TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 17:30

 /    /    /  Cosa si fa con la plastica riciclata
Che cosa si fa con la plastica riciclata: alcuni oggetti tra i più apprezzati

Bottiglie di plastica- Credit: Pexels

GREEN19 agosto 2021

Che cosa si fa con la plastica riciclata: alcuni oggetti tra i più apprezzati

di Maura Corrado

Oggetti di uso comune, capi d’abbigliamento e accessori super fashion: ;ecco qualche esempio

Riciclare la plastica è sempre più un imperativo etico e un’occasione di sviluppo economico. La percentuale di plastica riciclata nel mondo varia molto da Paese a Paese. Mentre nell’Unione Europea viene riciclato all’incirca il 33% dei rifiuti di plastica post–consumo, la percentuale negli USA scende al 10%. Ma cosa è possibile realizzare con la plastica riciclata?

> > > Leggi anche "La trasformazione della plastica in vaniglia" su Le Macchine Volanti!

Gli oggetti di uso comune

Con la plastica riciclata è innanzitutto possibile produrre alcuni oggetti che utilizziamo nella vita di tutti i giorni, come i contenitori per prodotti ortofrutticoli, in vari formati e dimensioni. Con le plastiche miste eterogenee, derivanti dalla selezione della raccolta differenziata dei rifiuti da imballaggi, si producono articoli per l’igiene della casa, come palette e scope. Con la plastica che copre i cavi elettrici (PVC), una volta riciclata, si ottengono i tubi utilizzati per i sistemi di irrigazione per giardini e serre. I carrelli e i trolley per la spesa vengono sempre più spesso realizzati in plastica riciclata: sono leggeri, robusti ed ecologici. Infine, con una miscela di polietilene riciclato e polietilene vergine si producono vasi da fiori di diverse forme, anche di grandi dimensioni: sono leggeri, atossici, resistenti agli urti e agli sbalzi di temperatura.

Tessuti e imbottiture

Riciclando le bottiglie monouso in PET, come le bottigliette d’acqua, è possibile ottenere soprattutto tessuti e imbottiture. Ad esempio, le imbottiture dei sedili possono essere realizzate con ovatte ricavate dal PET riciclato. Anche i tessuti dei rivestimenti, le moquettes e i tappetini possono essere realizzate utilizzando filati di poliestere proveniente dal riciclo di bottiglie. Con appena 20 bottiglie in PET è poi possibile produrre il tessuto di una morbida e calda trapunta. Il filo di poliestere ottenuto dal riciclo di PET consente anche la produzione di filati e tessuti per l'arredamento (rivestimento per poltrone e divani, ecc.) che, opportunamente trattati, raggiungono ottime caratteristiche ignifughe e antifumo. Passiamo al tessuto “pile”, di solito utilizzato per l’abbigliamento sportivo e per la casa. Le moderne tecnologie di riciclo permettono di trasformare in fibra di poliestere di qualità le comuni bottiglie in PET dell'acqua minerale.

Collezioni moda

Singoli pezzi o intere collezioni. La plastica riciclata diventa sempre più fashion. Negli anni più recenti, alcuni tra i più apprezzati brand di moda hanno “sdoganato” la plastica riciclata come materiale con cui realizzare capi d’abbigliamento, scarpe e accessori. È il caso, ad esempio, della collezione mare di Triumph per l’estate 2021. I pezzi di punta della collezione femminile sono i due pezzi, gli abiti da spiaggia e i costumi interi Botanical Leaf, realizzati con filato di poliestere riciclato dalle bottiglie di plastica usate e impreziositi da motivi multicolore ispirati alla natura, in stampe che interpretano al meglio il design di stagione. Passando dal beachwear al waterwear, quindi ai capi per chi pratica il nuoto in forma amatoriale o agonistica, Arena nei mesi scorsi ha lanciato la collezione eco-friendly per bambini Arena Friends, con costumi interamente realizzati in tessuto recycled. Più in particolare, sono prodotti con tessuto Yori Rec (82% recycled polyester – 18% elastan), la cui composizione in poliestere è costituita dalla fibra Repreve, realizzata per il 100% da materiale riciclato ottenuto dalle bottiglie di plastica.

Oggetti di design

Un altro settore in cui la plastica riciclata sta dimostrando di avere ottime potenzialità, di essere in grado di unire estetica e funzionalità, è il design. Sedie e lampade sono tra gli oggetti per l’arredo casa sempre più spesso realizzati in plastica riciclata. Qualche esempio? Le sedie Remind disegnate da Eugeni Quitllet e create con Recycled Grey. Si tratta di un materiale di colore grigio, in grado di celare le imperfezioni dovute al riciclo della plastica. Anche il colosso svedese Ikea ha presentato, già dall’inizio del 2020, una collezione di tessuti d’arredo in poliestere 100% ricavato da bottigliette in PET, per rivestire i cuscini e decorare le tavole con runner e tovaglie. Si chiama Musselblomma ed è disegnata da Inna Bermúdez.

Il Sacco e la lampada fonoassorbente

C’è poi l’iconico “Sacco” di Zanotta, che molti conoscono grazie ai film di Fantozzi, tra i pezzi più apprezzati del design Italiano. Questo elemento d’arredo - disegnato da Gatti, Paolini e Teodoro nel 1968 - è stato di recente “reinventato” in una limited edition sostenibile chiamata Sacco Goes Green. Il rivestimento è in Econyl, filamento ottenuto recuperando le reti da pesca in plastica dai fondali marini. L’imbottitura, inoltre, è formata da microsfere di BioFoam, una plastica biodegradabile ricavata dalla canna da zucchero. Per quanto riguarda le lampade, infine, Umbra Round by Impact Acoustic è una lampada led a sospensione, realizzata in plastica riciclata e sviluppata per rendere i luoghi di lavoro più casalinghi, in linea con le ultime tendenze.‎ Grazie alle sue proprietà fonoassorbenti, la lampada risolve il problema dell'acustica ambientale per quattro postazioni di lavoro.

I monopattini per bambini

Un oggetto per bambini che farà felici anche i genitori (e l’ambiente) è il monopattino in plastica oceanica riciclata prodotto dall’azienda svizzera Micro Mobility Systems. Sono due i modelli disponibili: Mini Micro Deluxe ECO, per bambini da 2 a 5 anni, e Maxi Micro Deluxe ECO, per bambini da 5 anni in su. In entrambi i modelli la pedana è realizzata in plastica green, resistente come la plastica vergine. Le proprietà fisiche sono identiche, gli standard qualitativi e di sicurezza sono gli stessi. Il richiamo all’ecologia è anche nel colore: entrambi i modelli sono realizzati nella stessa tonalità verde oceano che ricorda il mare e le reti da pesca e, infine, hanno il logo speciale sulla barra “Fabbricato con reti da pesca riciclate”.