Sicuramente capire a che punto è arrivata la carica della batteria non è un'operazione semplice poiché la maggior parte dei dispositivi di carica permette solo di capire se la batteria è in fase di ricarica o la stessa è completata. Sarebbe opportuno che siano realizzati dei dispositivi, come peraltro già sono presenti per laptop e smartphone, che permettono di definire a priori quale percentuale di ricarica della batteria si vuole raggiungere, permettendo così di ottimizzare la durata della batteria.